18 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
La Mangrovia Una donna, due anime

 

 

           Claire Ly

La Mangrovia Una donna, due anime

Di Claire Ly,  pp. 160, euro 13,00

PIMEdit, Milano 2012

 

«Ora Ravi sorride nel vedere sino a che punto la cultura occidentale è parte di lei. È diventata come l'ecosistema della mangrovia, in cui l'acqua salata si mescola con l'acqua dolce. Oriente e Occidente sono le sue due fonti. Ravi è nata in Oriente, il continente del Sol Levante. A sessant'anni passati, la vita è delicatamente colorata dai raggi del sole al tramonto. La mangrovia e le sue due acque... che magnifica immagine della sua vita!». Ravi e Soraya, entrambe cambogiane, hanno vissuto la drammatica esperienza del regime di Pol Pot. Ora, vivono da molti anni in Francia. Di tanto in tanto, tornano insieme nel Paese d'origine, in cerca di una riconciliazione possibile con la loro storia personale. Ma se Ravi è rimasta fedele al suo credo buddhista, Soraya si è convertita al cattolicesimo. Il viaggio diventa così occasione di dialogo, confronto e arricchimento reciproco, tra due persone che, in fondo, rappresentano le due anime dell'autrice.

Una riflessione sul dialogo tra religioni e culture

Una storia di fantasia ancorata nel vissuto personale dell'autrice. È quanto ci offre il nuovo libro di Claire Ly, cambogiana e francese, orientale trapiantata in Occidente, di origini buddhiste, ma convertita al cristianesimo. Un libro che scende nelle profondità dell'anima, per trarne un messaggio universale: sulla necessità e la bellezza del dialogo tra religioni e culture, ma anche sull'esigenza di incontrare e di accompagnare l'altro, nel rispetto delle reciproche differenze e specificità, in un cammino di crescita comune.

Sullo sfondo, c'è la Cambogia di oggi, strattonata tra un passato di tragedia - la dittatura dei khmer rossi a fine anni Settanta - con cui fa fatica a fare i conti e un futuro ancora tutto da costruire. Ma ci sono anche i rapporti tra Oriente e Occidente e in particolare le sfide sempre più attuali delle migrazioni, con tutto ciò che questo implica in termini di integrazione o di "adozione". E poi il tema matrimoni misti, "luogo" privilegiato e delicato di incontro tra culture e identità diverse, attraverso la vita concreta delle persone. In fondo, un libro che parla della speranza e della necessità di un mondo riconciliato, di una società più umana e della liberazione dell'uomo da tutte le moderne forme di schiavitù.

L'autore

Claire Ly, cambogiana, ex professore di filosofia, è sopravvissuta alla follia genocida dei khmer rossi. Madre di tre figli, vive in Francia dal 1980, dove si dedica alla scrittura, all'insegnamento (presso l'Istituto di Scienze e Teologie delle religioni di Marsiglia) oltre a tenere corsi e conferenze. Nata buddhista e convertita al cattolicesimo, Claire Ly condivide, attraverso le sue molte attività, la sua straordinaria esperienza umana e spirituale. (www.clairely.com)

 

 

 


Dossier

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate