Sit-in alle stazioni della metropolitana e nei centri commerciali

Hong Kong (AsiaNews) – Diversi centri commerciali situati vicino alle stazioni della metropolitana (MTR) sono divenuti oggi il centro di alcune proteste del movimento anti-estradizione. Si registrano tensioni al Citylink di Sha Tin e alla Tedford Plaza di Kowloon Bay (foto 1 e 2). Le stazioni della MTR sono prese di mira perché le autorità si rifiutano di rilasciare i video della serata del 31 agosto, quando la polizia è scesa nella stazione di Prince Edward e sulla piattaforma bastonando in modo indiscriminato manifestanti e passeggeri e spruzzando spray urticanti. AsiaNews ha pubblicato ieri un video delle violenze. Ad un certo punto però, la polizia ha cacciato via giornalisti e fotografi rimanendo per lunghe ore nella stazione con le persone lì presenti. Il movimento vuole che siano rilasciati i video di questo periodo. Dopo quell’operazione, alcune persone del movimento risultano scomparse e i sono voci di possibili vittime. Oggi il governo ha smentito che vi siano stati morti nell’assalto dei 31 agosto. Ma gruppi di giovani hanno deposto fiori e messaggi davanti alla stazione (foto 3)

La stazione di Prince Edward, assediata ieri da dimostranti che chiedevano in ginocchio il rilascio dei video, è stata chiusa al pubblico e rimane chiusa anche oggi.

Ieri sera vi sono stati scontri fra la polizia e manifestanti a Mong Kok e Yau Ma Tei. La polizia ha lanciato diverse decine di gas lacrimogeni (foto 4). (P.W.)

HK-_Citylink_Sha_Tin.jpg HK-_Citylink_Sha_Tin.jpg HK-_Citylink_Sha_Tin.jpg HK-_Citylink_Sha_Tin.jpg