Oms: Basta con i lockdown, creano solo povertà

È un cambio di rotta di 180° per l’organismo Onu: aveva sempre consigliato di adottare misure restrittive, sul modello cinese. David Nabarro, esperto dell’organizzazione: Per colpa delle limitazioni, povertà e malnutrizione infantile potrebbero raddoppiare. Gruppo di scienziati: Le attuali politiche anti-coronavirus provocano danni irreparabili.


Ginevra (AsiaNews) – Basta con i lockdown per combattere la pandemia, creano solo grande povertà. È quanto dichiarato l’11 ottobre dal dott. David Nabarro, inviato speciale per la lotta al coronavirus dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms): un cambio di rotta di 180° per l’organismo Onu.

Sin dallo scoppio della crisi del coronavirus, l’Oms ha consigliato l’adozione di forti misure restrittive alla circolazione delle persone, con il conseguente blocco delle attività economiche, per contenere la propagazione del morbo. Secondo l’organizzazione, il modello da seguire era quello cinese.

Per molti governi, l’Oms ha coperto le colpe di Pechino nelle prime fasi della pandemia; critiche molto pesanti vengono ancora rivolte al suo direttore generale,  Tedros Adhanom Ghebreyesus, definito “un pupazzo” della Cina per essersi sottomesso e aver approvato i suoi silenzi.

In un’intervista allo Spectator, Nabarro ha voluto precisare che l’Oms consiglia il lockdown solo per guadagnare tempo, nel caso in cui un Paese deve “riorganizzare, riequilibrare e riordinare” le proprie risorse, e proteggere il personale sanitario.

Egli fa notare che le forti limitazioni imposte dai governi hanno avuto un impatto sull’economia globale, danneggiando soprattutto le nazioni più povere. A causa dei lockdown, egli evidenzia, “povertà e malnutrizione infantile potrebbero raddoppiare entro la fine del prossimo anno”.

Misure estreme, prima esaltate, come il controllo della popolazione compiuto dalla Cina con nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale e la raccolta dati (big data), sono ora ritenute non necessarie dall’Oms: “Serve un nuovo approccio”, afferma Nabarro.

Il suo messaggio arriva a pochi giorni dal lancio di una petizione che chiede lo stop al ricorso ai lockdown. Un gruppo di scienziati da università prestigiose come Harvard, Oxford e Stanford, promotori della Great Barrington Declaration, spiegano che le politiche anti-Covid adottate dalla maggior parte dei Paesi stanno provocando danni fisici, mentali ed economici irreparabili.

NAZIONI_UNITE_-_1013_-_Lockdown.jpg