Niente barba o baffi per i campioni di sumo

Durante i campionati, i lottatori usano crescere la barba per superstizione. Proibiti anche unghie lunghe e tatuaggi.


Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Alcune nuove regole introdotte dall’Associazione giapponese del sumo obbligano i giocatori a non avere barba e baffi durante le competizioni. Durante i campionati, diversi giocatori tendono a farsi crescere la barba o i baffi perché credono che ciò porti loro fortuna. Ma l’Associazione ha deciso di cancellare questa superstizione, esigendo dai giocatori “una cura per la loro igiene personale” e un rispetto per “il ring del sumo, che è sacro”.

Insieme a barba e baffi, ai lottatori è stato proibito di avere unghie lunghe e tatuaggi.

Lo sport del sumo data da 2mila anni. Negli ultimi tempi la sua immagine è stata appannata da alcuni scandali legati a partite combinate, o all’uso di droga, o a bullismo fuori del ring.

GIAPPONE-SUMO.jpg