Arcivescovo di Kirkuk: orfani dell’Isis, emergenza che grava sul futuro dell’Iraq

Sono almeno 1500 i minori “intrappolati” nel sistema giudiziario del Paese. Di questi 185 sono stati condannati al carcere perché legati a Daesh. Vittime del lavaggio del cervello jihadista, in cella subiscono torture o violenze. Mons. Yousif: serve uno sforzo della comunità internazionale e risposte quali educazione e scolarizzazione. L’impegno della Chiesa caldea. 


Kirkuk (AsiaNews) - Gli orfani di Daesh “sono una grande emergenza” che chiede una risposta “globale, non solo locale” del governo di Baghdad che rischia di apparire “insufficiente”. È quanto racconta ad AsiaNews l’arcivescovo di Kirkuk mons. Yousif Thoma Mirkis che ha partecipato di recente a un seminario Unicef su bambini e giovani nati o cresciuti sotto il “Califfato” dello Stato islamico (SI, ex Isis) in Siria e Iraq. Si tratta di una questione di primaria importanza che va affrontata “a livello economico” dalla comunità internazionale e richiede “altre risposte, come l’educazione e la scolarizzazione”.

Attivisti e ong umanitarie parlano di oltre 1500 minori “intrappolati” all’interno del sistema giudiziario irakeno, perché vittime del lavaggio del cervello e oggi imbevuti di ideologia jihadista. I più piccoli sono detenuti in carcere assieme alle loro madri; in questi ultimi mesi almeno sette sarebbero deceduti a causa delle pessime condizioni di detenzione. 

Altre centinaia sono a processo per reati di varia natura, dall’immigrazione illegale all’aver combattuto accanto ai miliziani dell’Isis. Fonti ufficiali parlano di 185 bambini e giovani fra i nove e i 18 anni già condannati da pochi mesi di pena fino a un massimo di 15 anni e rinchiusi nel carcere minorile di Baghdad. I minori affiliati all’Isis sono trattati senza riguardi, torturati o perseguitati da carcerieri e detenuti, pur senza sapere il loro reale grado di coinvolgimento nel gruppo. 

Altri ancora a migliaia, pur non incarcerati, vivono in condizioni precarie mendicando per le vie di Mosul alla ricerca del denaro minimo per un pasto o vendendo oggetti di fortuna ai bordi delle strade. Con il rischio, non certo remoto, di essere sfruttati dalla malavita o finire nelle maglie delle bande locali che li sfruttano per denaro. Secondo la sociologa irakena Fatima Khalaf, questi bambini di strada “non sono immuni da […] sfruttamento” e “se vengono abbandonati, potrebbero diventare criminali”, per questo è ancora più urgente l’obbligo scolastico. 

Come sottolineato di recente dall’ausiliare di Baghdad mons. Shemon Warduni è necessario “educare [...] soprattutto i bambini” che rappresentano il futuro del Paese. “È una questione aperta - conferma ad AsiaNews l’arcivescovo di Kirkuk - e pericolosa. In un campo vicino a Kobane vivono 35mila persone, la grande maggioranza orfane con il padre ucciso e la madre, quando c’è, che indossa ancora il niqab (il velo integrale)”. La verità, aggiunge il prelato, è che “queste persone sono ancora legate al tempo di Daesh [acronimo arabo dell’Isis] e persino il governo ha paura ad avere a che fare con loro”. 

Per capire la portata del problema, ricorda mons. Yousif, basti pensare che sotto il “Califfato” in Siria e Iraq vivevano fino a otto milioni di persone e in molti, come alle origini dell’islam, avevano tre, quattro, persino 10 mogli. Secondo alcune fonti, in quest’area a cavallo fra i due Paesi e sotto il giogo jihadista sono nate tre milioni di persone e “moltissimi bambini e giovani hanno subito il lavaggio del cervello” dagli uomini di Abu Bakr al-Baghdadi. 

Ad oggi né il governo, né le istituzioni e ong umanitarie “seppur partendo da punti di vista diversi” sono riuscite a “fornire una risposta” all’emergenza. L’esecutivo “guarda alla questione da un punto di vista politico”, usando una legge sul terrorismo, la numero 4, “molto dura che prevede sino alla pena di morte. Questa norma ha causato molte altre vedove e orfani. Il governo non si prende cura di loro e chiede alle ong umanitarie di farsene carico”. 

In questo rimpallo di responsabilità, dal quale non si può considerare esente la comunità internazionale, la questione resta irrisolta. “Molti di questi minori - spiega il prelato - sono nati da combattenti provenienti da Francia, Germania, Belgio o Gran Bretagna e appartengono a questi Paesi. I loro governi devono farsene carico, aiutare l’Iraq e la Siria. Questo è un problema globale, da qui la necessità che tutti collaborino a livello economico, ma soprattutto culturale”. 

La Chiesa irakena, su impulso del patriarca caldeo e dei vescovi, ha cercato di aiutare questi minori dando loro “pane, acqua, latte e altri generi di prima necessità. Io stesso - prosegue l’arcivescovo - ho chiesto ai fedeli di aiutare alcune famiglie di Daesh rinchiuse in un campo profughi vicino Kirkuk. Tuttavia, le nostre risorse sono limitate ed è molto difficile entrare in contatto con questi bambini. Resta il fatto che non possiamo abbandonarli, perché potrebbero diventare i jihadisti di domani ed è responsabilità del governo e della comunità internazionale occuparsene”.

Sul piano militare, conclude il prelato, forse Daesh “è sconfitto, ma la mentalità resta. Questa è la punta dell’iceberg, cui si aggiungono problemi economici, politici, sociali”. 

IRAQ_-_figli_califfato.jpg