26 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/05/2004
HONG KONG – CINA
Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – È stato il corteo più massiccio a ricordo del 4 giugno, da quando Hong Kong è passata alla Cina. La manifestazione tenutasi ieri nel centro di Hong Kong, ha raccolto oltre 5 mila persone per  ricordare i 15 anni dal 4 giugno '89, quando la Cina ha represso con un bagno di sangue le istanze democratiche di studenti e lavoratori.

Per la prima volta l'Alleanza a sostegno dei movimenti democratici patriottici ha legato la questione della democrazia di Hong Kong al massacro di piazza Tiananmen. Szeto Wah, presidente dell'Alleanza, ha dichiarato: "Dall'interpretazione della Basic Law [la costituzione, ndr] alla soppressione del suffragio universale e alle intimidazioni dei conduttori dei programmi alla radio, credo che ciascuno a Hong Kong abbia sentimenti di profonda preoccupazione". E difendendo lo slogan "Restituire il potere al popolo", ha aggiunto: "Bisogna che la Cina restituisca il potere al popolo. Anche Hong Kong ne ha bisogno. Hong Kong è parte della Cina, ecco perché è naturale che i movimenti per la democrazia in Cina includano Hong Kong".

Dal tempo in cui è avvenuto quel tragico avvenimento – 8 anni prima del ritorno alla madrepatria - i cittadini di Hong Kong (compresi funzionari di Pechino e simpatizzanti del governo cinese) hanno manifestato ogni anno per ricordare il massacro di Tiananmen. Ma quest'anno, per Hong Kong, la manifestazione ha acquistato un significato ancora più profondo, viste le minacce alla democrazia e alla libertà da parte di Pechino, che il mese scorso ha annunciato che Hong Kong non potrà eleggere il prossimo governatore nel 2007 né il parlamento nel 2008. Secondo Szeto, "le minacce al principio 'un paese, due sistemi, al governo dei cittadini di Hong Kong e a un alto grado di autonomia [che  la Cina si era impegnata a garantire dopo il ritorno del territorio nel '97, ndr] sono senza precedenti".

Per il governo cinese, i fatti di Tiananmen sono definiti "la soppressione di un movimento controrivoluzionario". Centinaia, se non migliaia, di attivisti inermi – molti dei quali giovanissimi - sono rimasti uccisi. "La popolazione cinese non dimenticherà mai questo avvenimento. Dica lei se è giusto usare armi per reprimere gente indifesa", ha detto Thomas Ma, un disoccupato di 44 anni. Un uomo di Shanghai che partecipava alla manifestazione e ha detto di chiamarsi Chen ha affermato: "gli studenti erano innocenti. Non avrebbero dovuto ucciderli con carri armati e pistole". "Il regime non è ancora aperto abbastanza per affrontare la sua popolazione, ha detto Jackie Hung, attivista cattolica per i diritti umani.

Secondo gli organizzatori, i partecipanti alla marcia pacifica erano 5600, più del doppio rispetto ai 2000 dell'anno scorso, con 3000 già all'inizio della processione partita da Victoria Park. Subito dopo la fine della processione, durata 3 ore, agli Uffici del Governo centrale, un attivista veterano, Leung Kwok-hung si è scontrato con la polizia mentre con una dozzina di manifestanti tentava di portare al Ministero degli Esteri una bara di legno. Il gruppo si è sciolto dopo aver bruciato una lettera di richieste. (ThR)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/06/2004 hong kong - cina
Mons. Zen: la marcia del 1 luglio è per protestare, non per festeggiare
28/06/2012 HONG KONG – CINA
Hong Kong manifesta contro Hu Jintao e la perdita della democrazia
31/05/2004 HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
05/06/2006 Hong Kong
Hong Kong, migliaia in piazza per commemorare i caduti di Tiananmen
30/07/2012 HONG KONG – CINA
Hong Kong in piazza: 90mila persone sfilano contro “l’educazione nazionale” pro-Pechino
Articoli del dossier
Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
CINA –Dossier Tiananmen
Scomparso il dottore che chiese al Partito di ripensare al suo "più grande errore"
CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
CINA
Un attivista e un predicatore liberati prima del 4 giugno
Cina
Studenti e dissidenti sotto controllo prima del 4 giugno
CINA
Dopo le accuse di Amnesty, Pechino lancia una campagna per i diritti umani
cina
Piazza Tiananmen: misure di emergenza per prevenire le proteste
cina - stati uniti
Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani
hong kong
Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata
cina - unione europea
Il Parlamento Europeo blocca ancora la vendita di armi alla Cina

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate