08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/03/2004, 00.00

    cina - stati uniti

    Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani



    Ginevra (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha intenzione di sospendere il dialogo con gli Stati Uniti sulla questione dei diritti umani. La notizia è arrivata dopo che Washington ha dichiarato ieri che condannerà le gravi violazioni di Pechino con una risoluzione alla Commissione Onu per i Diritti Umani, in corso a Ginevra. Il Ministero degli Esteri ha bollato l'azione americana come una "grave ingerenza negli affari interni della Cina".

    Shen Guofang, Vice-ministro degli Esteri, ha detto che "lo scontro causato intenzionalmente dagli Stati Uniti ha già seriamente danneggiato la base del dialogo e dello scambio sui diritti umani tra i due paesi. La Cina deve immediatamente sospendere il dialogo e gli scambi".

    Ieri, Richard Boucher, portavoce del Dipartimento di Stato americano, ha manifestato la delusione degli Stati Uniti per le inadempienze di Pechino nei diritti umani, dopo gli impegni assunti nel 2002 e nel 2003. Egli ha anche ribadito la preoccupazione per "i passi indietro" fatti dalla Cina, come denunciato nel rapporto sui diritti umani nel mondo, pubblicato alla fine del febbraio scorso.

    L'anno scorso, gli Stati Uniti non avevano chiesto alcuna risoluzione, affermando che Pechino aveva fatto limitati, ma significativi, progressi sulla questione. La risoluzione era sempre presentata ogni anno a partire dalla brutale repressione di Tiananmen del giugno 1989.  Quest'anno diverse organizzazioni per i diritti umani, fra cui Human Rights Watch, hanno chiesto agli USA di sostenere una mozione di sfiducia verso Pechino. Anche i sindacati americani hanno chiesto al loro governo di condannare la Cina per il modo in cui sono trattati gli operai cinesi.

    Intanto, Amnesty International ha chiesto una moratoria contro la pena di morte in Cina, denunciando il sistema penale cinese che non dà sufficienti garanzie e condanna spesso persone innocenti. Ieri, l'organizzazione ha pubblicato un rapporto intitolato "Condannati a morte in base alla legge?". La pubblicazione segue le dichiarazioni di un parlamentare cinese secondo il quale ogni anno in Cina almeno 10 mila persone sono condannate alla pena capitale: 5 volte di più del resto del mondo messo insieme. (MR)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2004 cina - stati uniti
    Gli Stati Uniti avviano la Risoluzione 530 contro la Cina


    27/02/2010 CINA
    Tre condannati a morte in sciopero della fame: il fallimento della giustizia cinese
    I tre sono stati condannati senza prove. Costretti a confessare sotto tortura. L’Onu ha chiesto l’abolizione universale della pena di morte, ma la Cina continua a detenere il primato mondiale di esecuzioni.

    23/08/2005 CINA
    Cina, entro il 2005 ispezione Onu contro le torture


    02/12/2005 CINA - ONU
    "L'uso della tortura rimane diffuso in Cina"

    Lo afferma Manfred Nowak, Investigatore Onu, che accusa le pubbliche autorità di avere ostacolato il suo lavoro. Vittime e testimoni minacciati, un clima "palpabile" di paura, continua sorveglianza anche durante le audizioni.



    06/02/2009 CINA
    Chrd: Cara Onu, ecco cosa domandare alla Cina sui diritti umani
    L’organizzazione pro-diritti elenca i temi sui quali l’Onu dovrebbe chiedere ragione a Pechino, quando tra pochi giorni a Ginevra la Cina sarà esaminata per valutare quanto rispetti i diritti umani.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®