25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/09/2006, 00.00

    ISLAM - VATICANO

    Nell'islam in "collera" contro il Papa si moltiplicano gli inviti al dialogo



    Sembra conseguire risultati l'offensiva diplomatica della Santa Sede: al parlamento iraniano si spera che il Papa "non cada nella trappola" di chi vuole lo scontro di civiltà. Crescono i media musulmani che spiegano l'intero discorso di Benedetto XVI in Germania e che sostengono la necessità della migliore reciproca conoscenza tra le religioni.

    Beirut (AsiaNews) – Qualcuno si dilunga a spiegare l'intero discorso di Benedetto XVI a Regensburg (Ratisbona) e non si ferma più solo alla frase su Maometto estrapolata dal testo, qualcun altro accetta l'affermazione che il Papa ha fatto domenica, che quel giudizio non rappresenta il suo pensiero, altri ancora sostengono che alla fin fine il Papa si è scusato. L'offensiva diplomatica della Santa Sede, che vede i nunzi spiegare ai governi dei Paesi islamici il vero significato del discorso di Benedetto XVI sembra stia dando qualche frutto. Anche se fonti di AsiaNews raccontano della tensione ancora percepibile in alcuni Paesi, sembrano essersi in gran parte placate le manifestazioni e le dichiarazioni di protesta. A gettare benzina sul fuoco appaiono solamente i gruppi terroristici o chi cerca di usare politicamente la vicenda.

    In Iran, in una dichiarazione fatta in Parlamento a nome del presidente Ahmadinejad e pubblicata sulla semiufficiale Isna, Ahmad Mousavi ha sostenuto che "ci si aspetta che il Papa abbia il senso del suo elevato ruolo e pensi alle conseguenze delle sue parole" ed ha chiesto "rispetto" per l'islam esprimendo la "speranza che il Papa non cada nella trappola di coloro che vedono il loro vantaggio in una guerra tra musulmani e cristiani". Quanto al discorso sotto accusa, l'agenzia parla di "scarsa conoscenza dell'islam".

    "Qualsiasi opinione si abbia sul controverso discorso di Benedetto XVI a Regensburg – scrive dal canto suo il saudita Arab News – esso sottolinea l'urgente necessità di un più profondo dialogo fra persone di fede diversa. C'è un pericoloso abisso di ignoranza sulle altre fedi e ciò colpisce ugualmente musulmani, cristiani, ebrei e praticanti di altre religioni; è pericoloso perché può essere sfruttato da fanatici e opportunisti per i loro fini politici". La recente vicenda delle vignette su Maometto, sostiene il giornale, avrebbe dovuto stimolare ad intensificare gli sforzi di dialogo, ma così non è stato. "Forse ora, nella furia del chiasso papale, il messaggio può andare in porto. Deve farlo. Nell'attuale villaggio globale, non possiamo permetterci di essere ignoranti l'uno della fede dell'altro. L'ignoranza nutre la paura e la paura nutre l'odio – e l'odio è appena ad un passo da guerra e conflitti".

    Dal canto suo, il turco Hurriyet, già capofila della protesta, scrive ora che "la reazione degli islamici radicali al discorso del papa giustifica l'affermazione che l'Islam è una religione di violenza. Ma se leggiamo con attenzione il discorso di Papa Benedetto XVI, vediamo che il dialogo tra culture come quello tra religioni sarà difficile". "Potrebbe anche essere sbagliato – aggiunge il quotidiano – chiedere delle scuse al papa", che ha voluto dire di aver solo citato parole di un imperatore bizantino. "Ma questo non è il centro del problema. E' importante sottolineare i punti comuni in un dialogo fra culture e che ognuno accetti l'altro così come è".

    Di "passo positivo" parla il giordano Al Ra'i  a proposito dell'Angelus del Papa, del quale fornisce ampi stralci, mentre l'agenzia siriana Sana dà un brevissimo resoconto delle proteste in alcuni Paesi islamici, senza aggiungere commenti né notizie di reazioni nazionali.

    Di "obbligo" per i musulmani di accettare "le scuse" di Benedetto XVI parla Hasyim Muzadi, presidente del Nadhlatul Ulama, la maggiore associazione islamica dell'Indonesia. Il Jakarta Post riferisce che Hasyim ha aggiunto che il rammarico di Benedetto XVI era "abbastanza" e che un ulteriore risentimento da parte dei musulmani avrebbe solo giustificato le affermazioni del Papa. "Se la collera continua – ha sostenuto – forse ciò che ha detto il papa è vero". La Conferenza dei vescovi Indonesiani, dal canto suo, ha rilanciato una dichiarazione del cardinale Julius Darmaatmadja: "io spero che l'incidente non danneggi l'armonia religiosa che abbiamo cercato di costruire in tutto questo tempo" e "l'atto di perdonarci l'un l'altro sarà la base per un migliore dialogo nella nostra coesistenza".

    Un punto di vista particolare è contenuto in un lungo editoriale di Asia Times. Il giornale sostiene che "il Papa chiama i musulmani alla conversione" e quindi è pericoloso. Il Jihad contro il quale ha parlato Benedetto XVI è infatti "il sacramento fondamentale dell'Islam". Come l'Ultima cena, esso è "il sacrificio che apre ai credenti la via verso l'eternità", con la differenza che il jihad è il sacrificio che ogni musulmano deve essere pronto a fare personalmente. "Chiedere all'Islam di divenire moderato, di riformarsi, di divenire una religione pacifica, della coscienza personale ha la precisa equivalenza che chiedere ai cattolici di abolire la Messa". Per questo, quando il mondo islamico vede in Benedetto XVI un pericolo, "ha ragione". Quanto alla "accusa" di "offesa alla ragione" che Benedetto XVI ha rivolto al jihad, la risposta del mondo musulmano doveva essere di chiedere al Papa quale razionalità c'è in un Dio che manda suo figlio a morire sulla croce o nella convinzione che durante la messa pane e vino divengono realmente carne e sangue di quel figlio morto e risorto.

    Il fallimento del tentativo del Vaticano di placare l'ira del mondo islamico è invece sostenuto da Gulf Today e Middle East Time. I due giornali si  soffermano sulle manifestazioni e le minacce fatte ieri da Al Qaeda sulla "conquista di Roma".

    Notizie di manifestazioni, oggi, per ora non ci sono: in Indonesia il Fronte per la difesa dell'Islam continua a protestare. Il Papa, a giudizio del gruppo fondamentalista, "ha solo espresso il suo dispiacere, ma non ha chiesto scusa". Secondo un portavoce del Fronte, il Papa deve chiedere scusa "direttamente" ai musulmani. "Chiare scuse" sono state oggi chieste a Benedetto XVI anche dal muftì di Grusalemme Mohammed Hussein.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2006 LIBANO - VATICANO
    Per la Giornata della pace, i vescovi libanesi invitano a superare le polemiche sul Papa
    In programma riti religiosi, una tavola rotonda con esponenti cristiani e musulmani ed una fiaccolata nel centro di Beirut. Mons. Matar invita a leggere il testo dell'intervento di Benedetto XVI.

    20/09/2006 SIRIA - VATICANO
    Il gran muftì di Siria giudica "più che sufficiente" la spiegazione data dal Papa
    Dopo un incontro con il nunzio, il capo dei religiosi sunniti chiede di rispettare la personalità di Benedetto XVI ed esorta a proseguire sulla via del dialogo.

    02/10/2006 PAKISTAN - VATICANO
    Musulmani in Pakistan: "Rispettiamo il Papa, il suo discorso è stato strumentalizzato"

    In occasione di un sondaggio, un gruppo di religiosi, studiosi ed intellettuali islamici accusa i media ed "alcuni poteri contrari alla pace" di aver usato le parole del Papa per seminare odio fra cristiani e musulmani. Inviti al dialogo e grande apprezzamento per le spiegazioni di Benedetto XVI ed il suo incontro con gli ambasciatori musulmani.



    20/09/2006 VATICANO-ISLAM
    Papa: sull'islam sono stato frainteso, ora divenga occasione di dialogo
    All'udienza generale Benedetto XVI sottolinea che a Regensburg, affrontando il tema fede e ragione, ha sostenuto che "non religione e violenza, ma religione e ragione vanno insieme". Era un invito "al dialogo della fede cristiana con il mondo moderno e con tutte le religioni".

    18/09/2006 ISLAM – VATICANO
    Ma per l'Islam radicale le spiegazioni del Papa non bastano
    Minacce, manifestazioni e chiamate alla protesta percorrono il mondo islamico. Khamenei parla di una "crociata americano-sionista", un giornale saudita evoca il conflitto di civiltà, Al Qaeda minaccia  ed un gruppo indonesiano vuole "crocifiggere il papa".



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®