Il ‘bambino di ghiaccio’ deve lasciare la nuova scuola dopo una settimana

Era divenuto famoso per i suoi capelli e sopracciglia ghiacciate e le mani gonfie. Il preside dell’istituto privato gli ha offerto l’iscrizione gratuita, ma fa un passo indietro: troppa pressione mediatica e da parte delle autorità.


Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il “bambino di ghiaccio” deve lasciare la nuova scuola privata, dopo una sola settimana dall’inizio le lezioni.

Wang Fuman, otto anni, è divenuto famoso quando la sua foto con i capelli e le sopracciglia ghiacciati (vedi foto n.2) e con le mani gonfie per il freddo aveva fatto il giro dei social network. Quel giorno, il piccolo aveva percorso a piedi 4,5 km da casa sua fino a scuola, con una temperatura di -9° C.

Il bambino aveva iniziato a frequentare la scuola privata Xinhua a Zhaotong, nella provincia sud-occidentale dello Yunnan. Il preside aveva offerto a Fuman la possibilità di frequentare gratuitamente l’istituto privato. Due giorni fa, Wang Gangku, padre del bambino, ha ricevuto una telefonata in cui gli veniva chiesto di venire a prendere il figlio per riportarlo alla scuola statale originaria. “Sono analfabeta e non capisco come mai questa scuola ci abbia cacciato”, ha commentato Gangkui al Post. Lo stesso bambino è disorientato, e racconta che si trovava bene nella nuova scuola, dove aveva trovato migliori insegnanti, poteva vivere lì senza bisogno di percorrere tutti i giorni il lungo tragitto verso scuola e mangiava meglio.

Il preside – citato dal Post con il solo cognome, Yang – ha argomentato il motivo del passo indietro, affermando che il peso dell'attenzione delle autorità e le pressioni dei media erano divenuti insostenibili per l’istituto. Yang sostiene di voler ancora aiutare il bambino ma di volerlo fare mantenendo un basso profilo, e di aver dato al padre di Wang 15mila yuan, circa 1.900 euro.

Il genitore afferma di non star ancora lavorando, nonostante abbia accettato un impiego, che dovrebbe essere meglio pagato, da un’impresa statale d’ingegneria edile a Zhaotong. Il lavoro gli era stato offerto in risposta all’attenzione che aveva attirato la situazione del figlio. Per accettarlo, Wang ha rinunciato al suo precedente impiego. Tuttavia, la compagnia gli ha di recente detto che al momento non c’è lavoro per lui.

CINA_-_0308_-_Bambino_di_ghiaccio_2.jpg CINA_-_0308_-_Bambino_di_ghiaccio_2.jpg