Zuppa di mais e una corda : i regali di Pyongyang per l'Anno del Dragone
Kim Jong-un voleva inaugurare il suo regno con un gesto più grandioso, “ma i conti dello Stato sono a terra e le derrate alimentari sono finite. Quindi ha fatto distribuire ai bambini del Paese una corda per saltare, nonostante al momento ci siano 5 gradi sotto zero”. Una fonte di AsiaNews racconta il triste capodanno dei coreani.
Seoul (AsiaNews) – Il governo nordcoreano ha ordinato la distribuzione in tutte le classi del Paese di un pezzo di corda e una ciotola in più di zuppa di mais: “In questo modo i giovani che vivono nel regime hanno festeggiato l’avvento del nuovo Anno lunare, sotto il segno del Dragone. Saltando la corda nei cortili e bevendo una zuppa tiepida nonostante la temperatura fosse 5 gradi sotto lo zero”. A parlare è una fonte di AsiaNews che vive sul confine fra le due Coree.

La fonte spiega ancora: “Kim Jong-un, erede del defunto Kim Jong-il, sperava di mostrare più generosità nei confronti del popolo per dipingersi addosso un ruolo carismatico. Ma i conti dello Stato sono disastrosi e la situazione delle derrate alimentari lo è ancora di più. Non è riuscito a fare nulla di ciò che si era preparato a fare: voleva costruire nuovi edifici e non l’ha fatto, voleva fare il ‘buon padre’ della patria e ha distribuito corde”.

In Corea del Nord vivono all’incirca 22 milioni di persone. Di queste, almeno 10 milioni vivono con meno di un dollaro americano al giorno: persino i 3 milioni di soldati, fiore all’occhiello del regime stalinista, iniziano a sentire le privazioni imposte dalle sanzioni internazionali decise contro Pyongyang dopo le provocazioni militari del 2008.

Un commerciante cinese che vive nel Paese racconta al DailyNK: “Le razioni extra per il Capodanno sono arrivate, ma soltanto in alcune zone specifiche. Il governo ha selezionato fra ‘buoni’ e ‘cattivi’, e comunque parliamo di una ciotola di riso mischiato ad altri cereali per i più fortunati. Agli altri, zuppa di mais. Il regime ha dato anche dei buoni per comprare a prezzo diminuito del pesce secco, ma la popolazione non li usa: se ha i soldi, preferisce il mercato nero”.

COREA_DEL_NORD_-_Capodanno_(F).jpg