Sul Lion Rock raggi laser per i 12 detenuti in Cina

Attivisti hanno organizzato sul colle di Shatin e a Taipei alcuni gesti per ricordare i 12 che, fuggiti da Hong Kong, sono stati arrestati dalla guardia costiera.


Hong Kong (AsiaNews/HKFP) – Attivisti democratici hanno acceso 12 raggi laser sul Lion Rock di Shatin per ricordare i 12 fuggitivi che sono stati arrestati e detenuti in Cina.

Nell’agosto scorso, la guardia costiera cinese ha intercettato un motoscafo con i 12 fuggitivi per aver superato le acque territoriali. Secondo notizie non ufficiali, l’imbarcazione si dirigeva a Taiwan per mettere in salvo i 12 che, con la nuova legge sulla sicurezza, rischiavano accuse legate al loro impegno nelle manifestazioni pro-democrazia dell’anno scorso.

Il governo cinese continua a tenerli come detenuti e frena avvocati di Hong Kong a prendere le loro difese, esigendo che i prigionieri scelgano fra una lista di avvocati proposta dal governo.

I parenti degli arrestati – a cui sono vietate le visite ai detenuti - si sono rivolti al capo dell’esecutivo di Hong Kong, Carrie Lam, per riportare nel territorio gli accusati, ma questa non ha ancora dato alcuna risposta.

Perché la popolazione non si dimentichi dei 12, ieri sera è stata organizzata l’emissione di raggi laser colorati. La manifestazione, chiamata con lo slogan “Hong Kong 12”, è stata anche eseguita a Taipei.

Il Lion Rock, dove gli attivisti hanno acceso i laser, sovrasta la penisola di Kowloon e può essere visto anche dall’isola di Hong Kong. In questi anni il luogo è divenuto un punto chiave per esporre giganteschi striscioni pro-democrazia, accendere raggi laser o tenere manifestazioni accendendo le luci dei telefonini.

HK-Lion_Rock_beams.png