25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/04/2005, 00.00

    vaticano - kazakistan

    Kazaki, "commozione e orgoglio" per il papa



    Astana (AsiaNews) – La popolazione kazaka ha reagito con "dispiacere, commozione e orgoglio" alla morte di Giovanni Paolo II, che aveva visitato il paese a larga maggioranza musulmana nel 2001.

    "Il dispiacere dei kazaki" padre Livio Lodigiani, sacerdote fidei donum ad Astana "nasce dal fatto che essi sentono il papa come un padre di tutti. La commozione sorge dal vedere l'enorme flusso di persone che stanno andando in san Pietro a salutare il pontefice".

    Ma c'è anche orgoglio tra la gente di Astana: "I kazaki" riferisce padre Lodigiani "si sentono orgogliosi che un papa così importante e ammirato da tutte le religioni si sia recato nella loro patria".

    Padre Lodigiani racconta che appena si è diffusa la notizia della scomparsa del pontefice gli studenti musulmani dell'università Eurasia – dove il missionario italiano è docente – "ci hanno fatto vive condoglianze, ricordando ancora una volta l'indimenticabile viaggio del pontefice del 2001".

    Questa sera nella cattedrale cattolica della Madonna dell'Incessante Soccorso di Astana si terrà una celebrazione eucaristica in suffragio del papa. L'annuncio della messa è stato diffuso dalla televisione e dalla radio nazionale. A presiedere la messa sarà il nunzio apostolico mons. Wesolowski Jòsef, che ha predisposto in nunziatura i registri per le firme di condoglianze. Tra i primi ad arrivare il presidente Noursoultan Nazarbaïev, che ha anche inviato una delegazione ufficiale per i funerali di venerdì a Roma.

    Venerdì i funerali di Giovanni Paolo II saranno trasmessi in diretta su un maxischermo nella cattedrale; alcuni studenti assicureranno la traduzione simultanea in lingua locale. (LF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2005 vaticano
    Un milione di persone ai funerali di Giovanni Paolo II


    05/04/2005 siria - vaticano
    Patriarca di Damasco: il papa, "nuovo Giovanni Battista"


    12/04/2005 giordania - vaticano
    Giordania, l'omaggio al papa "di tutti i popoli"


    06/04/2005 COREA DEL NORD-VATICANO
    Corea del Nord: condoglianze per la morte del papa
    Il regime invia, per voce dell'Associazione cattolici, le condoglianze per la morte di Giovanni Paolo II. La repressione sulle religioni è però sempre in vigore.

    07/04/2005 vaticano - CINA
    L'amore del papa farà sbocciare "una primavera per la chiesa in Cina"

    Dalla voce dei cinesi presenti in piazza san Pietro la predilezione di Giovanni Paolo II per il gigante asiatico e l'amore dei cinesi per il papa. Nonostante la chiusura di Pechino.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®