Seoul: i dialoghi fra le Coree e con gli Usa, ‘pilastri’ per denuclearizzare la Penisola

Ministro sudcoreano degli Esteri: necessario creare un circolo virtuoso. La Casa Bianca accusa Pyongyang di aver cancellato un incontro fra le delegazioni in Corea del Sud. Pence avrebbe usato l’occasione per ribadire “faccia a faccia” la posizione inflessibile degli Usa.


Seoul (AsiaNews/Agenzie) – I dialoghi fra le due Coree, e fra Corea del Nord e Stati Uniti, sono i “principali pilastri” per qualsiasi discussione finalizzata a denuclearizzare la penisola coreana. Lo ha dichiarato oggi in parlamento Kang Kyung-wha, ministro sudcoreano degli Esteri.

I rapporti fra le due Coree sono migliorati dall’inizio di quest’anno, quando il leader nordcoreano Kim Jong-un ha raccolto il ramo d’ulivo offerto da Seoul, accettando di inviare gli atleti del Nord alle Olimpiadi invernali di PyeongChang.

“Cercheremo il consenso della comunità internazionale sulla necessità di creare un circolo virtuoso, in cui le relazioni intercoreane si possano tradurre nel raggiungimento di una soluzione al problema nucleare del Nord”, ha detto Kang ai legislatori. Il capo della diplomazia sudcoreana ha ribadito l’intenzione di Seoul a “persuadere” Pyongyang a dialogare con gli Usa e a ristabilire i rapporti bilaterali.

Anche se negli ultimi tempi vi sono segnali di apertura di Washington verso possibili trattative con Pyongyang, vi è molta incertezza sul “se” e il “quando” questi potrebbero tenersi. Gli Usa accusano la Corea del Nord di aver cancellato “all’ultimo minuto” un incontro fra le delegazioni presenti in Corea del Sud per l’apertura delle Olimpiadi di PyeongChang. Secondo funzionari americani, l’incontro non sarebbe stato un’occasione per ammorbidire i toni fra i due Paesi, ma un “faccia a faccia” per ribadire l’inflessibile posizione americana. Durante la sua visita in Corea del Sud, Pence si è autoeletto “guerriero” contro la propaganda nordcoreana alle Olimpiadi e ha annunciato che gli Usa avrebbero imposto sanzioni “più dure e aggressive”.

Da parte sua, seppur decisa a continuare il proprio programma nucleare, la Corea del Nord ha invitato il presidente sudcoreano Moon Jae-in a recarsi in visita a Pyongyang per un summit di alto livello. Offerta che la Casa Blu di Seoul sta valutando, benché essa sia determinata a non ridurre le sanzioni sul Nord, come ribadito oggi dal ministro Kang. 

COREA-USA_-_0221_-_Dialoghi_2.jpg