Delhi: governo smentisce di stampare banconote in Cina. Proteste sui social

Un  parlamentare: “Se è vero, ha delle serie implicazioni sulla sicurezza nazionale”. Molte persone chiedono chiarimenti al governo, preoccupate che la sovranità finanziaria venga condivisa con la Cina, con la quale di recente ci sono state forti tensioni sull’altopiano di Doklam.


Delhi (AsiaNews/Agenzie) – C’è preoccupazione e ira nei commenti sui social dopo che le agenzie hanno divulgato ieri la notizia che l’India, insieme ad altri Paesi, stampa le proprie banconote in Cina. Il governo di Delhi smentisce la notizia dicendo che è “senza fondamento”. "Le banconote ufficiali indiane vengono stampate solo dal governo indiano, dal Dipartimento degli affari economici della Banca centrale indiana (Rbi)” dichiara alle agenzie un impiegato del Dipartimento degli affari economici.

La notizia si è sparsa sui social media e l'hashtag #ChinaPrintingRupee è diventato tendenza mondiale. Molti utenti chiedono spiegazioni e lamentano il fatto che la sovranità finanziaria del Paese venga condivisa con la Cina dopo le recenti tensioni sull’altopiano di Doklam, in Bhutan, dove si è rischiato lo scontro tra i due eserciti.

Il parlamentare Shashi Tharoor su Twitter ha chiesto chiarimenti al governo indiano: “Se è vero, ha delle serie implicazioni sulla sicurezza nazionale”. Anche il portavoce del governo dello Stato di Delhi ha affermato che la mossa metterebbe in pericolo la "sovranità finanziaria" dell'India.

rupie_indiane.jpeg