West Java, fango e detriti travolgono villaggio: 32 morti
di Mathias Hariyadi

Dopo giorni di piogge torrenziali, la sera del 31 dicembre fango e detriti hanno sommerso il villaggio di Cimapag. Le squadre di soccorso hanno salvato la vita a 64 persone. Negli ultimi 10 anni vi sono stati almeno 132 smottamenti nella reggenza di Sukabumi.


Jakarta (AsiaNews) – È di almeno 32 morti il bilancio della frana che la sera di Capodanno si è abbattuta sul villaggio di Cimapag, nella provincia di West Java. Lo afferma l’Agenzia nazionale per la mitigazione dei disastri (Bnpb), ad una settimana dall’inizio delle operazioni di soccorso.

Dopo giorni di piogge torrenziali, fango e detriti hanno sommerso il villaggio di montagna. Sutopo Purwo Nugroho, portavoce della Bnpb, conferma in una dichiarazione di ieri che tutte le vittime sono state identificate. Il funzionario aggiunge che negli ultimi 10 anni vi sono stati almeno 132 smottamenti nella reggenza di Sukabumi, dov’è situato Cimapag. “Al momento – afferma – circa 100 persone sono state colpite dalla frana e le squadre di soccorso hanno salvato la vita ad altri 64 abitanti”.

Il quartier generale della polizia di West Java ha inviato sul luogo una squadra speciale composta da agenti donne, per offrire sostegno psicologico ai sopravvissuti.

Prima del disastro naturale della scorsa settimana, il villaggio di Cimapag era conosciuto come una destinazione turistica popolare, dove i visitatori potevano entrare in contatto con le tradizioni tribali dei nativi. Il villaggio vanta attrazioni culturali e cerimonie rituali che richiamano turisti indonesiani e stranieri.

INDONESIA_-_0106_-_Frana_-_Rescu_operation_in_the_village_affected_by_landslide_in_Sukabumi_--photo_credit_of_West_Java_Police.jpg INDONESIA_-_0106_-_Frana_-_Rescu_operation_in_the_village_affected_by_landslide_in_Sukabumi_--photo_credit_of_West_Java_Police.jpg INDONESIA_-_0106_-_Frana_-_Rescu_operation_in_the_village_affected_by_landslide_in_Sukabumi_--photo_credit_of_West_Java_Police.jpg