30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/09/2006, 00.00

    TURCHIA – VATICANO

    I vescovi turchi confermano, il viaggio di Benedetto XVI si farà

    Mavi Zambak

    In programma tappe ad Ankara, Istanbul ed Efeso. La stampa divisa nel giudicare se il discorso del Papa ieri a Castel Gandolfo rappresenta o no delle scuse pubbliche.

    Istanbul (AsiaNews) – Dopo il ministro degli esteri di Ankara, Abdullah Gul, anche i vescovi di Turchia hanno oggi confermato che si svolgerà regolarmente la visita di Benedetto XVI, dal 28 novembre al primo dicembre, con le tappe già programmate.

    Sui quotidiani turchi si discute se il discorso che il Papa ha pronunciato ieri a Castelgandolfo – e che viene riportato su tutti i giornali - possa equipararsi a delle scuse pubbliche oppure no, c'è quindi chi si ritiene soddisfatto, vedendoci un segno che il Papa ha ritrattato quanto detto, altri no. Spazio anche per la inequivocabile dichiarazione di ieri del ministro degli Esteri, Gul: "Certo è – ha detto – che le affermazioni del Papa sono state infelici non solo per i musulmani ma per il mondo intero, cristiani compresi, queste però, non interferiscono con il viaggio di Benedetto XVI già organizzato per fine novembre e per quanto riguarda noi, non sono previste alcune modifiche di programma. Tanto si è parlato, ma tutto ciò mi auguro non incida sulla sua visita in Turchia".

    E questa mattina anche la Conferenza episcopale della Turchia, come già previsto, si è riunita ad Istanbul per definire il programma del viaggio. Con loro c'era anche mons. Piero Marini, responsabile dell'Ufficio delle cerimonie liturgiche del papa. Anche a loro giudizio, nulla per ora fa pensare ad una disdetta della visita e anzi, dopo aver letto insieme la dichiarazione di chiarimento del cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, i vescovi si sono concentrati su alcuni dettagli del viaggio che si svolgerà come da programma dal 28 novembre al 1 dicembre.

    La visita prevede tre tappe: Ankara, Efeso e Istanbul, dove incontrerà sia le autorità civili turche che gli esponenti religiosi cristiani – in primis il patriarca ecumenico greco ortodosso Bartolomeo I e il patriarca armeno Mesrob II – e la piccola comunità cattolica presente in Turchia. Se non subentrano dunque altri fatti che si oppongo, il viaggio ci sarà, secondo quanto stabilito.

    Nella speranza che il discorso aperto sull'Islam possa proseguire attraverso un dialogo pacato e ragionevole.

    Ai primi di ottobre i vescovi si riservano di riunirsi nuovamente per gli ultimi aggiornamenti.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/09/2006 turchia - vaticano
    A rischio il viaggio del papa in una Turchia che perde sempre più la sua laicità

    La polemica sul discorso del Papa, sul rapporto fra Islam e violenza, sembra studiata ad arte per rafforzare il fondamentalismo nazionalista. I cristiani turchi chiedono ai musulmani moderati di far sentire la loro voce se non vogliono che il Paese tradisca l'eredità di Ataturk e la democrazia.



    20/09/2006 SIRIA - VATICANO
    Il gran muftì di Siria giudica "più che sufficiente" la spiegazione data dal Papa
    Dopo un incontro con il nunzio, il capo dei religiosi sunniti chiede di rispettare la personalità di Benedetto XVI ed esorta a proseguire sulla via del dialogo.

    24/11/2006 TURCHIA - VATICANO
    Tra indifferenza, antipatia e poca approvazione la Turchia aspetta il Papa

    La stampa nazionalista cerca ogni giorno pretesti per far sì che la visita infastidisca anche chi non è contro il viaggio papale. Secondo un sondaggio, solo il 10% dei turchi approva la visita, il 38% è decisamente contrario, un altrettanto 38% è indifferente e il 14% preferisce non esprimersi. Ma ora Erdogan dice che farà di tutto per incontrare, il 30, Benedetto XVI.



    20/09/2006 VATICANO-ISLAM
    Papa: sull'islam sono stato frainteso, ora divenga occasione di dialogo
    All'udienza generale Benedetto XVI sottolinea che a Regensburg, affrontando il tema fede e ragione, ha sostenuto che "non religione e violenza, ma religione e ragione vanno insieme". Era un invito "al dialogo della fede cristiana con il mondo moderno e con tutte le religioni".

    19/09/2006 ISLAM - VATICANO
    Nell'islam in "collera" contro il Papa si moltiplicano gli inviti al dialogo
    Sembra conseguire risultati l'offensiva diplomatica della Santa Sede: al parlamento iraniano si spera che il Papa "non cada nella trappola" di chi vuole lo scontro di civiltà. Crescono i media musulmani che spiegano l'intero discorso di Benedetto XVI in Germania e che sostengono la necessità della migliore reciproca conoscenza tra le religioni.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®