25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/03/2007, 00.00

    INDIA

    In aumento la violenza domestica contro le donne

    Nirmala Carvalho

    Da anni il fenomeno aumenta nelle città: ogni giorno 19 donne sono uccise perché non hanno portato una buona dote. Ora l’Onu finanzierà attività contro discriminazioni e violenze. Vescovo di Muzaffarpur: violenza in tutte le caste e classi sociali.

    New Delhi (AsiaNews) – In India aumenta da anni la violenza contro le donne, ormai più diffusa in città che nelle campagne. Ora le Nazioni Unite e la compagnia farmaceutica Johnson and Johnson daranno finanziamenti all’India per programmi finalizzati a combattere le violenze domestiche contro le donne e la diffusione dell’HIV/AIDS. I fondi - stanziati anche per Vietnam, Botswana, Nigeria e Repubblica Dominicana - sono destinati a realizzare programmi che aiutino le donne contro le discriminazioni e le violenze che tuttora subiscono. Si vuole aiutare una maggiore consapevolezza e l’applicazione delle leggi che tutelano le donne, dare assistenza medica e di altro tipo.

    Noeleen Heyzer, direttore esecutivo del Fondo Onu per lo sviluppo delle donne (Unifem), dice che “la violenza contro le donne e l’HIV sono pandemie che negano i diritti umani delle donne e devastano vite di individui e intere società”. Peter Piot, direttore esecutivo di Unaids, osserva che “la violenza aumenta per le donne il rischio dell’infezione HIV e la paura di reazioni violente degli uomini, sia fisiche che psicologiche, impedisce a molte donne di cercare informazioni sulla malattia, le scoraggia dal fare esami clinici e cure”.

    L’ultimo Sondaggio sulla salute nazionale della famiglia, condotto dal ministero per le Donne e il benessere della famiglia, mostra che in India il 37,2% delle donne “ha subito violenza” dopo il matrimonio. L’Ufficio nazionale degli archivi criminali dice che “nel 2000 ogni giorno 125 donne subivano violenze in ambito domestico e dopo 5 anni sono diventate 160”. Nel 2005 ogni giorno sono state uccise più di 19 donne colpevoli di non avere portato abbastanza dote, 50 sono state violentate, 480 hanno subito crimini sessuali di vario tipo, dal rapimento alle molestie. A gennaio è stata approvata la prima legge contro le violenze domestiche, ma il problema è ora farla entrare nelle abitudini di parte della Nazione.

    Sempre secondo questo sondaggio, “le donne prive di educazione subiscono violenze nel matrimonio più spesso delle altre. Comunque, anche il 16% di chi ha l’istruzione secondaria o superiore subisce violenze domestiche dopo il matrimonio”.

    Nello Stato di Bihar ci sono le maggiori violenze fisiche, psichiche e sociali, con una percentuale del 62,2% delle donne che abitano in città e del 58,5% per chi vive in villaggi. Nel Rajasthan il 46,3% delle donne sposate lamenta violenze dopo il matrimonio. Tra le grandi città la peggiore è Chennai, dove il 40,6% delle donne lamentano abusi, mentre la migliore è New Delhi dove sono “solo” il 16,3%.

    La discriminazione inizia prima della nascita, con centinaia di migliaia di feti femminili abortiti ogni anno. Il governo federale ha stanziato somme a favore delle donne.

    Mons. John Baptist Thakur, vescovo di Muzaffarpur (Bihar) e presidente della Commissione episcopale indiana per le donne, dice ad AsiaNews che da anni la Chiesa opera a favore delle donne, “discriminate e vittime di violenze non solo per ragioni culturali, ma anche per ignoranza, per cui questi finanziamenti sono benvenuti e significativi in occasione del 30° anniversario del Giorno internazione delle donne in India. Le donne sono qui spesso vittime mute di violenze domestiche e il loro aumento è allarmante. La gran parte dei casi restano ignoti. E’ tragico che le violenze domestiche siano diffuse soprattutto nelle grandi città, tra classi sociali facoltose ed istruite. Queste violenze avvengono in tutte le caste e in tutte le classi sociali. La Chiesa da decenni aiuta donne e bambini fornendo loro, tra l’altro, un’istruzione di base nelle zone rurali, aiuto ad avere coscienza di se stesse, asili per le giovani mamme”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/12/2006 INDIA
    La Chiesa cattolica contro la discriminazione sessuale in India
    Nel Paese ogni 7 minuti una donna muore per ragioni collegate alla gravidanza. Ogni anno milioni di feticidi femminili. Mons. Fernandes invita a dare un aiuto concreto contro ogni discriminazione sessuale.

    07/01/2008 MORATORIA ABORTO - INDIA
    Anche l’India sostiene la moratoria contro l’aborto
    La moratoria mondiale sull’aborto, dopo quella sulla esecuzione capitale, interessa anche il mondo asiatico, dove entrambe le morti sono spesso attuate con violenza da vari Stati. In questi giorni AsiaNews darà resoconto su interventi e prese di posizione provenienti dall’Asia. Quest’oggi cominciamo da una dichiarazione del card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai

    18/09/2005 vaticano - nazioni unite
    Card. Sodano: sì alla riforma dell'Onu e ad un impegno efficace per la pace e la lotta alla povert

    Il segretario di stato vaticano ha chiesto di approfondire il tema dell'uso della forza per disarmare l'avversario, verso stati incapaci di garantire la pace. Più aiuti allo sviluppo a partire dai bisogni di base. Condanna della manipolazione ideologica sulla "salute riproduttiva" e l'aborto.



    14/01/2008 MORATORIA ABORTO - INDIA
    Comunista indiano, ateo, sostiene la moratoria contro l’aborto
    Lenin Raghavarshi, vincitore del premio Gwangju 2007 per i diritti umani difende il diritto alla vita dell’embrione, contro l’aborto selettivo. E più di tutti denuncia i metodi di controllo delle nascite che colpevolizzano la crescita della popolazione, quale causa della povertà per non giungere a una condivisione delle risorse mondiali.

    20/12/2006 INDIA
    Approvata la legge contro il matrimonio dei bambini
    In India ogni anno centinaia di migliaia di bambini sono costretti a sposarsi. Ora saranno puniti gli adulti che li sposano o che li costringono. Il vescovo mons. Thakur ritiene la legge “benvenuta” e parla di cosa occorre fare per renderla effettiva.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®