Molti applausi e qualche preoccupazione per la mossa della Fed
Le borse sono tutte positive. Con un dollaro più forte, Australia, Giappone, Corea e Cina sperano di aiutare le loro esportazioni. Pechino ha deprezzato ancora una volta lo yuan.

Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – I mercati asiatici stanno rispondendo bene e in positivo alla notizia che la Federal Reserve Usa ha aumentato i tassi per la prima volta dal giugno 2006, offrendo dollari con una percentuale che va dallo 0,25% allo 0,5%. L'annuncio dato ieri dalla presidente della Fed, Janet Yellen (v.foto), è stato visto come un segno che buon recupero dell'economia americana dopo anni di crisi e di stimoli.

Nella mattinata la borsa di Sydney aveva guadagnato 1,6%; Tokyo il 2,15; Seoul lo 0,25%; Hong Kong si è accresciuta dello 0,83 e Shanghai dell’1,5%.

Tutti questi Paesi – e soprattutto Australia, Giappone, Corea e Cina – sperano che dal rafforzamento del dollaro, la loro moneta si indebolisca, facilitando le loro esportazioni. A Hong Kong si teme invece che la mossa della Fed porterà a maggiori aumenti del prezzo delle proprietà immobiliari.

Stamane la Cina ha intanto deprezzato ancora una volta lo yuan, portandolo a 6,4757 rispetto al dollaro. Pechino ha comunque già annunciato che si staccherà dal cambio più o meno fisso col dollaro Usa (peg) per entrare in un paniere di monete il cui valore viene fissato in accordo col  Fondo monetario internazionale.

Yellen.png