Il ‘Salvator Mundi’ di Leonardo sarà esposto al Louvre di Abu Dhabi

É stata acquistata di recente all’asta al prezzo record di 450 milioni di dollari. Stracciato il precedente primato di 179 milioni per un quadro di Picasso. Ad acquistare il dipinto sarebbe un ricco principe saudita. È la sola opera del pittore italiano di proprietà di un collezionista privato.

 


Abu Dhabi (AsiaNews/Agenzie) - Il celebre dipinto del pittore rinascimentale italiano Leonardo da Vinci, venduto all’asta nel novembre scorso per la cifra record di oltre 450 milioni di dollari, verrà esposto nel nuovissimo museo Louvre di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti. La preziosa opera “Salvator Mundi” (nella foto), che ritrae l’effige del Cristo, si potrà dunque ammirare a breve in una delle monarchie del Golfo, area a larghissima maggioranza musulmana dove però, a differenza dell’Arabia Saudita, è consentita la libertà del culto.

Un’opera che vanta oltre 500 anni di storia e che andrà a impreziosire una struttura inaugurata da poco, sulla falsariga della celebre struttura parigina. A darne conferma sono gli stessi vertici del museo degli Emirati, i quali non chiariscono però a chi attribuire l’acquisto all’asta del dipinto, battuto nei giorni scorsi da Christie’s.

Secondo il New York Times il nuovo proprietario - sull’identità del quale la stessa casa d’aste ha mantenuto uno stretto riserbo - sarebbe un principe saudita, il multimiliardario Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud. Si tratta del prezzo più alto mai pagato nella storia da un privato per un’opera d’arte, al termine di una contrattazione al rialzo - via telefono - durata oltre 20 minuti prima di raggiungere la cifra finale. In precedenza, il record apparteneva a un quadro di Pablo Picasso, “Donne di Algeri” (versione 0), venduto nel 2015 per una cifra complessiva comprensiva dei diritti d’asta di 179,4 milioni di dollari.

Di Leonardo da Vinci, nato nel 1452 e morto nel 1519 in un paesino della Loira, (Francia), si conoscono non più di 20 dipinti realizzati nel corso della sua intensa vita di artista, scienziato e ingegnere. Il “Salvator Mundi” dovrebbe risalire agli inizi del 1500 ed è la sola opera dell’artista che non è stata conservata in strutture pubbliche o musei.

I dirigenti del Louvre arabo esprimono soddisfazione per la presenza di un’opera che impreziosisce l’intera esposizione e l’intera struttura, realizzata in 10 anni ha un costo complessivo di un miliardo di dollari. Nel corso della cerimonia di inaugurazione l’8 novembre scorso, alla presenza del presidente francese Emmanuel Macron, lo sceicco Mohammed ben Zayed Al-Nahyane ha parlato di un “monumento culturale” di portata “mondiale”.

All’interno sono esposte 600 opere permanenti e altre 300 messe a disposizione dalla Francia. Il museo del Golfo paga inoltre centinaia di milioni di dollari per questo “affitto” e per l’uso del nome Louvre, oltre che per la consulenza di esperti della struttura madre.

 

EAU_-_salvator_mundi.jpg