26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/05/2004, 00.00

    HONG KONG – CINA

    Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno



    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – È stato il corteo più massiccio a ricordo del 4 giugno, da quando Hong Kong è passata alla Cina. La manifestazione tenutasi ieri nel centro di Hong Kong, ha raccolto oltre 5 mila persone per  ricordare i 15 anni dal 4 giugno '89, quando la Cina ha represso con un bagno di sangue le istanze democratiche di studenti e lavoratori.

    Per la prima volta l'Alleanza a sostegno dei movimenti democratici patriottici ha legato la questione della democrazia di Hong Kong al massacro di piazza Tiananmen. Szeto Wah, presidente dell'Alleanza, ha dichiarato: "Dall'interpretazione della Basic Law [la costituzione, ndr] alla soppressione del suffragio universale e alle intimidazioni dei conduttori dei programmi alla radio, credo che ciascuno a Hong Kong abbia sentimenti di profonda preoccupazione". E difendendo lo slogan "Restituire il potere al popolo", ha aggiunto: "Bisogna che la Cina restituisca il potere al popolo. Anche Hong Kong ne ha bisogno. Hong Kong è parte della Cina, ecco perché è naturale che i movimenti per la democrazia in Cina includano Hong Kong".

    Dal tempo in cui è avvenuto quel tragico avvenimento – 8 anni prima del ritorno alla madrepatria - i cittadini di Hong Kong (compresi funzionari di Pechino e simpatizzanti del governo cinese) hanno manifestato ogni anno per ricordare il massacro di Tiananmen. Ma quest'anno, per Hong Kong, la manifestazione ha acquistato un significato ancora più profondo, viste le minacce alla democrazia e alla libertà da parte di Pechino, che il mese scorso ha annunciato che Hong Kong non potrà eleggere il prossimo governatore nel 2007 né il parlamento nel 2008. Secondo Szeto, "le minacce al principio 'un paese, due sistemi, al governo dei cittadini di Hong Kong e a un alto grado di autonomia [che  la Cina si era impegnata a garantire dopo il ritorno del territorio nel '97, ndr] sono senza precedenti".

    Per il governo cinese, i fatti di Tiananmen sono definiti "la soppressione di un movimento controrivoluzionario". Centinaia, se non migliaia, di attivisti inermi – molti dei quali giovanissimi - sono rimasti uccisi. "La popolazione cinese non dimenticherà mai questo avvenimento. Dica lei se è giusto usare armi per reprimere gente indifesa", ha detto Thomas Ma, un disoccupato di 44 anni. Un uomo di Shanghai che partecipava alla manifestazione e ha detto di chiamarsi Chen ha affermato: "gli studenti erano innocenti. Non avrebbero dovuto ucciderli con carri armati e pistole". "Il regime non è ancora aperto abbastanza per affrontare la sua popolazione, ha detto Jackie Hung, attivista cattolica per i diritti umani.

    Secondo gli organizzatori, i partecipanti alla marcia pacifica erano 5600, più del doppio rispetto ai 2000 dell'anno scorso, con 3000 già all'inizio della processione partita da Victoria Park. Subito dopo la fine della processione, durata 3 ore, agli Uffici del Governo centrale, un attivista veterano, Leung Kwok-hung si è scontrato con la polizia mentre con una dozzina di manifestanti tentava di portare al Ministero degli Esteri una bara di legno. Il gruppo si è sciolto dopo aver bruciato una lettera di richieste. (ThR)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2004 hong kong - cina
    Mons. Zen: la marcia del 1 luglio è per protestare, non per festeggiare


    28/06/2012 HONG KONG – CINA
    Hong Kong manifesta contro Hu Jintao e la perdita della democrazia
    La popolazione del Territorio si prepara a contestare la visita del leader cinese, che presiederà ai festeggiamenti per il 15esimo anniversario del ritorno alla madrepatria dell’ex colonia britannica. Attivisti democratici pronti per dimostrare contro lui e il suo governo.

    31/05/2004 HONG KONG – CINA
    Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore


    05/06/2006 Hong Kong
    Hong Kong, migliaia in piazza per commemorare i caduti di Tiananmen

    Secondo gli organizzatori, i manifestanti erano oltre 44 mila. Card. Zen: "Dicono che dopo 17 anni dobbiamo scaricare questo retaggio storico, ma in che modo? Lo cancelliamo, lo lasciamo irrisolto o facciamo finta di nulla?".



    30/07/2012 HONG KONG – CINA
    Hong Kong in piazza: 90mila persone sfilano contro “l’educazione nazionale” pro-Pechino
    Non si ferma l’ondata di proteste contro la riforma scolastica imposta dalla Cina al Territorio: genitori, studenti e insegnanti insieme contro la decisione di imporre la “glorificazione del Partito” nelle scuole dell’ex colonia britannica. Il governo locale annuncia una Commissione per rivedere il progetto.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®