28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/04/2005, 00.00

    pakistan - vaticano

    Pakistan, preghiere e simpatia per il nuovo papa



    Islamabad (AsiaNews) – Grande gioia in tutto il Pakistan per l'elezione di papa Benedetto XVI: molte persone in diverse parti del paese hanno festeggiato condividendo dolci e caramelle alla notizia del nuovo pontefice, i media hanno trasmesso in diretta l'elezione del papa, in tutte le chiese cattoliche sono state celebrate messe per Benedetto XVI.

    Anche il presidente Parvez Musharraf ha dato il suo benvenuto a papa Benedetto XVI. Parlando a Manila con alcuni giornalisti nel corso del suo viaggio nelle Filippine, Musharraf ha dichiarato che il nuovo papa avrà un ruolo importante nel sanare le divisioni sociali e culturali tra Occidente e islam.

    Nella diocesi di Faisalabad il vescovo mons. Joseph Coutts ha festeggiato con i fedeli l'elezione del nuovo papa distribuendo dolci e cantando insieme inni di ringraziamento. "Siamo grati a Dio per un papa così pieno di saggezza" ha detto mons. Coutts "e preghiamo per la sua salute".

    Anche mons. Evarist Pinto, arcivescovo di Karachi, ha espresso la sua gioia per il nuovo pontefice: "Sono sicuro che egli continuerà il grande lavoro del nostro indimenticabile Giovanni Paolo II. Con il suo eccellente pensiero e il suo grande cuore sarà capace di affrontare le sfide dell'attuale mondo secolarizzato". "La nostra diocesi di Karachi – ha aggiunto il vescovo - offre la sua lealtà alla sede di Pietro".

    Naveed Walter, presidente dell'Human Rights Focus (Hrf), ha dichiarato che il nuovo pontefice "dovrà concentrarsi sull'unità e la solidarietà tra cristiani in tutto il mondo, e anche continuare la missione di papa Giovanni Paolo II riguardo l'armonia interreligiosa e il dialogo fra le diverse religioni del mondo". (QF)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2005 IRAQ - VATICANO
    Vescovo di Mosul: “Nel viso e nelle parole del papa l’umiltà di Cristo”

    Speranze, gioia e preghiere dei cristiani in Iraq dopo l'elezione di Benedetto XVI: "Aspettiamo che visiti il nostro paese. Sarà il papa dell'Unità".



    26/11/2004 VATICANO - YEMEN
    Il Papa: pace, giustizia e tolleranza contro il terrorismo
    Ricevendo il presidente dello Yemen raccomanda il dialogo tra le religioni della regione.

    26/04/2005 corea del sud - vaticano
    Folla di sudcoreani alla messa per Benedetto XVI

    Presenti tutti i vescovi, autorità politiche e leader di altre religioni. Mons. Tchoi: "l’esercizio dell’autorità e del potere del Papa non può essere interpretato in termini sociopolitici".



    14/10/2005 VATICANO - ISLAM
    Vaticano all'Islam: "continuiamo sulla via del dialogo"

    In occasione della fine del Ramadan il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso invia il consueto messaggio alle comunità musulmane. L'impegno per la pace, il ricordo di Giovanni Paolo II e la continuità sulla stessa strada di Benedetto XVI.



    12/02/2013 PAKISTAN – VATICANO
    Benedetto XVI: per Pakistan, baluardo della libertà religiosa e guida per la Chiesa
    Per il ministro Paul Bhatti la notizia delle dimissioni è fonte di tristezza, ma ammira il suo coraggio e senso di responsabilità. Egli ricorda la commozione del Papa per l’assassinio di Shahbaz. Arcivescovo di Lahore: esempio di “preghiera e devozione”. Vescovo di Islamabad: sarà sempre “fonte di ispirazione”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®