‚ÄčAncora un incidente sul lavoro in India: sei morti e 17 feriti
di Biju Veticad

L’incidente per l’esplosione di una caldaia alla NLC India Limited (nota come Neyveli Lignite Corporation) che è una centrale elettrica del governo centrale. Un tirocinante vigile del fuoco “sfortunatamente nel nostro Paese la gestione di molte aziende sta nascondendo l'importanza della salute e della sicurezza delle vite”.


Neyveli (TamilNadu)  (AsiaNews) - Le misure di sicurezza nei luoghi di lavoro in India si  stanno rivelando un fallimento. Gli incidenti in aziende pubbliche e private, in particolare nelle centrali elettriche e nelle industrie chimiche, sono aumentati negli ultimi due mesi. Ieri (1 luglio) sei persone hanno perso la vita e 17 sono rimaste ferite nell’esplosione di una caldaia alla NLC India Limited (nota come Neyveli Lignite Corporation) che è una centrale elettrica del governo centrale. Su 17 feriti 11 sono molto gravi.

Se l'incidente si è verificato nell'unità V dell'impianto, il 7 maggio 2020, si era  verificata un'esplosione della caldaia nell'unità VI, uccidendo 5 persone. L'incidente è avvenuto mentre i lavoratori e il personale tecnico stavano tentando di ripristinare l'impianto che si era bloccato nella notte precedente.

“È una grande perdita per le famiglie - dice p. D. Arokiadas, sacerdote dell'arcidiocesi di Pondicherry-Cudallore - e le persone che hanno perso la vita sono molto giovani tra i 25 ei 42 anni. La diocesi ha una chiesa molto antica nella città di Neyveli. Ma nessuno dei nostri parrocchiani è coinvolto nell'incidente. Tuttavia - continua padre Das -- tutti i lavoratori che hanno perso la vita erano a tempo determinato e potrebbero non garantire una pensione completa e altri benefici a lungo termine alle loro famiglie”.

Nel frattempo, c'è stata un'altra perdita di gas a Vishakapatanam che ha causato la morte di due persone nello stabilimento di Sainor Life Sciences. Altre quattro sono gravemente malati e uno lotta per la vita.

Il 29 giugno c'era stata una perdita di vapori di idrogeno solforato da un reattore dell'azienda farmaceutica nella città di Jawaharlal Nehru Pharma a Parawada a circa 40 km da Vishkapatanam. Il 6 maggio, 12 persone avevano perso la vita nella stessa città di Vishakapatanam, a causa della fuoriuscita del gas di stirene alla LG Polymers.

Shibin Babu, che è un tirocinante vigile del fuoco a Vishakpatanam, ha detto ad AsiaNews che le misure di sicurezza per la protezione della vita nei luoghi di lavoro sono garantite dalle linee guida e dalle leggi. “Ma sfortunatamente nel nostro Paese - continua Shibin - la gestione di molte aziende sta nascondendo l'importanza della salute e della sicurezza delle vite. Attualmente ci sono 16 leggi relative all'orario di lavoro, alle condizioni di lavoro e all'occupazione. Esistono due atti contenenti le principali disposizioni in materia di misure legali per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori come la Factories Act e la Mines Act. Secondo Shibin, ci dovrebbe essere una severa punizione per la negligenza contro la garanzia di precauzioni di sicurezza nell'azienda e i lavoratori all'interno di un'impresa devono essere formati regolarmente sulla gestione degli imprevisti”.

inddd_1.jpg inddd_1.jpg inddd_1.jpg