Il presidente ad interim Mirziyaev libera due importanti oppositori politici

Scarcerati personaggi ritenuti “scomodi” dal precedente governo. Il pro-presidente Shavkat Mirziyaev, in carica da due mesi, sembra essere più “moderato” del suo predecessore, Islam Karimov. 


Tashkent (AsiaNews) – Nell’ultimo mese, grazie alla proposta di amnistia di massa del presidente ad interim Mirziyaev, due personalità importanti sono state scarcerate insieme a molti detenuti.

L’ex membro del parlamento Samandar Qoqonov, detenuto dal 1993 per appropriazione indebita, è stato rilasciato all’età di 72 anni. I suoi sostenitori, ritengono che il capo d’imputazione mosso contro Qoqonov avesse motivi politici. Il 24 novembre, le autorità della prigione hanno comunicato alla sua famiglia che la decisione giudiziaria di prolungare di due anni la pena – per violazione delle regole della prigione – è stata annullata.

Anche Bobomurad Razzaqov, noto avvocato uzbeko per i diritti umani, è stato scarcerato prima della data prevista. Il Centro per i diritti umani di Tashkent ha comunicato che il loro ex collega, il 63enne Razzaqov, è stato rilasciato il 25 ottobre. Nel 2013, l’avvocato è stato condannato a quattro anni per traffico di esseri umani, accusa che secondo il Centro, sarebbe stata mossa con ragioni politiche.

Questi due dei casi di rilascio sono avvenuti dopo che il senato ha approvato la proposta di amnistia di massa avanzata dal presidente ad interim Shavkat Mirziyaev. Tale richiesta, approvata il 12 ottobre, prevede il rilascio di donne, minorenni, uomini sopra i 60 anni, disabili e stranieri. Il presidente ad interim, entrato in carica l’8 settembre dopo votazione unanime del senato, sembra adottare una leadership più “moderna” e più “tollerante” di quella del suo predecessore Islam Karimov, morto il 2 settembre scorso. Un ulteriore esempio di “tolleranza” è il lancio dell’“accoglienza virtuale”: una pagina web del governo dove i cittadini posso presentare online proteste e suggerimenti.

Le elezioni presidenziali dovrebbero tenersi il prossimo 4 dicembre.

UZBEKISTAN_-_1125_-_scarcerazione.jpg