28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

5x1000 Fondazione PIME Onlus - 97486040153

COS'E' IL 5 PER MILLE?
Da alcuni anni la dichiarazione dei redditi ha previsto la possibilità per il Cittadino di destinare una quota pari al 5 per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche al sostegno delle attività di quelle Onlus che si iscrivono in appositi registri dell'Agenzia delle Entrate.
In questo modo lo Stato consente ai Cittadini di destinare autonomamente e per loro scelta risorse a favore di attività meritevoli.
Quando il cittadino sceglie di destinare il 5 per mille a favore della Fondazione PIME Onlus tale scelta non è in alcun modo alternativa alla scelta di destinazione dell'8 per mille a favore degli Enti religiosi o dello Stato.

QUANTO COSTA
Al contribuente il 5 per mille non costa nulla in quanto viene prelevato dall'imposta che il contribuente deve pagare al Fisco.
Destinare il 5 per 1000 al PIME consente ai missionari di acquisire nuove importanti risorse da destinare alle innumerevoli attività favore degli ultimi nei paesi di missione.

COME SI FA?
Il Cittadino, al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi, che decide di voler destinare la quota del 5 per mille delle proprie imposte alla Fondazione PIME Onlus dovrà semplicemente inserire il codice fiscale della Fondazione PIME Onlus - 97486040153 e apporre la firma nell'apposito riquadro presente sul modello di dichiarazione fiscale.
Attenzione: va compilato il riquadro previsto per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale,le associazioni di promozione sociale, le associazioni riconosciute che operano nei settori di cui l'articolo 10, c. 1, lett a), del D.Lgs n.460 del 1997

COME SI CONTROLLA L'UTILIZZO CHE LA FONDAZIONE PIME FA DEL 5 PER MILLE RICEVUTO ?
La Fondazione PIME Onlus pubblica su questo sito l'elenco dei progetti (clicca qui), corredati da tutti i dettagli di spesa ,che sono stati finanziati grazie ai versamenti del 5 per mille, anno per anno.


Dossier

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate