Tai Koo, uomo pro-Cina accoltella cinque persone e stacca a morsi l’orecchio di un politico pro-democrazia

Il consigliere distrettuale Andrew Chew e i feriti sono ricoverati in ospedale. Da agosto ad oggi almeno 10 persone pro-democrazia sono state picchiate o ferite da teppisti pro-Cina.


Hong Kong (AsiaNews) – Un uomo pro-Cina ha attaccato cinque persone con un coltello e ha strappato a morsi il lobo dell’orecchio di un politico pro-democrazia.  Il violento episodio è avvenuto ieri al Cityplaza, un centro commerciale nel quartiere di Tai Koo, sull’isola di Hong Kong.

Le manifestazioni che durano da quattro mesi nel territorio, si svolgono spesso nei centri commerciali dove i dimostranti cantano l’inno “Gloria ad Hong Kong” o discutono con i visitatori. Ieri un uomo non ancora identificato, parlando in cinese mandarino (la lingua della Cina popolare) ha prima discusso, poi si è avventato contro cinque persone, quattro uomini e una donna. Il consigliere distrettuale Andrew Chiu Ka-yin, lì presente, ha cercato di fermarlo, ma l’uomo gli ha morso l’orecchio staccandone una parte e lasciandolo sanguinante. Un gruppo di persone allora ha lottato con l’assalitore ferendolo. I feriti e Chiu sono stati ricoverati all’ospedale.

La polizia ieri è intervenuta in diversi centri commerciali per cacciare via i dimostranti.

Le manifestazioni iniziate in giugno per cancellare la legge sull’estradizione in Cina, si sono evolute in una richiesta di piena democrazia per il territorio. Alla chiusura del dialogo da parte del governo e alla violenza della polizia alcune frange del movimento rispondono con il vandalismo, blocchi delle strade, lanci di mattoni e molotov verso le forze dell’ordine. Sempre più spesso vi sono episodi di intolleranza. Da agosto ad oggi almeno 10 persone pro-democrazia sono state picchiate o ferite da teppisti pro-Cina.

Foto: inmediahk.net

HK-orecchio.png