10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/04/2005, 00.00

    INDIA-VATICANO

    India: "i cattolici promettono al nuovo papa amore ed obbedienza"



    India (AsiaNews) – Tutti i 16 milioni di cattolici indiani promettono al nuovo pontefice amore ed obbedienza. Lo ha detto ad AsiaNews John Dayal, presidente dell'All India Catholic Union, raggiunto via telefono pochi minuti dopo l'elezione al soglio pontificio di Joseph Ratzinger, papa Benedetto XVI.

    "Non ho mai conosciuto Benedetto XVI personalmente – ha detto – ma ho letto con attenzione i suoi scritti e sono sicuro che la sua elezione porterà solo estremo beneficio alla Chiesa cattolica dell'India". Sull'impegno per l'Asia di papa Benedetto XVI, il presidente Dayal non ha dubbi. "E' un uomo che è sempre stato molto vicino al defunto Giovanni Paolo II. Sono sicuro che condivide l'idea, espressa dallo scorso papa, che l'Asia sia la sfida cattolica per il III millennio".

    I cattolici indiano hanno seguito l'elezione del nuovo papa tramite la televisione via cavo ed Internet. "Avevamo deciso – ha spiegato Dayal – di seguire con dei turni le dirette televisive ed i siti internet. Io non mi sono mai staccato dal televisore".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/12/2009 INDIA
    Orissa: ricostruire il tessuto sociale e la convivenza con gli indù attraverso la Chiesa
    John Dayal, leader dell’All India Christian Council, ha compiuto un viaggio nelle zone più colpite dai pogrom ad opera dei radicali indù dell’agosto 2008. “Molte case distrutte non sono ancora ricostruite” e per i cristiani resta l’insicurezza. La politica latita ed i media restano “influenzati da forti pregiudizi”. Per ricostruire la convivenza “la società civile e le istituzioni di pace devono tornare a rivivere”.

    14/07/2011 INDIA
    Esplosioni a Mumbai, la condanna e la solidarietà del mondo
    Il presidente francese Nicolas Sarkozy: “Un gesto codardo”. Barack Obama, presidente Usa: “Oltraggioso”. Il segretario di Stato Hillary Clinton conferma la visita ufficiale in India per la prossima settimana e ribadisce: “Stati Uniti e India insieme nella lotta contro il terrorismo”. Peter Wittig, presidente del Consiglio di sicurezza Onu: "Atto criminale e ingiustificabile". Ferma condanna di John Dayal, segretario dell’All India Christian Council, ma “l’odio adesso non deve travolgere i sentimenti delle persone”.

    15/09/2015 INDIA
    India, minacce di morte a John Dayal, attivista cristiano: "La mia gogna pubblica è una cospirazione degli indù"
    Stimato per la sua lotta a favore delle minoranze, riceve attacchi su Twitter. Il suo profilo preso d’assalto da radicali indù, il suo numero di telefono pubblicato sul social network. Il sostegno di attivisti cristiani e laici. La figlia: “Il suo impegno nella società non dà il permesso di perseguitarlo o insultarlo a chi non è d’accordo con lui”.

    16/12/2014 INDIA
    Attivista cattolico: Non cediamo l'istruzione ai fondamentalisti indù
    AsiaNews intervista John Dayal, membro del National Integration Council. L'influenza dei gruppi radicali indù del Sangh Parivar sulla nuova politica educativa proposta dal governo centrale. "Demonizzare il contributo occidentale e islamico all'evoluzione dell'India che conosciamo oggi è un esercizio futile e molto pericoloso".

    19/09/2014 INDIA
    Verso il Sinodo: il multiculturalismo dell'India, sfida e ricchezza per le famiglie cristiane
    John Dayal, attivista per i diritti umani, analizza la situazione delle coppie e delle famiglie di oggi. La minaccia dell'estremismo indù (hindutva) nell'educazione dei bambini, anche cattolici. La bellezza del matrimonio tra uomo e donna. La comunione agli omosessuali.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®