17 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/05/2004 09:46
HONG KONG – CINA
Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – È stato il corteo più massiccio a ricordo del 4 giugno, da quando Hong Kong è passata alla Cina. La manifestazione tenutasi ieri nel centro di Hong Kong, ha raccolto oltre 5 mila persone per  ricordare i 15 anni dal 4 giugno '89, quando la Cina ha represso con un bagno di sangue le istanze democratiche di studenti e lavoratori.

Per la prima volta l'Alleanza a sostegno dei movimenti democratici patriottici ha legato la questione della democrazia di Hong Kong al massacro di piazza Tiananmen. Szeto Wah, presidente dell'Alleanza, ha dichiarato: "Dall'interpretazione della Basic Law [la costituzione, ndr] alla soppressione del suffragio universale e alle intimidazioni dei conduttori dei programmi alla radio, credo che ciascuno a Hong Kong abbia sentimenti di profonda preoccupazione". E difendendo lo slogan "Restituire il potere al popolo", ha aggiunto: "Bisogna che la Cina restituisca il potere al popolo. Anche Hong Kong ne ha bisogno. Hong Kong è parte della Cina, ecco perché è naturale che i movimenti per la democrazia in Cina includano Hong Kong".

Dal tempo in cui è avvenuto quel tragico avvenimento – 8 anni prima del ritorno alla madrepatria - i cittadini di Hong Kong (compresi funzionari di Pechino e simpatizzanti del governo cinese) hanno manifestato ogni anno per ricordare il massacro di Tiananmen. Ma quest'anno, per Hong Kong, la manifestazione ha acquistato un significato ancora più profondo, viste le minacce alla democrazia e alla libertà da parte di Pechino, che il mese scorso ha annunciato che Hong Kong non potrà eleggere il prossimo governatore nel 2007 né il parlamento nel 2008. Secondo Szeto, "le minacce al principio 'un paese, due sistemi, al governo dei cittadini di Hong Kong e a un alto grado di autonomia [che  la Cina si era impegnata a garantire dopo il ritorno del territorio nel '97, ndr] sono senza precedenti".

Per il governo cinese, i fatti di Tiananmen sono definiti "la soppressione di un movimento controrivoluzionario". Centinaia, se non migliaia, di attivisti inermi – molti dei quali giovanissimi - sono rimasti uccisi. "La popolazione cinese non dimenticherà mai questo avvenimento. Dica lei se è giusto usare armi per reprimere gente indifesa", ha detto Thomas Ma, un disoccupato di 44 anni. Un uomo di Shanghai che partecipava alla manifestazione e ha detto di chiamarsi Chen ha affermato: "gli studenti erano innocenti. Non avrebbero dovuto ucciderli con carri armati e pistole". "Il regime non è ancora aperto abbastanza per affrontare la sua popolazione, ha detto Jackie Hung, attivista cattolica per i diritti umani.

Secondo gli organizzatori, i partecipanti alla marcia pacifica erano 5600, più del doppio rispetto ai 2000 dell'anno scorso, con 3000 già all'inizio della processione partita da Victoria Park. Subito dopo la fine della processione, durata 3 ore, agli Uffici del Governo centrale, un attivista veterano, Leung Kwok-hung si è scontrato con la polizia mentre con una dozzina di manifestanti tentava di portare al Ministero degli Esteri una bara di legno. Il gruppo si è sciolto dopo aver bruciato una lettera di richieste. (ThR)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/06/2004 hong kong - cina
Mons. Zen: la marcia del 1 luglio è per protestare, non per festeggiare
28/06/2012 HONG KONG – CINA
Hong Kong manifesta contro Hu Jintao e la perdita della democrazia
31/05/2004 HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
05/06/2006 Hong Kong
Hong Kong, migliaia in piazza per commemorare i caduti di Tiananmen
30/07/2012 HONG KONG – CINA
Hong Kong in piazza: 90mila persone sfilano contro “l’educazione nazionale” pro-Pechino
Articoli del dossier
Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
CINA –Dossier Tiananmen
Scomparso il dottore che chiese al Partito di ripensare al suo "più grande errore"
CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
CINA
Un attivista e un predicatore liberati prima del 4 giugno
Cina
Studenti e dissidenti sotto controllo prima del 4 giugno
CINA
Dopo le accuse di Amnesty, Pechino lancia una campagna per i diritti umani
cina
Piazza Tiananmen: misure di emergenza per prevenire le proteste
cina - stati uniti
Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani
hong kong
Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata
cina - unione europea
Il Parlamento Europeo blocca ancora la vendita di armi alla Cina

In evidenza
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.
CINA-EU
Xi Jinping torna dall'Europa sazio di contratti e di silenzi
di Bernardo CervelleraIl presidente cinese ha firmato accordi per decine di miliardi di euro con Francia, Germania, Olanda, Belgio. Ma non ha mai voluto incontrare i giornalisti per una conferenza stampa. Al Collegio dell’Europa a Bruges, egli sogna una Via della Seta per un volume di commercio pari a 1000 miliardi. Ma mette in chiaro che in Cina il monopolio del potere rimane al Partito. Fine del sogno delle riforme politiche per la Cina. Ma gli internauti non sono d’accordo con lui.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate