Dinajpur: decine di estremisti assaltano un seminario, feriti il rettore e alcuni studenti
Una sessantina di persone ha preso di mira l’edificio, malmenando con violenza p. Uzzal e alcuni seminaristi. In precedenza avevano attaccato un villaggio tribale cattolico, rubando mucche, capre, utensili. E minacciato gli abitanti di bruciare le loro case. Il 5 giugno sotto attacco la parrocchia di Tumilia.

Dhaka (AsiaNews) - Decine di persone hanno assaltato un seminario della diocesi di Dinajpur, nel nord del Bangladesh, ferendo il rettore e un gruppo di studenti presenti all'interno dell'edificio al momento dell'attacco. Il raid è avvenuto alle 3 del pomeriggio di ieri: circa 60 fanatici locali hanno divelto le porte del seminario di Jisu Niloy, facendo irruzione all'interno del compound. Obiettivo del gruppo il rettore p. Uzzal, sorpreso nella sua camera mentre stava riposando; gli assalitori hanno abbattuto la porta e hanno compiuto abusi su di lui e alcuni studenti presenti al momento dell'attacco.

Nelle concitate fasi dell'assalto, i fanatici hanno bloccato i giovani allievi del seminario e li hanno picchiati con violenza e brutalità. Il seminario di Jisu Niloy è situato a Bolakipur e fa riferimento alla parrocchia di Marimpur, nella diocesi di Dinajpur.

In precedenza, sempre lo stesso gruppo aveva compiuto un raid nel vicino villaggio tribale - a maggioranza cattolica - di Tivipara e Bagja. L'assalto è avvenuto all'1.30 del pomeriggio; essi hanno depredato gli abitanti di 40 mucche, 50 capre, un pulmino, della frutta e molti altri oggetti e utensili. Prima di andarsene, gli assalitori hanno minacciato gli abitanti di tornare la notte successiva e bruciare le loro case.

La maggior parte degli uomini ha abbandonato l'area, nel timore di nuovi attacchi; donne e bambini, invece, hanno trovato rifugio all'interno della missione cattolica, dove vi sono maggiori garanzie di sicurezza. I cattolici della zona appartengono alle popolazioni tribali Santals, Urao, Mundas, Kharias e Malos.

Da giorni si susseguono assalti e violenze mirate contro la comunità cristiana in Bangladesh, nazione a larga maggioranza musulmana: il 5 giugno è stata la volta della parrocchia di Tumilia, finita nelle mire degli estremisti. Il parroco p. Abel è stato malmenato e derubato, assieme a un altro religioso.

(Ha collaborato Nirmala Carvalho

 

 

BANGLADESH_-_estremisti_violenze.jpg