Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/03/2005, 00.00

    IRAQ

    Cristiani di Mosul, la luce della Resurrezione nel Calvario della guerra

    Marta Allevato

    Messaggio pasquale del vescovo di Mosul: "Impariamo da Gesù, facciamo in modo che terrorismo e morte non abbiano l'ultima parola". Sacerdote locale racconta la preparazione alla Pasqua: chiese gremite, i giovani vanno a messa nonostante i divieti dei genitori. Liturgia abbreviata nella Settimana Santa per limitare il rischio attentati.

    Mosul (AsiaNews) – A Mosul, teatro di rapimenti, sgozzamenti e violenze perpetrate dai ribelli sunniti e bande criminali, i cristiani vivono sotto continue minacce. Ma se il passaggio dalla vita alla morte è il senso della Pasqua in tutto il mondo, la certezza della Resurrezione è il marchio della vita dei cristiani irakeni che sembrano ricalcare lo stesso cammino di Gesù. "Abbiamo attraversato il 2004, il nostro Calvario, tra dolori e distruzione, ma c'è ancora vita, non siamo fuggiti, siamo ancora qui, perché siamo certi della Resurrezione". Padre Ragheed Ganni, segretario del vescovo di Mosul - nord Iraq - racconta ad AsiaNews il significato del sacrificio di Cristo in una città martoriata dalla guerra, dove la Croce delle violenze quotidiane non impedisce ai cristiani di continuare a testimoniare eroicamente la loro fede.

    Il sacerdote spiega che oggi più che mai seguire l'esempio di Gesù è una necessità non solo per i cristiani ma anche per tutti gli iracheni. Lo afferma anche il vescovo caldeo di Mosul, mons. Paulos Faraj Rahho, che nel messaggio pasquale di quest'anno invita a cogliere attraverso l'odio, la paura e le bombe l'autentico significato della Resurrezione: "Assassini, terrorismo e paura non devono avere l'ultima parola in Iraq. Come Cristo ha vinto la tomba e la morte, ciò che alla fine deve trionfare è la Vita e l'Amore".

    Secondo il sacerdote 33enne, il popolo iracheno in questo momento è simile a quello d'Israele, che "ha attraversato il Mar Rosso della guerra lasciandosi alle spalle la schiavitù, per dirigersi verso una nuova vita, piena di speranza". La conferma è la forte presenza di fedeli alle funzioni di questa Quaresima. P. Ragheed racconta che tutti i venerdì la chiesa di San Paolo, vicino al vescovado distrutto dalle 2 bombe del 7 dicembre 2004, era "piena di gente che partecipava alla Via Crucis". "Il fatto che nelle chiese ci sia lo stesso numero di fedeli dell'anno scorso è già un segnale positivo". Il sacerdote non nega, comunque, che ci sia paura tra la gente. "Noi stessi cerchiamo di celebrare messe più brevi per limitare il rischio di attacchi e anche nella Settimana Santa la liturgia sarà abbreviata".

    Il prete racconta che la Domenica delle Palme è stata un'eccezione: "Nella mia parrocchia, la chiesa dello Spirito Santo, abbiamo celebrato una messa andata avanti per ore. Incoraggiati dalla grande affluenza dei fedeli, tutti avevano un gran bisogno di poter pregare".

    La Settima Santa, però, procede con cautele e precauzioni. "Ci regoliamo giorno per giorno in base a quanto succede quotidianamente. Per le celebrazioni serali cercheremo di farle terminare prima del tramonto, quelle mattutine, invece, inizieranno sempre dopo le 8.30". P. Ragheed aggiunge che in diverse parrocchie della città prima della Veglia di sabato saranno celebrati anche alcuni  battesimi.

    A Mosul, i rapimenti, le minacce di morte, il pagamento dei riscatti costituiscono una vera e propria industria. "I cristiani, essendo una delle categoria più ricche – spiega - sono nel mirino di gruppi intenzionati a rapirli in cambio di ingenti riscatti".

    Tutto questo però non sembra spaventare la comunità dei fedeli. Il segno di speranza più forte arriva dal "coraggio dei giovani". "Continuano a venire in chiesa nonostante i divieti dei genitori, preoccupati per la sicurezza". "Quelli più forti - racconta - cercano di dare coraggio agli altri. Nella chiesa di San Paolo, 2 volte a settimana, hanno organizzato incontri di preghiera e riflessione su temi proposti da loro stessi, come il digiuno, la preghiera".

    Anche il volontariato a Mosul è atto eroico. "I ragazzi – ha detto il sacerdote – si offrono spontaneamente per fare servizio d'ordine fuori dalle chiese durante la messa, che dopo l'attentato continuiamo a celebrare in un salone sottostante il vescovado". P. Ragheed spiega che, partecipando alla vita della parrocchia, i giovani "si sentono parte del mondo" e non isolati nella loro sofferenza. "In molti – dice – desiderano andare alla Giornata mondiale della Gioventù a Colonia".

    Le giovani coppie sono un altro segnale della fiducia dei cristiani in un futuro migliore: "Ultimamente celebro due, tre matrimoni al mese e queste coppie sono la prova che la vita continua, che c'è speranza di poter costruire qualcosa di buono".

    Dopo 7 anni di studio in Italia, l'anno scorso p. Ragheed  è tornato volontariamente in Iraq per stare vicino ai suoi fedeli durante la guerra. Il 7 dicembre 2004 ha assistito all'attacco dinamitardo al vescovado di Mosul, eppure continua ad essere testimone di una fede senza paura. "La forza che viene da Dio - dice - non si  può spiegare" e allora si affida alle parole di San Paolo: "Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte" (2 Cor. 12, 10).

    La diocesi cattolica caldea di Mosul, guidata da mons. Paulos Faraj Raho, conta 35 mila fedeli e 12 parrocchie. I preti diocesani sono 22, 8 i religiosi e 20 le religiose. La parrocchia di San Paolo comprende 750 famiglie, quella dello Spirito Santo circa 900.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/03/2005 IRAQ
    Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese

    Sacerdote caldeo: "Le chiese piene di fedeli sono il segno della Resurrezione".



    21/03/2005 iraq
    Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
    Liberato il politico cristiano sequestrato nel gennaio scorso.

    18/04/2014 IRAQ
    Patriarca caldeo: Giovedì Santo assieme a disabili ed emarginati, cristiani e musulmani
    Mar Sako ha visitato un centro della capitale che accoglie persone sole e con gravi handicap fisici. Sua Beatitudine ha compiuto il rito della “lavanda dei piedi” a 12 persone, fra cui due donne musulmane. Ai disabili egli ha ricordato che “la Pasqua è per voi”. Al termine ha offerto un pranzo, come segno di vicinanza e condivisione.

    24/03/2005 filippine
    Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati


    22/03/2005 GIORDANIA
    Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®