20 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/06/2004
CINA –Dossier Tiananmen
Scomparso il dottore che chiese al Partito di ripensare al suo "più grande errore"

La polizia arresta 13 persone in piazza Tiananmen



Pechino (AsiaNews) – In occasione del 15mo anniversario del massacro di Tiananmen, le autorità cinesi hanno messo agli arresti domiciliari molti attivisti e critici del regime, cercando di frenare qualunque attività e manifestazione. Stamane, in piazza Tiananmen la polizia ha arrestato 13 persone. Da due giorni non vi sono notizie di Jiang Yanyong , il dottore in pensione che per primo denunciò l'epidemia di Sars in Cina.

Nel febbraio scorso il dott. Jiang ha scritto una lettera ai capi del partito comunista chiedendo loro di rivedere il giudizio sul movimento democratico degli studenti ed operai dell'89. In un comunicato alla stampa, la figlia Jiang Rui, che vive in California, denuncia la scomparsa del padre e della madre: "In quanto figli del dott. Jiang Yanyong, chiediamo al governo cinese di investigare sulla sparizione dei nostri genitori a Pechino. Non vogliamo fare speculazioni inutili su cosa è successo loro, ma crediamo che le autorità dell'ospedale militare 301 di Pechino stiano deliberatamente nascondendoci informazioni sui nostri parenti".

La lettera  di Jiang Yanyong, inviata in febbraio ai leader del Partito, è il primo resoconto pubblico di un membro del partito Comunista sugli eventi del 4 giugno. Nell'89 Jiang, ora in pensione, lavorava all'ospedale militare n. 301 di Pechino. Nel suo scritto egli dà un resoconto di quanto ha visto quella notte: in meno di due ore, nel suo reparto sono arrivati almeno 89 giovani tutti con ferite di armi da fuoco.

"Ho visto giovani tutti coperti di sangue….qualcuno aveva gli organi interni completamente distrutti… I proiettili usati dai soldati erano del tipo "dum dum", che esplodono nel corpo. Sono stati proibiti dalla convenzione internazionale dell'Aja".

Il dott. Jang definisce la sua esperienza "traumatica e indimenticabile". La maggior parte della gente non potrà mai dimenticare quel giorno – dice Jiang – perché tutti pensano che il movimento degli studenti era 'patriottico' [e non contro-rivoluzionario, come è definito dal Partito – ndr].

"Gli studenti si erano conquistati un ampio sostegno fra la gente di Pechino e in tutto il paese", egli scrive. "Ma alcuni pochi leader, desiderosi di continuare il loro governo corrotto, hanno spinto carri armati e mitragliatrici contro studenti disarmati e civili, in quella che è la più brutale soppressione nella storia della Cina… Varie centinaia di giovani innocenti hanno subito la morte a causa di queste atrocità e molte migliaia sono stati feriti per le strade di Pechino".

Nella lettera il dottore confessa di aver interrogato una volta l'ex presidente Yang Shangkun il quale – confidenzialmente – definì il massacro "il più grande errore del patito Comunista"

"Dissi a Yang cosa avevo visto… Ed egli mi disse che l'incidente del 4 giugno è stato il più grande errore nella storia del Partito comunista. E sebbene lui non avesse più alcun potere, disse che aveva fiducia che un giorno si sarebbe fatta giustizia".

La lettera di Jiang spinge il Partito a correggersi: "Gli errori fatti dal partito devono essere corretti dal partito; più presto lo si fa e meglio è per tutti. Credo che una riconsiderazione degli avvenimenti del 4 giugno non porterà al caos [perché]  è ciò che la gente vuole".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/06/2004 Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
03/06/2004 cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
03/06/2004 CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
di Bernardo Cervellera
03/06/2004 CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
12/06/2004 CINA
Attivisti per i diritti umani rapiti o rinchiusi in manicomio
Articoli del dossier
Cina – Dossier Tiananmen
Parla un testimone del massacro dell'89
CINA – DOSSIER TIANANMEN
Una madre: prima o poi li dovranno riabilitare
cina - DOSSIER TIANANMEN
Tiananmen: Pechino difende il massacro
CINA - DOSSIER TIANANMEN
L' eredità di Tiananmen
HONG KONG – CINA
Mons. Zen: il 4 giugno manifestiamo per la democrazia, senza l'odio nel cuore
CINA
Un attivista e un predicatore liberati prima del 4 giugno
HONG KONG – CINA
Oltre 5 mila manifestano per la democrazia e il 4 giugno
Cina
Studenti e dissidenti sotto controllo prima del 4 giugno
CINA
Dopo le accuse di Amnesty, Pechino lancia una campagna per i diritti umani
cina
Piazza Tiananmen: misure di emergenza per prevenire le proteste
cina - stati uniti
Pechino interrompe il dialogo con gli USA sui diritti umani
hong kong
Dal massacro di Tiananmen la Cina non è cambiata
cina - unione europea
Il Parlamento Europeo blocca ancora la vendita di armi alla Cina

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate