2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/03/2004
cina - stati uniti
Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani

Ginevra (AsiaNews/Agenzie) – La Cina ha intenzione di sospendere il dialogo con gli Stati Uniti sulla questione dei diritti umani. La notizia è arrivata dopo che Washington ha dichiarato ieri che condannerà le gravi violazioni di Pechino con una risoluzione alla Commissione Onu per i Diritti Umani, in corso a Ginevra. Il Ministero degli Esteri ha bollato l'azione americana come una "grave ingerenza negli affari interni della Cina".

Shen Guofang, Vice-ministro degli Esteri, ha detto che "lo scontro causato intenzionalmente dagli Stati Uniti ha già seriamente danneggiato la base del dialogo e dello scambio sui diritti umani tra i due paesi. La Cina deve immediatamente sospendere il dialogo e gli scambi".

Ieri, Richard Boucher, portavoce del Dipartimento di Stato americano, ha manifestato la delusione degli Stati Uniti per le inadempienze di Pechino nei diritti umani, dopo gli impegni assunti nel 2002 e nel 2003. Egli ha anche ribadito la preoccupazione per "i passi indietro" fatti dalla Cina, come denunciato nel rapporto sui diritti umani nel mondo, pubblicato alla fine del febbraio scorso.

L'anno scorso, gli Stati Uniti non avevano chiesto alcuna risoluzione, affermando che Pechino aveva fatto limitati, ma significativi, progressi sulla questione. La risoluzione era sempre presentata ogni anno a partire dalla brutale repressione di Tiananmen del giugno 1989.  Quest'anno diverse organizzazioni per i diritti umani, fra cui Human Rights Watch, hanno chiesto agli USA di sostenere una mozione di sfiducia verso Pechino. Anche i sindacati americani hanno chiesto al loro governo di condannare la Cina per il modo in cui sono trattati gli operai cinesi.

Intanto, Amnesty International ha chiesto una moratoria contro la pena di morte in Cina, denunciando il sistema penale cinese che non dà sufficienti garanzie e condanna spesso persone innocenti. Ieri, l'organizzazione ha pubblicato un rapporto intitolato "Condannati a morte in base alla legge?". La pubblicazione segue le dichiarazioni di un parlamentare cinese secondo il quale ogni anno in Cina almeno 10 mila persone sono condannate alla pena capitale: 5 volte di più del resto del mondo messo insieme. (MR)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/03/2004 cina - stati uniti
Gli Stati Uniti avviano la Risoluzione 530 contro la Cina
27/02/2010 CINA
Tre condannati a morte in sciopero della fame: il fallimento della giustizia cinese
23/08/2005 CINA
Cina, entro il 2005 ispezione Onu contro le torture
02/12/2005 CINA - ONU
"L'uso della tortura rimane diffuso in Cina"
06/02/2009 CINA
Chrd: Cara Onu, ecco cosa domandare alla Cina sui diritti umani
Articoli del dossier
Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
CINA –Dossier Tiananmen
Scomparso il dottore che chiese al Partito di ripensare al suo "più grande errore"
CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
CINA
Un attivista e un predicatore liberati prima del 4 giugno
HONG KONG – CINA
Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno
Cina
Studenti e dissidenti sotto controllo prima del 4 giugno
CINA
Dopo le accuse di Amnesty, Pechino lancia una campagna per i diritti umani
cina
Piazza Tiananmen: misure di emergenza per prevenire le proteste
hong kong
Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata
cina - unione europea
Il Parlamento Europeo blocca ancora la vendita di armi alla Cina

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate