29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/11/2003, 00.00

    israele - palestina

    Il muro e la sua storia (cronologia)



    1947 – Le Nazioni Unite tracciano il confine tra Palestina ed Israele (linea verde).

    1967 – All'indomani della Guerra dei Sei giorni, in Israele si inizia a pensare alla realizzazione di un muro che segua il tracciato della linea verde. Il progetto, caldeggiato anche da Yitzhak Rabin, non si concretizza. Negli anni successivi viene ripresa l'idea da diversi governi, ma i lavori non hanno mai inizio.

    28 Settembre 2000 - Ariel Sharon visita la Spianata delle Moschee a Gerusalemme. Inizia la seconda Intifada.

    Aprile 2002 – L'aumento degli attentati terroristici da parte di kamikaze palestinesi fa riemergere in Israele la proposta del Muro. Iniziano i lavori ad una vera e propria "barriera difensiva" per contrastare le infiltrazioni dei terroristi.

    Ottobre 2003 – La fascia di sicurezza ha quasi raggiunto i 180 km di lunghezza. Diverse le tipologie di costruzione: dalle muraglie in cemento armato ai reticolati; dai valli ai terrapieni con sistemi di protezione elettronica. Lungo il suo percorso, il muro taglia in due molti paesi palestinesi. Alcuni si ritrovano totalmente isolati dal territorio circostante.

    14 0ttobre 2003 –  Alcuni Paesi arabi chiedono che il Consiglio di Sicurezza dell'ONU denunci come illegale la barriera tra Israele e Palestina. Il rappresentante USA al Consiglio pone il veto perché nella risoluzione manca una condanna specifica agli atti  terroristici contro Israele.

    21 0ttobre 2003 – L'Unione Europea presenta una nuova risoluzione all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite in cui si afferma che il la costruzione del muro è contrario alle leggi internazionali. Nello stesso tempo  si chiede ai palestinesi di bloccare gli atti di terrorismo. Israele e l'Autorità Palestinese sono invitati al rispetto della Road Map e ad impegnarsi  per la costituzione dello Stato palestinese entro il 2005. Voti: 144 a favore, 4 contrari (Israele, USA, Isole Marshall, Micronesia), 12 astensioni.

    8 Novembre 2003 – L'Ufficio di Coordinamento per i problemi umanitari dell'ONU (OCHA) rende noti i dati relativi all'impatto del Muro sui palestinesi. Secondo le Nazioni Unite il muro segue solo per l'11% la Linea verde; requisisce il 14% della West Bank; causerà sofferenze a 680 mila palestinesi. (confronta>

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/03/2007 ISRAELE - PALESTINA
    Ban Ki-moon apprezza il piano saudita di pace e critica il governo palestinese
    Il Segretario Onu, in vista del viaggio in Medio Oriente, rilancia la proposta saudita di pace che prevede il ripristino dei confini del 1967. Intanto Israele e Stati Uniti ritengono insufficienti le aperture del nuovo governo palestinese, al cui interno proseguono i contrasti.

    10/07/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Oxfam: il muro della West Bank è illegale, ma la comunità internazionale non fa nulla
    L’organizzazione inglese ha pubblicato il rapporto “Cinque anni di illegalità” con cui ricorda le dichiarazioni della Corte internazionale di giustizia (Icj) che nel 2004 aveva definito illegale la costruzione del muro e invitato le autorità di Tel Aviv a smantellarlo.

    18/12/2014 PALESTINA-ISRAELE
    Piano di pace della Palestina al Consiglio dell'Onu. Israele: E' un atto di aggressione
    La risoluzione chiede un trattato di pace entro un anno e il ritiro di Israele dai Territori occupati entro il 2017. La soluzione di pace prevede due Stati entro i confini del 1967, Gerusalemme capitale condivisa, garanzie sulla sicurezza. I dialoghi proposti dagli Usa negli ultimi 20 anni si sono dimostrati inutili. Per Avigdor Lieberman, l'Onu dovrebbe occuparsi di cose più serie e non dei "giochetti" palestinesi. La disperazione della popolazione.

    21/01/2009 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    L’esercito di Israele si ritira da Gaza. L’Onu chiede la totale apertura dei passaggi
    Tiene la tregua, anche se vi sono colpi sporadici. Ban Ki-moon esprime “oltraggio” per le sedi Onu colpite da Israele e definisce “allucinante” la violenza di Hamas contro Sderot. Almeno 1300 i morti palestinesi durante l’offensiva israeliana. L’Onu si augura la riconciliazione fra Hamas e Fatah sotto l’egida dell’Autorità palestinese.

    14/01/2009 ISRAELE - PALESTINA
    A Gaza si combatte ancora; arriva Ban Ki-moon
    Il segretario Onu non incontrerà rappresentanti di Hamas. Abbas: Israele vuole “annientare” la popolazione della Striscia. I morti hanno raggiunto quota 975. L’Onu accusa Israele di non rispettare i diritti dei bambini. Anche la Croce Rossa internazionale chiede rispetto per i feriti e per coloro che li curano.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®