24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/09/2006, 00.00

    PAKISTAN

    Vescovi pakistani : "Il Papa desidera solo armonia fra le religioni"

    Qaiser Felix

    Il presidente della Conferenza episcopale pakistana, mons. Saldanha, definisce il chiarimento pronunciato ieri da Benedetto XVI "un passo coraggioso e positivo" e spera che questo "sfortunato incidente" non intacchi le relazioni fra la comunità cristiana e quella musulmana.

    Lahore (AsiaNews) – Il chiarimento pronunciato ieri da Benedetto XVI riguardo al discorso all'Università di Regensburg "è un passo positivo e coraggioso" per fermare le reazioni negative del mondo musulmano, e mostra "il genuino desidero del pontefice di armonia fra le religioni".

    E' questo il senso del messaggio ufficiale rilasciato oggi dall'arcivescovo di Lahore e presidente della Conferenza episcopale pakistana, mons. Lawrence J. Saldanha.

    Nel documento, il presule scrive: "Il chiarimento espresso ieri dal Papa riguardo al suo discorso in Germania è un passo positivo e coraggioso per fermare le reazioni negative di alcuni gruppi musulmani, mostra il suo genuino desiderio di armonia interreligiosa e sottolinea di non condividere la visione dell'imperatore bizantino citato nel testo".

    Il Pakistan è stato uno dei Paesi che ha reagito con più durezza alle parole pronunciate da Benedetto XVI all'Università di Regensburg: come molti altri nel mondo, i musulmani pakistani hanno attribuito al Papa le parole dell'imperatore bizantino Manuele II Paleologo – "dall'Islam nella storia è venuto solo male" - citate nel corso del discorso.

    Il 14 settembre scorso, con un voto unanime, il Parlamento ha chiesto al Papa di ritrattare le sue affermazioni, mentre il portavoce del ministero degli esteri, Tasnim Aslam, ha definito "veramente inopportuno che un leader religioso della statura del Papa pronunci una dichiarazione che può allargare la disarmonia tra le religioni".

    Nel corso dell'Angelus di ieri, Benedetto XVI ha precisato che quella frase non esprime il suo pensiero. La lettura del testo integrale della prolusione del Papa mostra – come ha precisato il card. Bertone, segretario di stato - che il pontefice voleva soltanto mostrare "un chiaro e radicale rifiuto della motivazione religiosa della violenza, da qualunque parte essa provenga".

    Per mons. Saldanha, "il Papa ha sottolineato di non condividere la visione dell'imperatore citato. Leggere il testo del suo discorso in forma integrale conferma che ha parlato di fede e ragione, e come queste siano essenziali per un dialogo genuino fra le religioni e le culture".

    In conclusione, il presule "esprime la speranza che la lunga e cordiale relazione fra i cristiani ed i musulmani del Pakistan non venga colpita da questo sfortunato incidente" e conferma "la continuità della sue preghiera, affinché le due comunità possano continuare a vivere e lavorare insieme per la pace e la prosperità del Paese".

    Anche la Nunziatura della Santa Sede ad Islamabad ha pubblicato una nota ufficiale, in cui sottolinea come "siano chiare le intenzioni del Santo Padre: coltivare il rispetto ed il dialogo nei riguardi delle altre religioni e culture fra cui, ovviamente, l'Islam".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2006 INDIA
    Leader musulmani indiani: "Grande gesto di pace da parte del Papa"

    Il presidente dell'Unione musulmani del Kerala e la guida spirituale degli sciiti di Lucknow esprimono rispetto ed ammirazione per la decisione di Benedetto XVI. Vescovi indiani sottolineano la grande stima sempre espressa dal pontefice per le religioni di tutto il mondo.



    02/10/2006 PAKISTAN - VATICANO
    Musulmani in Pakistan: "Rispettiamo il Papa, il suo discorso è stato strumentalizzato"

    In occasione di un sondaggio, un gruppo di religiosi, studiosi ed intellettuali islamici accusa i media ed "alcuni poteri contrari alla pace" di aver usato le parole del Papa per seminare odio fra cristiani e musulmani. Inviti al dialogo e grande apprezzamento per le spiegazioni di Benedetto XVI ed il suo incontro con gli ambasciatori musulmani.



    16/09/2006 INDIA
    Card. Toppo: "Verità, coraggio e preghiera di fronte alle proteste islamiche"

    Il presidente della Conferenza episcopale indiana, spiega ad AsiaNews che le recenti manifestazioni contro il discorso di Benedetto XVI a Regensburg sono un grande dono per la Chiesa, che deve sfruttare questo momento storico per aprire un dialogo serio e duraturo con le altre religioni.



    20/09/2006 PAKISTAN - VATICANO
    In Pakistan cristiani e musulmani studiano insieme il testo del discorso del Papa

    L'incontro, in corso a Faisalabad, è stato voluto dalla Chiesa locale. Apprezzamenti per l'iniziativa dalla comunità musulmana: il testo integrale dell'intervento di Benedetto XVI a Regensburg verrà tradotto in urdu, in modo che i religiosi islamici possano approfondirne la comprensione.



    18/05/2010 INDIA
    La Chiesa indiana studia un “codice anti-abusi”
    La Conferenza episcopale, insieme ai superiori delle congregazioni religiose indiane, si riunisce per studiare le norme da applicare in caso di crimini di natura sessuale. Il vescovo di Pune spiega: “Tolleranza zero per chi sbaglia. Il Papa ha indicato la via, sbagliato criticarlo”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®