Elezioni municipali in Iran, la strada della politica per le donne

Sono il 6,2% le candidate femminili alle municipali, per lo più donne comuni. A Teheran, dove il 21% delle candidature sono donne, si gioca una partita importante fra conservatori e riformisti, che puntano a deporre l’attuale sindaco conservatore.


Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Oggi in Iran si tengono le elezioni presidenziali. Al contempo, gli elettori sono anche chiamati ad eleggere le amministrazioni municipali. Se nelle prime non ci sono candidature femminili, nelle municipali il 6,2% dei candidati sono donne, per lo più di origini comuni: per loro, è la possibilità di intervenire nei municipi, di organizzare e partecipare ai progetti municipali e orientarli verso un miglioramento della vita quotidiana degli iraniani.

La partecipazione femminile alle elezioni presidenziali è osteggiata dal Consiglio dei guardiani della Costituzione, che ne convalida le candidature. Per le elezioni municipali il Consiglio di monitoraggio, composto da cinque deputati di cui tre moderati e riformatori, è meno rigoroso.

La partecipazione femminile è eterogenea in funzione dei territori, e varia di città e regione. A Teheran è ben al di sopra della media nazionale, con 21% delle candidature femminili. In una zona rurale si sono registrati casi esemplari: nella città di Afzalabad, nel sud-est della provincia povera e conservatrice di Sistan-Balouchistan, le 10 candidature per i quattro seggi del consiglio locale sono tutte femminili. Sempre nella stessa regione, nel novembre del 2013 il villaggio di Kalat ha eletto la mia prima donna sindaco, mentre nella città di Ghasrghand veniva eletta la prima governatrice. Tuttavia, le donne alla testa dei municipi restano un’eccezione e in ogni caso solo l’1% dei sindaci in Iran sono donne.

Le elezioni locali a Teheran assumono un ulteriore significato nella contesa fra riformisti e conservatori: i nuovi membri del consiglio potrebbero rimuovere l'attuale sindaco conservatore di Teheran, Mohammad Bagherb Ghalibaf, candidato alla presidenza prima di ritirarsi, e sostituirlo con un riformista. Nel febbraio dello scorso anno, l’ex-presidente riformista Mohammad Khatami (1997-2005) aveva sostenuto nelle elezioni legislative la lista dell’attuale presidente Hassan Rohani, che aveva ottenuto 30 seggi. Qualora i riformisti ottengano altrettanto sostegno per queste municipali, essi potrebbero essere in grado di sollevare Ghalibaf dalla guida del municipio per la prima volta dopo 12 anni di amministrazione, negli ultimi mesi contestata per “corruzione” e “cattiva gestione”. I candidati indipendenti si sono ritirati dalla corsa proprio perché “non si disperdano i voti”. 

IRAN_-_0519_-_Elezioni_municipali.jpg