Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia

10/11/2009
La blasfemia in Pakistan e l’attacco al crocefisso della Corte europea
Alcuni rappresentanti di Giustizia e Pace in Pakistan cominciano oggi da Roma una campagna in Europa (Francia, Olanda, Belgio, Germania) per sensibilizzare le Chiese e la società europea sulla piaga della blasfemia e l’oppressione delle minoranze in Pakistan, in particolare quella cristiana. Singolare unità di intenti tra i fondamentalisti islamici e i relativisti europei.
10/11/2009
Legge sulla blasfemia e discriminazione religiosa: attentato al futuro del Pakistan
La testimonianza di p. Emmanuel Y. Mani alla conferenza stampa promossa da AsiaNews dal titolo “Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia”. La comunità internazionale prema sul nostro governo “per fermare le discriminazioni e le violenze contro le minoranze religiose”. Nel Paese serve “una cultura di armonia tra le religioni e di pace”.
10/11/2009
Pakistan, l’unico Paese al mondo in cui la blasfemia è una “legge di Stato”
Peter Jacob, segretario esecutivo di Ncjp, denuncia la creazione di uno “Stato islamico” mediante una legge che colpisce le minoranze e gli stessi musulmani. Il fondamentalismo è sostenuto da frange del governo, del parlamento e dei militari. L’attivista auspica la nascita di “un fronte comune” per “portare la democrazia nel Paese”.
10/11/2009
Europa e Occidente aiutino il Pakistan ad abrogare la legge sulla blasfemia
In una conferenza stampa promossa da AsiaNews, attivisti cattolici pakistani lanciano una campagna di sensibilizzazione internazionale. L’obiettivo è cancellare la norma che ha fomentato violenze e discriminazioni verso le minoranze religiose. Il desiderio di cambiamento della società civile pakistana, che contrasta con le vuote promesse del governo e l’ideologia degli estremisti.
09/11/2009
Islamabad chiede “suggerimenti” ai cristiani per abrogare la legge sulla blasfemia
In un vertice – voluto dal governo – con il Comitato parlamentare permanente, cristiani e attivisti hanno chiesto la “cancellazione” della norma. Funzionari governativi incontreranno personalità musulmane, cattoliche e attivisti per promuovere un percorso comune. L’ala fondamentalista invoca “inchieste” e punizioni contro chi combatte per abrogare la legge.
05/11/2009
Sacerdote pakistano: blasfemia colpisce le minoranze e “islamizza” il Paese
P. Bonnie Mendes: i talebani vogliono distruggere la democrazia e diffondere l’ideologia fondamentalista. Una frangia della politica combatte l’estremismo, ma “manca l’unità di intenti”. Nel clima di paura, i cristiani invitati a essere più forti.
02/11/2009
Pakistan, nuova strage degli estremisti. Il dissenso contro “l’islamizzazione”
Attivisti per i diritti umani ed editorialisti chiedono di tornare allo spirito sancito da Ali Jinnah, padre fondatore della nazione, e garantire la libertà religiosa. Movimenti islamici minacciano il governo: nessun cambiamento, se “vuole rimanere al potere”. Attacco suicida a Rawalpindi: 34 morti e 30 feriti.
29/10/2009
La legge sulla blasfemia: una lunga serie di ingiustizie (Scheda)
La Sezione 295 B e C del Codice penale pakistano punisce con l’ergastolo o la pena di morte chi profana il Corano e diffama il profeta Maometto. Introdotta nel 1986 dal dittatore Zia-ul-Haq per farsi apprezzare dall’ala fondamentalista del Paese, è diventata uno strumento per perseguitare minoranze religiose e gli stessi musulmani. Quasi 1000 persone incriminate, centinaia le vittime.
29/10/2009
La Chiesa cattolica in Pakistan (Scheda)
I cattolici sono meno dell’1% su un totale di oltre 160 milioni di abitanti. Nel Paese vi sono due arcidiocesi, quattro diocesi e una prefettura apostolica. Una piccola minoranza attiva e apprezzata per il suo impegno nei settori dell’educazione, aiuto ai poveri, assistenza sanitaria e interventi nei casi di emergenza.
29/10/2009
Cosa fare per abolire la legge sulla blasfemia in Pakistan
Attivisti cristiani e membri della società civile chiedono a Islamabad l’abrogazione della norma. I principi fondamentali per creare una società aperta e multiconfessionale, a tutela di ciascun individuo. L’elenco delle Ambasciate e delle sedi diplomatiche pakistane per aderire alla campagna.
29/10/2009
Cristiani in Pakistan: dalla libertà alle persecuzioni
All’atto della nascita, il padre fondatore Ali Jinnah ha sancito la libertà religiosa e la parità di diritti senza distinzione di casta o credo religioso. Le successive Costituzioni hanno sconfessato questi ideali, lasciando spazio a persecuzioni e violenze contro le minoranze. Alla blasfemia si aggiungono conversioni forzate e matrimoni imposti: le violenze contro i cristiani e le altre religioni non islamiche.
29/10/2009
Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia
La legge sulla blasfemia – prigione e condanna a morte per chi offende il Corano o Maometto – è uno strumento per eliminare le minoranze religiose. AsiaNews lancia una campagna di sensibilizzazione perché sia abrogata. A causa di essa, dal 2001 sono stati uccisi almeno 50 cristiani, distrutte famiglie e interi villaggi. Anche nel Paese emergono voci cristiane e islamiche che chiedono la cancellazione della norma.