Bangladesh, in migliaia ricordano mons. Ganguly e pregano per la sua beatificazione
di Sumon Corraya
Il 2 settembre è stato il 37mo anniversario della morte del primo vescovo bengalese di Dhaka. La testimonianza di un giovane cattolico: "Una guida da seguire nella vita". Già proclamato Servo di Dio, è in corso il suo processo di canonizzazione.

Dhaka (AsiaNews) - "Un grande uomo, che ha sostenuto chi ha combattuto per la libertà del Bangladesh, amato da cristiani e non cristiani". Così Promod Mankin, ministro cattolico del Welfare, ricorda mons. T.A. Ganguly, primo arcivescovo di Dhaka quando il Paese ha ottenuto l'indipendenza nel 1971. Il 2 settembre scorso è stato il 37mo anniversario della sua morte e oltre 1.000 cattolici hanno onorato la sua memoria.

Ordinato sacerdote nel 1946, T.A. Ganguly è stato il primo bengalese a diventare vescovo ausiliario di Dhaka nel 1960. Egli ha servito come arcivescovo di Dhaka dal 6 luglio 1965 fino alla sua morte, avvenuta per attacco di cuore il 2 settembre 1977. Dichiarato Servo di Dio nel 2006, mons. T.A. Ganguly è ora in pieno processo di canonizzazione. In tanti sperano che la sua causa venga risolta presto, affinché divenga il primo santo bengalese.

"Quando sento le storie sul vescovo Ganguly - racconta Rinku Biswas, un giovane cattolico - trovo un grande coraggio. Per me è una guida da seguire nella vita. Una volta, quando ero malato, ho pregato e ho chiesto la sua intercessione. Lui mi ha risposto e oggi sono guarito".

Per onorare la sua memoria, per cinque giorni a Hasnabad - sua parrocchia natale - sono state organizzate speciali preghiere. P. Amol Cruze, parroco della chiesa locale, racconta che centinaia di persone si sono recate in visita per pregare dinanzi alla statua di mons. Ganguly.

 

 

BANGLADESH_-_0903_-_Ganguly.JPG