Pechino, entra in scena la ‘settima generazione’ di leader
di Willy Wo-Lap Lam

Ne fanno parte i quadri nati negli anni ’70. Ad uno di loro spetterà raccogliere l’eredità di Xi Jinping. Il leader può rimanere segretario del Partito fino al 2032 e presidente fino al 2033. Dieci funzionari sembrano avere un vantaggio nella corsa alle posizioni di vertice nel Partito. Per i quadri del futuro, la “morale politica” è il primo requisito posto da Xi.


Pechino (AsiaNews) – A chi passerà il testimone Xi Jinping, quando deciderà di lasciare il potere? Nel marzo del 2018, il “cuore della leadership” cinese ha modificato la Costituzione in modo da abrogare il limite al numero di mandati presidenziali. La maggior parte dei quadri della “sesta generazione” del Partito inizieranno ad andare in pensione entro la metà del 2020. Molto del futuro della Cina risiede dunque nelle mani dei funzionari nati negli anni ’70 e appartenenti alla “settima generazione” (7G). È la tesi sostenuta dal prof. Willy Wo-Lap Lam, docente della Chinese University di Hong Kong ed autore di diversi saggi sulla Cina. Proponiamo di seguito la sua analisi più recente, in cui l’accademico presenta alcuni tra gli astri nascenti e possibili eredi di Xi alla guida del Partito. Per gentile concessione della Jamestown Foundation. (Traduzione a cura di AsiaNews).

Introduzione – La settima generazione andrà al potere?

Molto del futuro della Cina risiede nelle mani dei quadri nati negli anni ’70 – funzionari appartenenti alla “settima generazione” (7G) del Partito comunista cinese (Pcc). Nell’ultimo trimestre del 2018, una decina di questi funzionari sulla quarantina sono stati promossi a posizioni regionali di rilievo come vice-governatori, vice-ministri o loro equivalenti. La decisione del presidente Xi Jinping di modificare la Costituzione nel marzo 2018, in modo da abrogare il limite ai mandati della presidenza della Repubblica popolare cinese (Rpc), ha fatto emergere la possibilità che, salute permettendo, egli possa rimanere segretario generale del Partito fino al 2032 e presidente fino al 2033, quando avrà 80 anni (Asia.Nikkei.com, 15 marzo; Hong Kong Free Press, 25 febbraio 2018). Ciò a sua volta rafforza l’ipotesi che Xi, come il cosiddetto “nucleo eterno” della leadership del Pcc, alla fine possa passare il testimone ad un membro della settima generazione.

Secondo le pratiche di successione stabilite negli anni ’80 dal “Grande architetto della riforma” Deng Xiaoping, nel 2002 l’ex presidente Jiang Zemin (nato nel 1926) – il “nucleo della terza generazione” – ha ceduto il potere al leader della quarta generazione Hu Jintao (1942) al 16mo Congresso del Partito. Dopo due mandati di cinque anni, l’ex presidente Hu ha consegnato le redini del potere al rappresentante della quinta generazione (5G) Xi Jinping in occasione del 18mo Congresso, nel 2012. Se Xi seguisse le recenti convenzioni del Pcc, egli – e insieme a lui la maggioranza dei membri dell’attuale Comitato permanente del Politburo [Pbsc], tutti degli anni ’50 – verrebbe sostituito dal gruppo della sesta generazione (6G), nato negli anni ’60. Tuttavia, se Xi dovesse rimanere capo del partito fino al 22mo Congresso del Partito nel 2032, un astro nascente nato nel 1960 avrebbe 72 anni – quattro anni in più dell’età pensionabile per il Pbsc[1]. Pertanto quelli della 6G che si agitano già nell’attuale Politburo di 25 membri – per esempio il vice premier Hu Chunhua (胡春华, nato nel 1963) e il capo del Partito di Chongqing Chen Mi’er (陈 敏尔, 1960) – sembrano esser tagliati fuori dalla corsa per il successore di Xi.

Dal momento che il 22mo Congresso del Partito è ancora a 13 anni di distanza – e al momento i funzionari della 7G occupano solo posti di viceministro – è troppo presto per fare congetture su chi avrà le qualità politiche e il potere d’imporsi come prossimo segretario generale del Pcc. Tuttavia, dato che i funzionari di livello ministeriale vanno di norma in pensione all’età di 65 anni, la maggior parte dei quadri 6G inizieranno a ritirarsi entro la metà del 2020. In una conferenza nazionale sull’organizzazione del Partito tenutasi nel luglio 2018, il presidente Xi ha sottolineato che “in base a requisiti di breve periodo e a necessità strategiche di lungo periodo, [i leader] in tutte le regioni e dipartimenti dovrebbero coltivare una quantità specifica di giovani funzionari di livello superiore” (China News Service, 10 luglio 2018; China Youth Daily, 10 luglio 2018). Le istruzioni del leader supremo sono state emanate dopo una riunione del Politburo tenutasi la settimana precedente, che era dedicata a “scoprire, far crescere ed elevare giovani funzionari di grandi qualità” per la nuova era del socialismo con caratteristiche cinesi. Il Politburo ha osservato che il ringiovanimento della leadership del Partito è “un importante compito strategico, per assicurare che vi siano dei successori che lavorino all’impresa del Partito, così come [all’obiettivo di un] lungo governo ed alla perpetua stabilità della nazione” (New Beijing Post, 30 giugno 2018; Xinhua, 29 giugno 2018).

Chi sono le giovani promesse della settima generazione del Pcc?

Dieci funzionari nati nei primi anni '70 (vedi tabella), la maggior parte dei quali promossi dalla metà del 2018, sembrano avere un vantaggio nella corsa ad una posizione che sia segno distintivo negli astuti corridoi della concorrenza burocratica del Pcc. Con trascorsi che includono industria, ingegneria e finanza, questi funzionari tecnocrati emergenti prestano servizio soprattutto come amministratori regionali. Tre di questi dieci individui hanno raggiunto il grado di changwei (常委), o membro del Comitato permanente del Pcc (Msc) nelle province e città direttamente amministrate. Costoro sono: Liu Jie (刘捷, nato nel 1970), Msc e segretario generale del Comitato provinciale del Partito nel Guizhou; Zhuge Yujie (诸 葛宇杰, nato nel 1971), changwei e segretario generale del Comitato di Shanghai; infine Shi Guanghui (时 光辉, nato 1970), Msc del Guizhou incaricato di questioni politico-legali, incluso il portafoglio di politiche chiave per il “mantenimento della stabilità” (weiwen, 维稳). La Rpc ha seguito a lungo la pratica dei comitati di Partito – e in particolare i loro changwei – che implementano politiche poi attuate dall'apparato governativo dello stesso livello. Quindi, un changwei del Comitato del partito al governo di una regione supera in grado il vice-governatore o vice-sindaco della stessa provincia o città, il quale potrebbe non esser ancora riuscito ad entrare nel Comitato permanente (Apple Daily [Hong Kong], 25 marzo; South China Morning Post, 5 gennaio; Jiangsu.sina.com, 2 gennaio; China Economics Net, 10 dicembre 2018).

Nel novembre 2016, Liu Jie ha stabilito un record per la leadership 7G diventando un Msc della provincia di Jiangxi all'età di 46 anni. Liu ha guadagnato i suoi primi gradi nell'industria dell'acciaio nella provincia dell’Hunan: appena 30enne, nel 2000 è diventato direttore dell’impianto di fusione Xiang Gang Second. Nel 2011 è stato trasferito nella vicina provincia di Jiangxi, per servire come sindaco di Xinyu. Liu ha avuto la sua grande occasione cinque anni dopo, quando è diventato un Msc del Comitato provinciale dello Jiangxi, nonché il suo segretario generale. A metà del 2018, è stato assegnato alla provincia di Guizhou per ricoprire gli stessi ruoli (The Paper [Shanghai]; Sohu.com, 17 maggio 2018). Sia Zhuge che Shi hanno iniziato la loro carriera come ingegneri in unità statali a Shanghai, prima di diventare amministratori di distretti municipali. Questi ultimi sono in linea di massima l'equivalente di contee o prefetture nelle province. Dopo un periodo nel settore dell'ingegneria marittima di Shanghai, Zhuge è cresciuto tra le fila del Comitato di Partito del distretto di Yangpu. È diventato direttore dell'Ufficio generale del Comitato del Partito di Shanghai quando aveva 45 anni e l'anno scorso ha ottenuto la promozione a segretario generale (Lianhe Zaobao [Singapore], 21 novembre 2018; Baidu News, 20 novembre 2018). Dopo aver conseguito una laurea presso la prestigiosa università Tongji di Shanghai, Shi ha lavorato per 15 anni come ingegnere e dirigente in diverse unità dell'autorità municipale per i lavori pubblici. È passato all'amministrazione una volta diventato vicecapo del distretto Jing'An. Shi è diventato segretario del Comitato di partito del distretto di Fengxian nel 2011, e poi uno dei vari vicesindaci di Shanghai nel 2013. Alla fine del 2018, è stato nominato Msc della provincia di Guizhou (Phoenix TV; Caixin.com, 24 aprile 2017).

Il prossimo livello di quadri 7G è composto da cinque vice-governatori delle principali province. Guo Ningning (郭宁宁, nata nel 1970) è una delle poche quarantenni che hanno raggiunto il grado di vice-ministro o equivalente. Nata nella provincia di Liaoning e laureata presso l'Università di Qinghua, ha trascorso gran parte della sua carriera nel settore bancario, diventando vicepresidente dell’Agriculture Bank of China all'età di 46 anni; è diventata vicegovernatore del Fujian alla fine del 2018. Il fatto che sia a capo di una provincia in cui il presidente Xi ha trascorso 17 anni come amministratore regionale può collocarla in una buona posizione quanto a prospettive di avanzamento (New Beijing Post, 23 novembre 2018). Yang Jinbo (杨晋柏, nato nel 1973), il più giovane tra i funzionari 7G in questa ricerca, ha dimostrato le sue capacità tecniche e amministrative nel settore energetico. Il nativo di Shaanxi è diventato vicedirettore generale della China Nanfang Electricity Grid Corp all'età di 41 anni. L'anno scorso è stato trasferito nella regione autonoma di Guangxi Zhuang e scelto come uno dei vice-presidenti (equivalente di vicegovernatore). L'esperienza di lavoro con le minoranze è spesso considerata un grande vantaggio, quando i quadri vengono formati per i massimi vertici (Caixin.com, 29 novembre 2018).

Gli altri tre vicegovernatori 7G sono Li Yunze (李云泽, nato nel 1970), Liu Qiang (刘强, del 1971) e Fei Gaoyun (费 高 云, del 1971). Essi servono rispettivamente delle province di Sichuan, Shandong e Jiangsu. Mago della finanza, Liu ha lavorato nella People’s Bank of China, nella China Construction Bank e nell’Industrial and Commercial Bank of China (Icbc). Ha raggiunto il grado di vicepresidente di Icbc – la più grande banca del mondo – nel 2016, prima di essere trasferito l'anno scorso nel Sichuan come uno degli otto vicegovernatori (People’s Daily, 30 settembre 2018). Allo stesso modo di Guo del Fujian, Liu si è distinto come manager innovativo nell’Agricultural Bank of China; ha servito un breve periodo come vicepresidente della Bank of China, prima di essere trasferito nello Shandong, nel settembre 2018 (Caixin.com, 14 settembre 2018). Originario del Jiangsu, Fei ha trascorso quasi tutta la sua carriera in posti amministrativi di base e regionali nella sua provincia. È cresciuto fino a diventare segretario del Partito nella grande città di Changzhou nel 2017, prima di essere nominato vicegovernatore di una delle province più ricche della Cina (Caixin.com, 31 gennaio 2018).

Vi sono pochissimi rappresentanti della 7G nel Consiglio di Stato o altrove nel governo centrale. Questo forse riflette l'insistenza del presidente Xi sul predominio del Partito sullo Stato – e che politiche importanti siano fatte dai quadri del Pcc sia a livello centrale che locale. Finora sono stati identificati due funzionari governativi 7G. Entrambi lavorano in una delle più importanti agenzie di supervisione del Consiglio di Stato, la Commissione di regolamentazione bancaria e assicurativa cinese (Cbirc). Zhou Liang (周 亮, nato nel 1971) è uno dei sei vicepresidenti della Commissione. Li Xinran (李 欣然, nato nel 1972) è a capo del Dipartimento per l'ispezione disciplinare del Cbirc. Sia Zhou che Li hanno servito nella Commissione centrale per l'ispezione disciplinare (Ccdi) del Partito, che è l'agenzia anti-corruzione di più alto livello in Cina (Huaxia Times, 19 novembre 2018; Securities Times, 21 marzo 2018).

Altre potenziali figure emergenti della settima generazione

Oltre a questi membri della leadership 7G che sono seguiti con slancio per l’avanzamento nella gerarchia dello Stato-Partito, vi sono anche altre figure che vale la pena osservare e che al momento lavorano in settori meno sensibili dal punto di vista politico, come le organizzazioni di massa e del fronte unito. Un buon esempio è Wang Hongyan (汪鸿雁, nata nel 1970), segretario esecutivo del Comitato centrale della Lega della gioventù comunista (Lgc). Wang si era distinta nelle amministrazioni locali della provincia di Hubei, prima di essere inserita nei più alti livelli della Lgc nel 2008. Il fatto che il presidente Xi abbia parlato della Lega in termini dispregiativi, tuttavia suggerisce che Wang potrebbe dare il suo principale contributo in posizioni legate ai giovani (China-onway.com, 20 febbraio). L'avvocato di formazione americana Li Bo (李波, nato nel 1972) è stato protagonista di un’ascesa vertiginosa nel Dipartimento per gli Affari legali e nel Dipartimento di Politica monetaria della People’s Bank of China, dopo essere tornato in patria nel 2004. L'anno scorso è stato nominato vicepresidente della Federazione dei cinesi d'oltremare di ritorno, la cui missione include promuovere l'immagine della Cina tra le comunità cinesi all'estero (Finance.caixin.com, 14 settembre 2018).

Il requisito di Xi Jinping per la “Morale politica”

Nel corso della sua ascesa al potere e da quando è diventato segretario generale del Pcc alla fine del 2012, Xi Jinping ha nominato quadri in posizioni di alto livello a lui noti di persona e che hanno professato lealtà incondizionata verso il leader supremo. I membri del cosiddetto “Esercito della famiglia Xi” erano sottoposti e collaboratori di Xi, quando egli ricopriva incarichi regionali in Fujian (dal 1985 al 2002), Zhejiang (dal 2002 al 2007) e Shanghai (2007). Altri pupilli di Xi sono i suoi ex compagni di classe o funzionari associati alla sua provincia natale dello Shaanxi (China Brief, 13 febbraio 2018). Tuttavia pochissimi, se ve ne sono, dei leader emergenti della 7G sono noti per avere connessioni personali con il “massimo comandante” del partito (zuigaotongshuai, 最高 统帅). Ciò nonostante è importante notare che hanno superato il taglio in due criteri chiave, stabiliti da Xi per la promozione. Il primo è “competenza professionale unita alla moralità, con la moralità che viene prima di tutto” (decai jianbei, yide weixian / 德才兼备以德为先). In un recente articolo pubblicato da Seeking Truth, rivista teorica del Partito, Xi ha promesso di “coltivare un corpo di quadri di alta qualità, leali e [moralmente] puliti, in grado di assumersi responsabilità”. Per quanto riguarda la questione della “moralità”, Xi dichiara di includere “moralità politica, professionale, sociale e familiare”. “I quadri devono soddisfare questi criteri”, aggiunge. “La cosa più importante è che devono adempiere alla morale politica” (People’s Daily; People’s Daily, 6 gennaio).

Dato che la maggior parte dei quadri 7G ha avuto ottenuto qualifiche professionali in settori come la finanza e l'ingegneria, sembrano essere nella posizione migliore per soddisfare i severi requisiti di Xi sulle capacità professionali. Il fatto che un numero sproporzionato di leader 7G abbia esperienza bancaria sembra riflettere la preoccupazione della leadership Xi riguardo alla prudenza fiscale, in un momento in cui si stima che il debito sociale totale della nazione sia circa tre volte quello del Pil nazionale (South China Morning Post, 15 febbraio). In un discorso del 2016, Xi esorta i quadri a prendere saldamente in mano “nuovi concetti di sviluppo”. Questi concetti, osserva il Presidente, fanno riferimento a “requisiti intellettuali e professionali perché le nuove idee di sviluppo includono nuove conoscenze, esperienze, informazioni e requisiti pieni delle caratteristiche dei tempi” (People’s Daily, 3 gennaio 2016). Secondo Wang Dongqi, professore della Scuola centrale del Partito, “elevare senza sosta la mentalità, le capacità e le abilità professionali dei quadri”, aiuterebbe questi ultimi anche ad acquisire una maggiore levatura politica e ad assumere maggiori responsabilità politiche (People’s Daily, 7 settembre 2018).

All'Assemblea nazionale del popolo (Anp) ed alla Conferenza politica consultiva del popolo cinese (Cpcpc), ai quadri di tutti i livelli è stato chiesto di “unirsi in modo ancora più stretto sotto le autorità centrali del Partito, con il compagno Xi Jinping come loro nucleo” (China Brief, 22 marzo). Se, come è ampiamente sospettato, Xi ed i suoi più stretti consiglieri equiparano “moralità politica” alla professione di totale fedeltà al “cuore del Partito”, la dichiarazione di lealtà nei confronti di Xi può trionfare anche sulle migliori prestazioni, sia nelle attività professionali che nella pubblica amministrazione. Le prospettive di promozione dei novizi 7G e la misura in cui possono contribuire a un'amministrazione sana e orientata alla riforma dipendono quindi in gran parte dal fatto che Xi sia disposto ad onorare il suo impegno: che i candidati per le nomine di massimo livello debbano provenire da i “cinque laghi e i quattro mari” – ovvero una ricca diversità di contesti, in termini sia di esperienza che di connessioni faziose (Youth.cn, 19 maggio 2015).

 


[1] La Costituzione del Pcc non contiene alcuna indicazione sulla durata del mandato del Segretario generale. Inoltre non dice nulla sull’età pensionabile dei membri del Politburo Standing Committee (Pbsc, Comitato permanente del Politburo), il più alto consiglio governativo della nazione. Tuttavia, viene di solito rispettata la convenzione secondo cui quando viene convocato il Congresso quinquennale del Partito, un quadro che abbia raggiunto l’età di 68 anni non può più essere considerato per il Pbsc. Ad ogni modo, varie eccezioni sono state fatte per i Segretari generali. Così, al 15mo Congresso del Partito nel 1997, Jiang, che allora aveva 71 anni, fu autorizzato a rimanere in carica per altri cinque anni come membro della Pbsc e Segretario generale.

CINA_-_0418_-_Seventh-Generation.jpg CINA_-_0418_-_Seventh-Generation.jpg