29 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/04/2005, 00.00

    india - vaticano

    Suor Nirmala: il Papa e Madre Teresa, una visione comune sul mondo e la vita

    Nirmala Carvalho

    Entrambi "missionari con un intenso e totale amore a Dio e agli uomini"; entrambi hanno parlato contro l'aborto.

    Calcutta (AsiaNews) – Giovanni Paolo II e Madre Teresa "avevano un'unica visione" sul mondo e questo "li ha uniti". Lo afferma ad AsiaNews suor Nirmala, l'erede di Madre Teresa di Calcutta alla guida delle Missionarie della Carità, ricordando la figura del pontefice che ha proclamato beata la fondatrice delle suore con il sari.

    Sia il pontefice che Madre Teresa – secondo suor Nirmala – "hanno parlato con forza sulle questioni morali e in particolare si sono espressi in modo forte contro l'aborto". Entrambi sono stati "missionari con un intenso e totale amore a Dio e agli uomini".

    "Ho incontrato il papa molte volte"  racconta la religiosa nepalese di origine indù, convertitasi al cristianesimo. "Ma in ogni occasione era come se fosse la prima. L'ultima volta è stato in occasione della beatificazione di madre Teresa. Egli soffriva molto nel fisico; all'inizio della celebrazione stava davvero male, ma fu ben visibile a tutta la chiesa – riunita in piazza san Pietro o davanti alla televisione in tutto il mondo – che alla fine della messa appariva rinvigorito. Fu qualcosa di straordinario" ricorda suor Nirmala "perché di solito una persona, con il passare del tempo, si stanca. Invece l'Eucaristia aveva rianimato il Santo Padre, il suo volto appariva sollevato e alla fine sembrava riposato".

    Le suore di Madre Teresa hanno ricevuto la notizia della morte del papa "mentre erano in adorazione". "Negli ultimi due giorni e notti le nostre sorelle" afferma la superiora delle Missionarie "hanno pregato in continuazione per il Santo Padre".

    "L'eredità che ci lascia - dice suor Nirmala - è il fatto che con la sua vita egli ha toccato il cuore dell'umanità grazie ai suoi viaggi. In particolare in tutte le occasioni particolari il papa ha sempre avuto incontri speciali con le persone emarginate, i poveri e gli oppressi".

    Suor Nirmala è in partenza per Roma dove parteciperà ai funerali del papa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/04/2005 india - viaggi in asia - scheda
    India 1986: con Madre Teresa il papa serve il pranzo ai poveri di Calcutta
    Un secondo viaggio nel 1999 per la firma dell'Esortazione apostolica Ecclesia in Asia, bussola per la missione del Terzo Millennio.

    08/04/2005 vaticano
    La morte di Wojtyla e il seme della promessa


    03/04/2005 giappone - vaticano
    Giappone, il papa ricordato come "un papà"


    05/04/2005 thailandia - vaticano
    "Quando insegnai il thai al papa"
    Il ricordo di un missionario del Pime che collaborò nel viaggio del papa  in Thailandia. Anticipazione da "Mondo e Missione", che nel numero di maggio dedica uno speciale al "papa missionario".

    13/04/2005 turchia - vaticano
    Turchia, saluto ecumenico e interreligioso a Giovanni Paolo II

    Cattolici, ortodossi e musulmani appendono nelle loro case l'immagine del papa defunto.





    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®