Muore il primo germoglio sbocciato sulla faccia nascosta della luna

Per mancanza di batterie, la sonda ha staccato l’elettricità che controllava la temperatura. I semi germogliati sono stati esposti a temperature fra 120 °C di giorno e i -170° C di notte. Stabilire una base spaziale nel futuro.


Pechino (AsiaNews) – Il primo germoglio sbocciato sulla faccia nascosta della luna è morto, a causa di un black-out reso necessario dalla mancanza di batterie nella sonda Chang’e 4.

Il team che segue la Chang’e 4 ha dichiarato che sono stati costretti a interrompere la corrente di energia che teneva in vita il germoglio. In tal modo esso è stato esposto alle temperature di 120 gradi centigradi di giorno e meno 170 gradi di notte. Insieme al germoglio di cotone, sono andati distrutti anche germogli di patate, di rape e uova di mosche da frutta.Per gli scienziati è chiaro che senza il controllo delle temperature, piante ed animali non possono sopravvivere sulla luna.

Non è evidente il motivo per cui la sonda non fosse provvista di batterie addizionali. L’ipotesi è che non si voleva appesantire troppo la sonda. Nonostante l’apparente fallimento dell’esperimento, gli scienziati hanno detto di aver ricavato importanti informazioni su come far crescere piante in una situazione di bassa gravità e con alte radiazioni. La possibilità di far crescere piante in quelle condizioni permetterà in futuro di stabilire una base spaziale.

Cina-_Cotton_sprout.jpg