​Card. Gracias: Tommaso, apostolo dell’India, ci aiuti nella pandemia
di Nirmala Carvalho

La celebrazione della festa di san Tommaso apostolo. “La sua professione, ‘Mio Signore e mio Dio’, Kyrios Theos è la più chiara dichiarazione della divinità di Gesù nella Sacra Scrittura”.


Mumbai (AsiaNews) . Il cardinale Oswald Gracias, ha presieduto la celebrazione per  san Tommaso, apostolo dell'India, che è stata trasmessa in streaming. La messa quotidiana del cardinale ha una delle maggiori partecipazioni nel mondo di lingua inglese. Ogni giorno, il Cardinale nell'omelia evangelizza e insegna coraggiosamente la Verità di Gesù.

Il Cardinale ha ripetutamente parlato del “fa agli altri come vorresti fosse fatto a te” come “l'Everest dell’etica", che “va oltre il regno del norma e con lo Spirito di Cristo, può essere una regola, una guida e un principio per uno stile di vita cristiano”.

Stamattina, 3 luglio, nell'omelia il cardinale ha salutato tutti e tre i riti. Una felice festa di san Tommaso, Apostolo dell'India, che ha portato Gesù - per la prima volta - in India nel 52, quasi 1978 anni fa. Preghiamo san Tommaso di rafforzare la nostra fede. Celebriamo questa Eucaristia in comunione con mio fratello il cardinal  Allencherry della Chiesa Siromalabarese e mio fratello il cardinale Cleemis della Chiesa di Siromalankarese, che fanno risalire la loro origine all'evangelizzazione di San Tommaso.

Preghiamo, ha detto ancora, anche per il rettore del nostro Seminario arcidiocesano, gli studenti (seminaristi) e lo staff, che fanno la loro "professione di fede" dicendo:  Io credo in ciò che insegna la Santa Madre Chiesa e promettendo di insegnare ciò che insegna la Chiesa. “Ogni anno, in questo giorno, presiedo l'Eucaristia al Seminario. Buona festa al rettore”.

“Oggi è una grande festa per l'India, è una solennità per la Chiesa in India. San Tommaso portò la Fede in India nel 52 d.C., abbiamo avuto il privilegio della venute in India di uno degli apostoli. È un privilegio dato da Dio all'India, dobbiamo rispondere essendo un popolo religioso, un popolo spirituale che si muove verso Cristo, verso il nostro Padre celeste”.

Il nome di Tommaso compare in Matteo (10: 3), Marco (3:18), Luca (6) e Atti degli Apostoli (1:13), ma nel Vangelo di Giovanni recita una parte particolarmente significativa.

Tommaso, seguace fedele. “Quando Gesù annunciò che avrebbe visitato Lazzaro in Giudea, a pochi chilometri da Gerusalemme e pericolosamente vicino a qualcuno impopolare come lui, Tommaso disse ai suoi compagni discepoli: ‘Andiamo anche noi, per poter morire con lui’”.

“Tommaso, è stato sempre un Cercatore, uno studioso della Verità. Prima dell'ultima cena, ha chiesto a Gesù ‘Signore, non sappiamo dove stai andando, come facciamo a sapere la strada?’ e Gesù disse a Tommaso: ‘Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me’”.

Tommaso viene chiamato "un dubbioso". Al lago di Tiberiade Tommaso non era presente (nel disegno di Dio) quando Gesù apparve l'ottavo giorno - Gesù già santificava questo giorno come Domus Dei, giorno di offerta dell'Eucaristia. E Gesù offre a Tommaso di toccargli le ferite… San Tommaso passa dal dubbio all'illuminazione, fa il Salto della Fede, Tommaso non tocca le mani e il fianco di Gesù come Gesù lo invita a fare, ma risponde con la massima acclamazione o titolo per Gesù che si trovi nel Nuovo Testamento. Tommaso fa sua più alta pronuncia - la sua professione, ‘Mio Signore e mio Dio’, Kyrios Theos è la più chiara dichiarazione della divinità di Gesù nella Sacra Scrittura. Kyrios che è YHWH nel vecchio testamento e theos, Dio"

“Tommaso vede Dio completamente rivelato in Gesù. Ecco perché Gesù è per Tommaso ‘Mio Signore e mio Dio!’ e si inginocchia e adora Gesù, Kyrios Theos”.

Non c'è nulla di sbagliato nel vero dubbio, quale fosse il dubbio di Tommaso, dubiti perché non accetti nulla, dubiti, con un atteggiamento di chiusura mentale. C'è  il dubbio, perché pensi di sapere tutto, ci sono persone che dubitano sinceramente, perché non vedono pienamente con chiarezza

Tommaso non dubitava (come termine negativo). Tommaso cercava la Verità senza sosta. San Tommaso poneva costantemente domande, Tommaso era coraggioso. “Non abbiamo tutte le risposte, dovremmo avere domande, dovremmo cercare di trovare le risposte, ma cercando di capire di più la nostra Fede, studiare la nostra Fede, capire di più la Parola di Dio, l'intero Credo, dovrebbe essere studiato nei dettagli, gli articoli di fede devono essere studiati e pregati e le riflessioni, l'ascolto del magistero, la ricezione dei sacramenti e la lettura della Parola di Dio, e così facendo tocchiamo Gesù e diciamo: ‘Mio Signore e mio Dio’, impegnandoci totalmente verso Dio”.

San Tommaso un missionario. San Tommaso venne in India e predicò il Vangelo, e fu martirizzato in Inda. Tommaso ha fondato 7 chiese nel Kerala, e fu martirizzato nel Tamil Nadu, sul piccolo Monte nel 72.

Come presidente della CBCI, ho letto l'annuncio che la basilica è divenuta un Santuario nazionale. Ai nostri fratelli vescovi del Tamil Nadu, Buona festa.

San Tommaso è un apostolo dell'India, il protettore dell'India, preghiamo San Tommaso specialmente durante questa pandemia, che la nostra fede sia rafforzata.

hqdefaultthomas.jpg