5 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/11/2003
israele - palestina
Il muro e la sua storia (cronologia)

1947 – Le Nazioni Unite tracciano il confine tra Palestina ed Israele (linea verde).

1967 – All'indomani della Guerra dei Sei giorni, in Israele si inizia a pensare alla realizzazione di un muro che segua il tracciato della linea verde. Il progetto, caldeggiato anche da Yitzhak Rabin, non si concretizza. Negli anni successivi viene ripresa l'idea da diversi governi, ma i lavori non hanno mai inizio.

28 Settembre 2000 - Ariel Sharon visita la Spianata delle Moschee a Gerusalemme. Inizia la seconda Intifada.

Aprile 2002 – L'aumento degli attentati terroristici da parte di kamikaze palestinesi fa riemergere in Israele la proposta del Muro. Iniziano i lavori ad una vera e propria "barriera difensiva" per contrastare le infiltrazioni dei terroristi.

Ottobre 2003 – La fascia di sicurezza ha quasi raggiunto i 180 km di lunghezza. Diverse le tipologie di costruzione: dalle muraglie in cemento armato ai reticolati; dai valli ai terrapieni con sistemi di protezione elettronica. Lungo il suo percorso, il muro taglia in due molti paesi palestinesi. Alcuni si ritrovano totalmente isolati dal territorio circostante.

14 0ttobre 2003 –  Alcuni Paesi arabi chiedono che il Consiglio di Sicurezza dell'ONU denunci come illegale la barriera tra Israele e Palestina. Il rappresentante USA al Consiglio pone il veto perché nella risoluzione manca una condanna specifica agli atti  terroristici contro Israele.

21 0ttobre 2003 – L'Unione Europea presenta una nuova risoluzione all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite in cui si afferma che il la costruzione del muro è contrario alle leggi internazionali. Nello stesso tempo  si chiede ai palestinesi di bloccare gli atti di terrorismo. Israele e l'Autorità Palestinese sono invitati al rispetto della Road Map e ad impegnarsi  per la costituzione dello Stato palestinese entro il 2005. Voti: 144 a favore, 4 contrari (Israele, USA, Isole Marshall, Micronesia), 12 astensioni.

8 Novembre 2003 – L'Ufficio di Coordinamento per i problemi umanitari dell'ONU (OCHA) rende noti i dati relativi all'impatto del Muro sui palestinesi. Secondo le Nazioni Unite il muro segue solo per l'11% la Linea verde; requisisce il 14% della West Bank; causerà sofferenze a 680 mila palestinesi. (confronta>
invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/03/2007 ISRAELE - PALESTINA
Ban Ki-moon apprezza il piano saudita di pace e critica il governo palestinese
10/07/2009 ISRAELE - PALESTINA
Oxfam: il muro della West Bank è illegale, ma la comunità internazionale non fa nulla
18/12/2014 PALESTINA-ISRAELE
Piano di pace della Palestina al Consiglio dell'Onu. Israele: E' un atto di aggressione
di Joshua Lapide
21/01/2009 ISRAELE - PALESTINA - ONU
L’esercito di Israele si ritira da Gaza. L’Onu chiede la totale apertura dei passaggi
di Joshua Lapide
14/01/2009 ISRAELE - PALESTINA
A Gaza si combatte ancora; arriva Ban Ki-moon
di Joshua Lapide
Articoli del dossier
ONU
L'Assemblea chiede a Israele di smantellare il muro
ISRAELE
La Corte dell'Aja afferma: garantire a tutti libertà di accesso ai luoghi santi
Israele – Palestina
La Corte dell'Aja definisce "illegale" il Muro
ISRAELE - PALESTINA
Domani la sentenza della Corte dell'Aja sul muro
ISRAELE-PALESTINA
I cristiani di Terrasanta: "Sul Muro, positiva la decisione della Corte"
ISRAELE-PALESTINA
La Corte suprema: "Il tracciato del Muro va cambiato"
ISRAELE - PALESTINA
Parrocchie di Gerusalemme tagliate in due dal Muro
vaticano - israele
Vergognose le dichiarazioni di Weisel sul Papa
vaticano - israele
Papa: la Terrasanta ha bisogno di ponti, non di muri
israele-palestina
Il muro, la sicurezza, la pace

In evidenza
EGITTO - ISLAM
Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
di Samir Khalil SamirIl grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.
ARABIA SAUDITA - ISLAM
Imam di Al-Azhar: Per fermare l'estremismo islamico occorre una riforma dell'insegnamento religiosoPer Ahmed al-Tayeb è urgente stilare un nuovo curriculum di studi per evitare una "cattiva interpretazione" del Corano e della sunna. Il terrorismo islamico mette in crisi l'unità del mondo musulmano. Il "nuovo colonialismo globale alleato al sionismo mondiale". Il discorso del re saudita.
HONG KONG - CINA - VATICANO
Card. Zen: Sembra che qualcuno voglia farci tacere
di Card. Joseph Zen Ze-kiunIl diffuso ottimismo sul miglioramento del dialogo fra Santa Sede e Cina sembra non avere fondamento. Alcune "tendenziose" interviste a vescovi cinesi, frenati nella libertà di parlare. Le questioni fondamentali sono sempre aperte: chi nomina i vescovi; cosa fare dell'Associazione patriottica. La guida della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi, citata anche da papa Francesco. Un non accordo è meglio di un cattivo accordo. Cosa è successo a mons. Cosma Shi Enxiang? E a mons. Giacomo Su Zhimin? Un'animata riflessione del vescovo emerito di Hong Kong, campione della libertà religiosa in Cina.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate