21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/09/2006
ISLAM - VATICANO
Nell'islam in "collera" contro il Papa si moltiplicano gli inviti al dialogo
Sembra conseguire risultati l'offensiva diplomatica della Santa Sede: al parlamento iraniano si spera che il Papa "non cada nella trappola" di chi vuole lo scontro di civiltà. Crescono i media musulmani che spiegano l'intero discorso di Benedetto XVI in Germania e che sostengono la necessità della migliore reciproca conoscenza tra le religioni.

Beirut (AsiaNews) – Qualcuno si dilunga a spiegare l'intero discorso di Benedetto XVI a Regensburg (Ratisbona) e non si ferma più solo alla frase su Maometto estrapolata dal testo, qualcun altro accetta l'affermazione che il Papa ha fatto domenica, che quel giudizio non rappresenta il suo pensiero, altri ancora sostengono che alla fin fine il Papa si è scusato. L'offensiva diplomatica della Santa Sede, che vede i nunzi spiegare ai governi dei Paesi islamici il vero significato del discorso di Benedetto XVI sembra stia dando qualche frutto. Anche se fonti di AsiaNews raccontano della tensione ancora percepibile in alcuni Paesi, sembrano essersi in gran parte placate le manifestazioni e le dichiarazioni di protesta. A gettare benzina sul fuoco appaiono solamente i gruppi terroristici o chi cerca di usare politicamente la vicenda.

In Iran, in una dichiarazione fatta in Parlamento a nome del presidente Ahmadinejad e pubblicata sulla semiufficiale Isna, Ahmad Mousavi ha sostenuto che "ci si aspetta che il Papa abbia il senso del suo elevato ruolo e pensi alle conseguenze delle sue parole" ed ha chiesto "rispetto" per l'islam esprimendo la "speranza che il Papa non cada nella trappola di coloro che vedono il loro vantaggio in una guerra tra musulmani e cristiani". Quanto al discorso sotto accusa, l'agenzia parla di "scarsa conoscenza dell'islam".

"Qualsiasi opinione si abbia sul controverso discorso di Benedetto XVI a Regensburg – scrive dal canto suo il saudita Arab News – esso sottolinea l'urgente necessità di un più profondo dialogo fra persone di fede diversa. C'è un pericoloso abisso di ignoranza sulle altre fedi e ciò colpisce ugualmente musulmani, cristiani, ebrei e praticanti di altre religioni; è pericoloso perché può essere sfruttato da fanatici e opportunisti per i loro fini politici". La recente vicenda delle vignette su Maometto, sostiene il giornale, avrebbe dovuto stimolare ad intensificare gli sforzi di dialogo, ma così non è stato. "Forse ora, nella furia del chiasso papale, il messaggio può andare in porto. Deve farlo. Nell'attuale villaggio globale, non possiamo permetterci di essere ignoranti l'uno della fede dell'altro. L'ignoranza nutre la paura e la paura nutre l'odio – e l'odio è appena ad un passo da guerra e conflitti".

Dal canto suo, il turco Hurriyet, già capofila della protesta, scrive ora che "la reazione degli islamici radicali al discorso del papa giustifica l'affermazione che l'Islam è una religione di violenza. Ma se leggiamo con attenzione il discorso di Papa Benedetto XVI, vediamo che il dialogo tra culture come quello tra religioni sarà difficile". "Potrebbe anche essere sbagliato – aggiunge il quotidiano – chiedere delle scuse al papa", che ha voluto dire di aver solo citato parole di un imperatore bizantino. "Ma questo non è il centro del problema. E' importante sottolineare i punti comuni in un dialogo fra culture e che ognuno accetti l'altro così come è".

Di "passo positivo" parla il giordano Al Ra'i  a proposito dell'Angelus del Papa, del quale fornisce ampi stralci, mentre l'agenzia siriana Sana dà un brevissimo resoconto delle proteste in alcuni Paesi islamici, senza aggiungere commenti né notizie di reazioni nazionali.

Di "obbligo" per i musulmani di accettare "le scuse" di Benedetto XVI parla Hasyim Muzadi, presidente del Nadhlatul Ulama, la maggiore associazione islamica dell'Indonesia. Il Jakarta Post riferisce che Hasyim ha aggiunto che il rammarico di Benedetto XVI era "abbastanza" e che un ulteriore risentimento da parte dei musulmani avrebbe solo giustificato le affermazioni del Papa. "Se la collera continua – ha sostenuto – forse ciò che ha detto il papa è vero". La Conferenza dei vescovi Indonesiani, dal canto suo, ha rilanciato una dichiarazione del cardinale Julius Darmaatmadja: "io spero che l'incidente non danneggi l'armonia religiosa che abbiamo cercato di costruire in tutto questo tempo" e "l'atto di perdonarci l'un l'altro sarà la base per un migliore dialogo nella nostra coesistenza".

Un punto di vista particolare è contenuto in un lungo editoriale di Asia Times. Il giornale sostiene che "il Papa chiama i musulmani alla conversione" e quindi è pericoloso. Il Jihad contro il quale ha parlato Benedetto XVI è infatti "il sacramento fondamentale dell'Islam". Come l'Ultima cena, esso è "il sacrificio che apre ai credenti la via verso l'eternità", con la differenza che il jihad è il sacrificio che ogni musulmano deve essere pronto a fare personalmente. "Chiedere all'Islam di divenire moderato, di riformarsi, di divenire una religione pacifica, della coscienza personale ha la precisa equivalenza che chiedere ai cattolici di abolire la Messa". Per questo, quando il mondo islamico vede in Benedetto XVI un pericolo, "ha ragione". Quanto alla "accusa" di "offesa alla ragione" che Benedetto XVI ha rivolto al jihad, la risposta del mondo musulmano doveva essere di chiedere al Papa quale razionalità c'è in un Dio che manda suo figlio a morire sulla croce o nella convinzione che durante la messa pane e vino divengono realmente carne e sangue di quel figlio morto e risorto.

Il fallimento del tentativo del Vaticano di placare l'ira del mondo islamico è invece sostenuto da Gulf Today e Middle East Time. I due giornali si  soffermano sulle manifestazioni e le minacce fatte ieri da Al Qaeda sulla "conquista di Roma".

Notizie di manifestazioni, oggi, per ora non ci sono: in Indonesia il Fronte per la difesa dell'Islam continua a protestare. Il Papa, a giudizio del gruppo fondamentalista, "ha solo espresso il suo dispiacere, ma non ha chiesto scusa". Secondo un portavoce del Fronte, il Papa deve chiedere scusa "direttamente" ai musulmani. "Chiare scuse" sono state oggi chieste a Benedetto XVI anche dal muftì di Grusalemme Mohammed Hussein.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/09/2006 LIBANO - VATICANO
Per la Giornata della pace, i vescovi libanesi invitano a superare le polemiche sul Papa
di Youssef Hourany
20/09/2006 SIRIA - VATICANO
Il gran muftì di Siria giudica "più che sufficiente" la spiegazione data dal Papa
di Jihad Issa
02/10/2006 PAKISTAN - VATICANO
Musulmani in Pakistan: "Rispettiamo il Papa, il suo discorso è stato strumentalizzato"
20/09/2006 VATICANO-ISLAM
Papa: sull'islam sono stato frainteso, ora divenga occasione di dialogo
18/09/2006 ISLAM – VATICANO
Ma per l'Islam radicale le spiegazioni del Papa non bastano
Articoli del dossier
VATICANO - GERMANIA
Papa: Fede e ragione per sfuggire alla violenza e al suicidio dell' Illuminismo
vaticano - islam
Il discorso del papa, una mano tesa all'Islam perché non affoghi
INDIA
Mumbai, "inutile e manipolata" la polemica sul Papa e l'Islam
VATICANO
Vaticano: "Papa preoccupato solo dalla motivazione religiosa della violenza"
turchia - vaticano
Vicario dell'Anatolia: Le parole del Papa strumentalizzate dai nazionalisti islamici
TURCHIA-VATICANO
Nazionalisti islamici turchi in campo contro la visita di Benedetto XVI
ISLAM – VATICANO
Il mondo islamico tra pretese di scuse e richieste di chiarimenti per le parole di Benedetto XVI
INDIA
Card. Toppo: "Verità, coraggio e preghiera di fronte alle proteste islamiche"
islam - vaticano
Colpite due chiese a Nablus. Continuano le critiche dei paesi islamici al papa
vaticano - islam
Il Papa dispiaciuto, riafferma la stima per l'Islam e il rifiuto della violenza
turchia - vaticano
A rischio il viaggio del papa in una Turchia che perde sempre più la sua laicità
VATICANO – ISLAM
Papa: "vivamente rammaricato" per reazione islamici, ma io non li ho offesi
islam - vaticano
Prime voci equilibrate nel coro di critiche e violenze al discorso del Papa
iran - vaticano
A Teheran non tutti seguono gli ayatollah nel criticare il papa
INDIA
Leader musulmani indiani: "Grande gesto di pace da parte del Papa"
PAKISTAN
Vescovi pakistani : "Il Papa desidera solo armonia fra le religioni"
TURCHIA – VATICANO
I vescovi turchi confermano, il viaggio di Benedetto XVI si farà
Libano
In Libano, voci moderate invitano a leggere ciò che veramente ha detto il Papa
VATICANO - ISLAM
Il papa e il terrorismo d'oriente e d'occidente
ISLAM – VATICANO
Ma per l'Islam radicale le spiegazioni del Papa non bastano
Islam – Israele
Importa al mondo musulmano l'opinione del papa cristiano sull'Islam
PALESTINA - VATICANO
Palestina: guardie armate nelle chiese di Betlemme, ma i cristiani sono a fianco del papa
SIRIA - VATICANO
Il gran muftì di Siria giudica "più che sufficiente" la spiegazione data dal Papa
PAKISTAN - VATICANO
In Pakistan cristiani e musulmani studiano insieme il testo del discorso del Papa
FILIPPINE – ISLAM
Fede sincera e dialogo, uniche vie per la pace fra cristiani e musulmani
VATICANO-ISLAM
Papa: sull'islam sono stato frainteso, ora divenga occasione di dialogo
LIBANO - VATICANO
Per la Giornata della pace, i vescovi libanesi invitano a superare le polemiche sul Papa
IRAN - VATICANO
Ahmadinejad proclama rispetto per il Papa, ma in Iran c'è una strana coalizione anti-cattolica
VATICANO-ISLAM
Il Papa si prepara a incontrare gli ambasciatori di tutti i Paesi islamici
VATICANO
Papa: suor Leonella Sgorbati autentica testimone cristiana
BANGLADESH - VATICANO
I vescovi del Bangladesh difendono il papa "frainteso"
iraq - vaticano
Musulmani radicali contro il papa: attentati a due chiese a Mosul e Baghdad
ISLAM-VATICANO
Il Papa con gli ambasciatori: molti "bene" e qualche "ma" dal mondo islamico
FILIPPINE
Manila, deputato musulmano invita "a capire il Papa, non criticarlo"
VATICANO – ISLAM
Papa: "una necessità vitale" il dialogo tra cristiani e musulmani

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate