25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/03/2005
IRAQ
Cristiani di Mosul, la luce della Resurrezione nel Calvario della guerra
di Marta Allevato

Messaggio pasquale del vescovo di Mosul: "Impariamo da Gesù, facciamo in modo che terrorismo e morte non abbiano l'ultima parola". Sacerdote locale racconta la preparazione alla Pasqua: chiese gremite, i giovani vanno a messa nonostante i divieti dei genitori. Liturgia abbreviata nella Settimana Santa per limitare il rischio attentati.



Mosul (AsiaNews) – A Mosul, teatro di rapimenti, sgozzamenti e violenze perpetrate dai ribelli sunniti e bande criminali, i cristiani vivono sotto continue minacce. Ma se il passaggio dalla vita alla morte è il senso della Pasqua in tutto il mondo, la certezza della Resurrezione è il marchio della vita dei cristiani irakeni che sembrano ricalcare lo stesso cammino di Gesù. "Abbiamo attraversato il 2004, il nostro Calvario, tra dolori e distruzione, ma c'è ancora vita, non siamo fuggiti, siamo ancora qui, perché siamo certi della Resurrezione". Padre Ragheed Ganni, segretario del vescovo di Mosul - nord Iraq - racconta ad AsiaNews il significato del sacrificio di Cristo in una città martoriata dalla guerra, dove la Croce delle violenze quotidiane non impedisce ai cristiani di continuare a testimoniare eroicamente la loro fede.

Il sacerdote spiega che oggi più che mai seguire l'esempio di Gesù è una necessità non solo per i cristiani ma anche per tutti gli iracheni. Lo afferma anche il vescovo caldeo di Mosul, mons. Paulos Faraj Rahho, che nel messaggio pasquale di quest'anno invita a cogliere attraverso l'odio, la paura e le bombe l'autentico significato della Resurrezione: "Assassini, terrorismo e paura non devono avere l'ultima parola in Iraq. Come Cristo ha vinto la tomba e la morte, ciò che alla fine deve trionfare è la Vita e l'Amore".

Secondo il sacerdote 33enne, il popolo iracheno in questo momento è simile a quello d'Israele, che "ha attraversato il Mar Rosso della guerra lasciandosi alle spalle la schiavitù, per dirigersi verso una nuova vita, piena di speranza". La conferma è la forte presenza di fedeli alle funzioni di questa Quaresima. P. Ragheed racconta che tutti i venerdì la chiesa di San Paolo, vicino al vescovado distrutto dalle 2 bombe del 7 dicembre 2004, era "piena di gente che partecipava alla Via Crucis". "Il fatto che nelle chiese ci sia lo stesso numero di fedeli dell'anno scorso è già un segnale positivo". Il sacerdote non nega, comunque, che ci sia paura tra la gente. "Noi stessi cerchiamo di celebrare messe più brevi per limitare il rischio di attacchi e anche nella Settimana Santa la liturgia sarà abbreviata".

Il prete racconta che la Domenica delle Palme è stata un'eccezione: "Nella mia parrocchia, la chiesa dello Spirito Santo, abbiamo celebrato una messa andata avanti per ore. Incoraggiati dalla grande affluenza dei fedeli, tutti avevano un gran bisogno di poter pregare".

La Settima Santa, però, procede con cautele e precauzioni. "Ci regoliamo giorno per giorno in base a quanto succede quotidianamente. Per le celebrazioni serali cercheremo di farle terminare prima del tramonto, quelle mattutine, invece, inizieranno sempre dopo le 8.30". P. Ragheed aggiunge che in diverse parrocchie della città prima della Veglia di sabato saranno celebrati anche alcuni  battesimi.

A Mosul, i rapimenti, le minacce di morte, il pagamento dei riscatti costituiscono una vera e propria industria. "I cristiani, essendo una delle categoria più ricche – spiega - sono nel mirino di gruppi intenzionati a rapirli in cambio di ingenti riscatti".

Tutto questo però non sembra spaventare la comunità dei fedeli. Il segno di speranza più forte arriva dal "coraggio dei giovani". "Continuano a venire in chiesa nonostante i divieti dei genitori, preoccupati per la sicurezza". "Quelli più forti - racconta - cercano di dare coraggio agli altri. Nella chiesa di San Paolo, 2 volte a settimana, hanno organizzato incontri di preghiera e riflessione su temi proposti da loro stessi, come il digiuno, la preghiera".

Anche il volontariato a Mosul è atto eroico. "I ragazzi – ha detto il sacerdote – si offrono spontaneamente per fare servizio d'ordine fuori dalle chiese durante la messa, che dopo l'attentato continuiamo a celebrare in un salone sottostante il vescovado". P. Ragheed spiega che, partecipando alla vita della parrocchia, i giovani "si sentono parte del mondo" e non isolati nella loro sofferenza. "In molti – dice – desiderano andare alla Giornata mondiale della Gioventù a Colonia".

Le giovani coppie sono un altro segnale della fiducia dei cristiani in un futuro migliore: "Ultimamente celebro due, tre matrimoni al mese e queste coppie sono la prova che la vita continua, che c'è speranza di poter costruire qualcosa di buono".

Dopo 7 anni di studio in Italia, l'anno scorso p. Ragheed  è tornato volontariamente in Iraq per stare vicino ai suoi fedeli durante la guerra. Il 7 dicembre 2004 ha assistito all'attacco dinamitardo al vescovado di Mosul, eppure continua ad essere testimone di una fede senza paura. "La forza che viene da Dio - dice - non si  può spiegare" e allora si affida alle parole di San Paolo: "Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte" (2 Cor. 12, 10).

La diocesi cattolica caldea di Mosul, guidata da mons. Paulos Faraj Raho, conta 35 mila fedeli e 12 parrocchie. I preti diocesani sono 22, 8 i religiosi e 20 le religiose. La parrocchia di San Paolo comprende 750 famiglie, quella dello Spirito Santo circa 900.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/03/2005 IRAQ
Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese
21/03/2005 iraq
Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
18/04/2014 IRAQ
Patriarca caldeo: Giovedì Santo assieme a disabili ed emarginati, cristiani e musulmani
di Joseph Mahmoud
24/03/2005 filippine
Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati
22/03/2005 GIORDANIA
Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano
di Hana Mouasher
Articoli del dossier
laos
Laos, i cattolici del nord celebrano Pasqua in una nuova chiesa
IRAQ
Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese
Cina - Vaticano
Arrestato sacerdote della Chiesa sotterranea
PAKISTAN
Pasqua a Lahore: ucciso un cristiano protestante
PAKISTAN
Pasqua in Pakistan, oltre le discriminazioni e a favore della solidarietà
TURCHIA
Ad Antiochia cattolici ed ortodossi celebrano insieme la Pasqua
BANGLADESH
Pasqua in Bangladesh: attendere Cristo e il sole, in un giorno feriale
THAILANDIA
A Phuket "la Passione si legge negli occhi della gente"
THAILANDIA
In Thailandia cattolici e musulmani uniti dalla Croce
filippine
Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati
ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura
TERRA SANTA – ISRAELE – PALESTINA
Patriarca di Gerusalemme: la gioia del Risorto tra le prove del Medio Oriente
PAKISTAN
Ong cattolica in Pakistan, per Pasqua farina alle vedove e regali ai bambini
GIORDANIA
Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano
THAILANDIA
Bangkok, 25 nuovi cristiani nella notte di Pasqua
LIBANO
Domenica delle Palme, la speranza del Libano poggia sui giovani
pakistan
Pakistan, folla di cattolici per la messa delle Palme
iraq
Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
PAKISTAN
Pakistan: dalla Passione di Cristo l'impegno a combattere le ingiustizie sociali
THAILANDIA
Lontano da cellulari e tv, la Quaresima dei cattolici in Thailandia
corea del sud
Seoul, Via Crucis per la dignità della vita nascente
CAMBOGIA
Sono 174 i cambogiani che a Pasqua diverranno cristiani
PAKISTAN
Digiuno e solidarietà, la Quaresima in Pakistan
vietnam
Capodanno di solidarietà pro-tsunami per i cattolici vietnamiti

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate