26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/03/2005, 00.00

    IRAQ

    Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese



    Sacerdote caldeo: "Le chiese piene di fedeli sono il segno della Resurrezione".

    Mosul (AsiaNews) – Fedeli "assetati" di preghiera, spinti dal desiderio di sfidare la violenza, hanno affollato le chiese nelle celebrazioni pasquali a Mosul, teatro di tanti attacchi terroristi nel nord Iraq. I sacerdoti sono stati "costretti" a celebrare le funzioni con solennità e in modo integrale, senza rispettare la promessa di fare celebrazioni brevi, per limitare il rischio attentati. 

    Padre Ragheed Ganni, segretario del vescovo caldeo di Mosul, mons. Paulos Faraj Rahho, ha raccontato ad AsiaNews che alla liturgia del Venerdì santo, nella chiesa dello Spirito Santo, hanno partecipato circa 1.200 persone: "In molti sono rimasti in piedi e il numero era superiore a quello dell'anno scorso". "Non ho mantenuto la promessa di celebrare funzioni abbreviate – ha ammesso p. Ragheed – la grande affluenza e partecipazione della comunità mi ha incoraggiato a non operare i tagli previsti per motivi di sicurezza". "È come se noi sacerdoti in qualche modo ci fossimo sentiti in dovere di garantire celebrazioni regolari ai nostri fedeli, tutti usciti di casa sfidando i timori di possibili violenze".

    P. Ragheed ha poi raccontato di aver battezzato 10 bambini durante la Veglia pasquale e che la messa della domenica, concelebrata con un padre domenicano, è stata seguita per 2 ore e mezzo da una folla di fedeli "assetati" di preghiera.

    Il sacerdote 33enne, ha sottolineato che la stessa cosa è successa "in molte altre chiese irachene", non solo a Mosul. "In questa Pasqua abbiamo dimenticato la paura e le sofferenze – ha concluso p. Ragheed – per noi cristiani d'Iraq vedere le chiese piene è stato come toccare con mano il significato della Resurrezione".

    Il 7 dicembre 2004 p. Ragheed ha assistito all'attacco dinamitardo che ha distrutto il vescovado di Mosul e gettato nel panico la comunità cristiana locale. (MA)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2005 IRAQ
    Cristiani di Mosul, la luce della Resurrezione nel Calvario della guerra

    Messaggio pasquale del vescovo di Mosul: "Impariamo da Gesù, facciamo in modo che terrorismo e morte non abbiano l'ultima parola". Sacerdote locale racconta la preparazione alla Pasqua: chiese gremite, i giovani vanno a messa nonostante i divieti dei genitori. Liturgia abbreviata nella Settimana Santa per limitare il rischio attentati.



    21/03/2005 iraq
    Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
    Liberato il politico cristiano sequestrato nel gennaio scorso.

    24/03/2005 filippine
    Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati


    01/08/2005 IRAQ
    Iraq, la Chiesa che non si arrende al terrorismo

    Un anno fa gli attacchi terroristici a 5 chiese nel paese; tra di esse quella di san Paolo, a Mosul. Qui il vescovo caldeo celebra una messa per ricordare l'attentato: "Oggi siamo migliori, da quella violenza abbiamo imparato il perdono".



    18/04/2014 IRAQ
    Patriarca caldeo: Giovedì Santo assieme a disabili ed emarginati, cristiani e musulmani
    Mar Sako ha visitato un centro della capitale che accoglie persone sole e con gravi handicap fisici. Sua Beatitudine ha compiuto il rito della “lavanda dei piedi” a 12 persone, fra cui due donne musulmane. Ai disabili egli ha ricordato che “la Pasqua è per voi”. Al termine ha offerto un pranzo, come segno di vicinanza e condivisione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®