Detenuti cristiani spinti a convertirsi all’islam. Chiesa pakistana: Vergogna per la giustizia
di Kamran Chaudhry

I procuratori promettono in cambio la liberazione. La protesta della comunità cristiana. Conversioni forzate per le ragazze, costrette a sposare musulmani. Case bruciate e percosse per i giovani cristiani che sposano musulmane. Anche ad Asia Bibi è stato offerto di convertirsi all’islam.


Lahore (AsiaNews) – Leader religiosi e attivisti cristiani chiedono provvedimenti contro un procuratore che ha confessato di aver spinto prigionieri cristiani di abbandonare la loro fede per abbracciare l’islam.

A scatenare la reazione è la notizia pubblicata dai media pakistani, in cui si riporta che il pubblico ministero Syed Anees Shah ha condotto 42 prigionieri cristiani davanti una corte anti-terrorismo in Lahore, nella provincia del Punjab, affermando di poter “garantire il loro rilascio” se si fossero convertiti all’islam. Shah, contattato da un quotidiano inglese, ha prima respinto ogni accusa per poi confessare di aver offerto loro una scelta.

I cristiani, tutti provenienti dal quartiere Youhanabad di Lahore, sono stati arrestati per aver linciato due musulmani sospettati di terrorismo qualche minuto dopo l’attacco di due attentatori talebani contro due chiese, il 15 marzo del 2015.

“Non va bene cercare di deviare le persone dal loro cammino. Questo darà una brutta immagine alla Corte e a tutta la comunità giuridica. Il pubblico ministero può essere denunciato per quest’atto discriminatorio. Abbiamo intenzione di incontrarlo presto. Il governo dovrebbe respingere questa percezione. La paura della morte può spingere chiunque a cambiare religione,” ha affermato ad AsiaNews il pastore Arshad Ashknaz della Chiesa di Cristo, una delle chiese attaccate nello Youhanabad.

Le conversioni forzate sono un tema molto caldo nel Paese. Organizzazioni per i diritti umani pakistane affermano che ogni anno circa mille donne cristiane e indù sono costrette a convertirsi e a sposare uomini musulmani. Secondo l’ultimo “Rapporto sulle minoranze religiose in Pakistan” della Commissione nazionale giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, cinque cristiani si sono convertiti all’islam nel 2014. Fra questi, tre adolescenti cristiane che erano state rapite e costrette al matrimonio.

L’anno scorso, il Sindh è diventato la prima provincia pakistana ad approvare una legge contro le conversioni religiose forzate. Tuttavia, il governo provinciale è dovuto tornare indietro da questa decisione di proteggere le minoranze dopo l’opposizione di alcuni dottori coranici.

 “Non c’è libertà religiosa. L’intero sistema sostiene il fatto che le ragazze cristiane sposino musulmani, ma per i ragazzi cristiani che sposano una musulmana è un tormento. Le loro famiglie soffrono e le loro case vengono bruciate,” afferma pastore Ashknaz.

Secondo l’avvocato cristiano Nadeem Anthony, la stessa proposta di conversione all’islam è stata fatta ad Asia Bibi, la madre cristiana che da sette anni è nel braccio della morte perché accusata di blasfemia contro il profeta Maometto.

Ricordando il loro incontro nella prigione distrettuale di Sheikhupura nel 2010, Anthony cita le sue parole: “La mia fede è viva e non mi convertirò mai”.

Secondo l’avvocato, attivista per i diritti umani, questa spinta alla conversione all’islam “è una pratica comune: anche i miei amici musulmani mi chiedono di fare lo stesso. Queste imposizioni sono ovvie quando c’è persecuzione religiosa”. 

PAKISTAN_-_0330_-_Conversioni_forzate.jpg