Ucciso un altro cristiano a Mosul
di Layla Yousif Rahema
Behnam Sabti, siro ortodosso è stato ucciso ieri dall’esplosione di una bomba fissata sotto la sua auto. L’uomo lavorava come infermiere all’ospedale statale Al Jumhuriyia di Mosul. Secondo fonti anonime il movente dell’omicidio è l’identità religiosa.

Mosul (AsiaNews) – Continua l’agonia della comunità cristiana di Mosul, la città più pericolosa d’Iraq. Ieri 5 luglio, in una vera e propria esecuzione mirata, ha perso la vita l’ennesimo cristiano. Siro-ortodosso, Behnam Sabti - 54 anni - lavorava come infermiere all’ospedale statale Al Jumhuriyia di Mosul. Un ordigno fissato sotto la sua auto è esploso mentre l’uomo era alla guida, uccidendolo sul colpo. Fonti locali di AsiaNews, anonime per motivi di sicurezza, si dicono convinte che il movente dell’omicidio sia proprio “l’identità religiosa” dell’uomo. Sposato e padre di tre figli, Kemal sarà sepolto a Bashiqa, nel suo villaggio natale nel nord del Paese.

Secondo gli ultimi dati, diffusi a fine giugno dai ministeri iracheni della Difesa, della Salute e dell’Interno, la violenza su scala nazionale è diminuita. Nonostante ciò, la gente si dice sfiduciata e ancora vive nel terrore. Il numero degli iracheni uccisi in modo violento, nel mese di giugno, è sceso a 284, rispetto ai 437 dello stesso mese del 2009.

Se l’Iraq sta vivendo uno stallo politico dovuto al protrarsi delle trattative sulla formazione del nuovo governo dopo le elezioni del 7 marzo scorso, Mosul affronta “un vero vuoto di sicurezza”, come raccontano le fonti di AsiaNews. In quella che oggi è la roccaforte di “Al Qaeda in Mesopotamia”, si verificano due tipi di violenze: da una parte quelle terroristiche indirizzate contro gli abitanti locali – in gran parte sciiti - e le minoranze; dall’altra quelle jihadiste che colpiscono le truppe americane i loro alleati delle forze di sicurezza irachene.

Le strade di Mosul sono pattugliate dall’esercito Usa, circa 18 battaglioni dell’esercito iracheno sono dispiegati in tutta la città, insieme a centinaia di poliziotti e checkpoint. Ciò nonostante, la situazione rimane altamente insicura, come rivelano gli stessi ufficiali americani. E i problemi “aumenteranno quando gli Usa completeranno il ritiro”, dichiara Didar Abdulla al-Zibari, un membro del locale consiglio provinciale.  

IRAQ_(F)_0706_-_Mosul.jpg