26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche

Matteo Ricci: missione e ragione. Una biografia intellettuale
by Gianni Criveller

pp. 132
L’originalità di questa biografia è condensata nel titolo. A padre Criveller sta a cuore documentare la particolarità della testimonianza di Matteo Ricci, che ha scelto la via dell’apostolato culturale e scientifico.
All’autore preme di mostrare come il grande gesuita non sia solo un ponte tra le civiltà cinese ed occidentale, un mediatore culturale ante litteram. Ma, soprattutto, che tutto questo si è realizzato in virtù dell’obbedienza a una precisa vocazione: l’evangelizzazione della Cina. Ricci, dunque, grande intellettuale in quanto missionario e non nonostante.
Criveller mostra chiaramente come lo stile di Ricci sia stato nel segno dell’amicizia, di quella «simpatia preventiva» che ogni autentico missionario non può non nutrire per il popolo e la cultura che rappresentano l’ambito della sua testimonianza. (Dalla Prefazione)

Pimedit, Milano 2010, pp. 132, 13 euro

Gianni Criveller, nato a Treviso nel 1961, missionario del PIME (Pontificio Istituto Missioni Estere), da vent'anni opera nella "Grande area cinese": Taiwan, Hong Kong, Macao e Repubblica Popolare Cinese. Professore di teologia della missione, si è specializzato sulla storia della ricezione del cristianesimo in Cina. Ha pubblicato libri e articoli su varie riviste. Collabora con diverse istituzioni accademiche a Hong Kong e nella Repubblica Popolare Cinese.

[]


In evidenza

LIBANO
Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

Fady Noun

L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

 


EGITTO – ISLAM
Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

Kamel Abderrahmani

Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
 

ABBONATEVI

News feed

Canale RSScanale RSS 

Add to Google









 

2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®