Chiesa egiziana “felice”: il papa sarà in Egitto il 28 e il 29 aprile

La notizia ufficiale dalla Sala stampa vaticana. L’invito pressante del presidente Al Sisi, del patriarca copto Tawadros II, del grande imam della moschea di Al Azhar. P. Rafic Greiche: Viene a confortare i cristiani d’oriente e sostenerli nella convivenza coi musulmani. Ma anche ad onorare i martiri cristiani.


Il Cairo (AsiaNews) – “Siamo felici perché papa Francesco viene da noi. Sapevamo della sua intenzione, ma non conoscevamo ancora le date”. È il primo commento a caldo di p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana alla notizia diffusa dalla Sala Stampa della Santa Sede che papa Francesco si recherà al Cairo dal 28 al 29 aprile.

La comunicazione del direttore della Sala stampa, Greg Burke, afferma che il pontefice ha accolto “l’invito del Presidente della Repubblica, dei Vescovi della Chiesa Cattolica, di Sua Santità Papa Tawadros II e del Grande Imam della Moschea di Al Azhar, Cheikh Ahmed Mohamed el-Tayyib”.

“In effetti - commenta p. Greiche – in Egitto lo attendono tutti. E il presidente Al Sisi, sia il patriarca copto Tawadros II, il grande imam della moschea di Al Azhar, oltre a tutta la gerarchia cattolica hanno chiesto con insistenza che ci fosse questa visita”.

La visita sarà una specie di banco di prova sul livello di sicurezza e pacificazione della situazione del Paese, scosso nelle scorse settimane da attentati e violenze.

“Il papa viene a confortare la comunità più numerosa dei cristiani d’oriente” ha detto p. Greiche, “e a sostenerci nella nostra convivenza con i musulmani”.  La sua venuta, ha aggiunto “sarà anche un modo per onorare i martiri cristiani, uccisi a causa della fede”.

Lo scorso 11 dicembre, 25 fedeli copti sono stati uccisi nella chiesa di san Pietro, adiacente alla cattedrale di san Marco. Nelle scorse settimane, diversi cristiani sono stati uccisi nel Nord Sinai. Tutti gli attentati sono stati rivendicati dallo Stato islamico.

Pope-Sisi.jpg Pope-Sisi.jpg