Negoziatore della Corea del Nord atteso in Usa: sul tavolo il secondo vertice Kim-Trump

Kim Yong-chol ha già visitato gli Usa lo scorso anno. Due settimane dopo, il 12 giugno, ha avuto luogo o storico summit di Singapore tra i due leader. Per Seoul, dagli incontri dipende il futuro dei programmi inter-coreani.


Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Kim Yong-chol, negoziatore nordcoreano, arriverà domani a Washington per lavorare con il segretario di Stato Usa ai dettagli del secondo vertice tra il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, ed il presidente americano, Donald J. Trump. È quanto rivelano fonti diplomatiche della Corea del Sud. Da Washington e Pyongyang non giungono conferme ufficiali ma media sudcoreani e statunitensi avvalorano le voci circolate ieri sulla due giorni di incontri.

Vicepresidente del Comitato centrale del Partito nordcoreano dei Lavoratori, Kim Yong-chol ha già visitato gli Usa lo scorso anno. Due settimane dopo, il 12 giugno, ha avuto luogo o storico summit di Singapore tra Kim e Trump. Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, avrebbe dovuto incontrare l’inviato nordcoreano a novembre scorso, ma l’incontro è stato cancellato in modo brusco.

Kang Kyung-wha, ministro sudcoreano degli Esteri, afferma che vi sono stati contatti tra Pyongyang e Washington, ma ha giudicato “inopportuno” esprimere commenti al riguardo. Il ministro dichiara che dal prossimo vertice Kim-Trump dipenderà il futuro di due importanti progetti inter-coreani: il parco industriale di Kaesong ed il complesso turistico del monte Kumgang.

Collegate con una vasta rete di sanzioni contro Pyongyang, le iniziative richiedono “vari aspetti di revisione”. Il futuro dei programmi transfrontalieri, sospesi a causa di precedenti tensioni, ha attirato di nuovo l'attenzione dell'opinione pubblica in seguito al discorso di Capodanno del leader nordcoreano. Kim ha dichiarato che il suo regime è disposto a riavviare i progetti senza precondizioni. Il ministro Kang ha chiarito che la Corea del Sud spera in un accordo “globale” sulla denuclearizzazione e su una sua attuazione “graduale”.

COREA-USA_-_0116_-_Dialoghi.jpg