Scendono del 62% i profitti annuali della Hong Kong and Shanghai Bank
di Paul Wang

La causa sono “le volatili condizioni finanziarie”, fra cui le elezioni Usa e la Brexit. La parte maggiore del profitto viene dalle operazioni in Asia. Cadono del 41% i profitti della Hang Seng di Hong Kong.


Hong Kong (AsiaNews) – I profitti del 2016 per la Hsbc (Hong Kong and Shanghai Bank) sono crollati del 62% in un anno. Lo ha dichiarato oggi il presidente Douglas Flint, che però ha definito “alquanto soddisfacenti” i risultati date le “volatili condizioni finanziarie”.

Le sue dichiarazioni hanno portato a una caduta delle azioni della Hsbc, che ad Hong Kong sono scese del 3,5%.

Secondo Flint le “condizioni volatili” sono il risultato delle elezioni negli Usa, con i nuovi rischi di incertezza e protezionismo, e l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. A ciò vanno aggiunte “le trasformazioni tecnologiche e le disparità di reddito” presenti nel mondo.

Sebbene il suo ufficio centrale sia a Londra, la Hsbc trae il massimo dei suoi profitti dall’Asia.

Nel 2016, le operazioni in Asia hanno generato profitti per 13,8 miliardi di dollari Usa, mentre le operazioni europee hanno portato a una perdita di 6,77 miliardi di dollari.

Nell’ultimo anno la banca è stata sottoposta ad alcune ristrutturazioni potenziando l’uso del digitale, chiudendo centinaia di sedi in Gran Bretagna, tagliando oltre 8mila posti di lavoro.

Anche la Hang Seng Bank di Hong Kong ha annunciato stamane una caduta del 41% nei profitti per il 2016. Rose Lee Wai-mun, vice-presidente dell’Hsb, ha attribuito le perdite “all’incertezza dell’ambiente globale, alla diminuzione delle leve finanziarie nella Cina e alla forte competizione nel settore bancario”.

HK-HSBC.jpg