28/02/2008, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Mons. Saldanha: una nuova ondata di estremismo contro i cristiani

L’arcivescovo di Lahore e presidente della Conferenza episcopale pakistana parla di nuove forme di violenza contro la minoranza cristiana del Pakistan: conversioni forzate, violenza e discriminazione. Un appello al governo, perché protegga i cristiani “cittadini come tutti gli altri”.

Lahore (AsiaNews) – Il presidente della Conferenza episcopale pakistana, mons. Lawrence John Saldanha, chiede al governo di proteggere i cristiani dall’ondata di nuova violenza islamica che si sta abbattendo su di loro. Il presule sottolinea che la libertà religiosa è garantita dalla Costituzione e chiede ad Islamabad di intervenire per fermare le minacce ed i tentativi di conversione operati dagli estremisti islamici nei confronti delle minoranze nazionali.

Nel corso di un’intervista rilasciata ad Aiuto alla Chiesa che soffre, mons. Saldanha dice: “L’odio e l’intolleranza di gruppi musulmani composti da integralisti crescono di giorno in giorno. I ripetuti tentativi di convertire i cristiani all’islam non rappresentano soltanto una violenza, ma anche una violazione dei principi di libertà religiosa garantiti nella nostra Costituzione”.

L’arcivescovo di Lahore descrive il caso di un giovane cattolico, padre di 4 figli, rapito nei mesi scorsi da militanti della Jamaat-ul-Dawah, formazione terroristica di stampo fondamentalista: “Prima di riuscire a fuggire dai suoi rapitori, il giovane è stato torturato per costringerlo a divenire musulmano. Il suo è un caso esemplare, che spiega le nostre difficoltà”.

In Pakistan, aggiunge, “l’estremismo cresce di giorno in giorno, mentre sparisce la tolleranza nei confronti dei non musulmani. La situazione dei cristiani che vivono in aree remote è particolarmente difficile, perché lontano dalle città cresce l’odio e la discriminazione”.

Un fattore che “desta ancora più preoccupazione” è la pratica di rapire giovani donne cristiane, che vengono convertite all’islam con la forza e poi sposate dai loro rapitori: “Cose come questa non sono mai successe prima. Esse dimostrano cosa può succedere a chi vive in Paesi intolleranti. Noi cristiani siamo cittadini come tutti gli altri: vogliamo che i nostri diritti siano difesi come quelli del resto della popolazione”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giustizia e pace: I libri di testo sono pieni di intolleranza e odio verso i non musulmani
29/07/2016 13:13
Pakistan, leader cristiani: "Non fate di noi i capri espiatori degli errori occidentali"
24/02/2006
Madhya Pradesh, violentate per essersi convertite al cristianesimo
06/06/2006
India, fanatici indù sequestrano e violentano donne cristiane
01/06/2006
India: 200 fondamentalisti indù bruciano una chiesa nel Manipur
22/04/2005