24 September 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Geographic areas




  • > Africa
  • > Central Asia
  • > Europe
  • > Middle East
  •    - Bahrain
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israel
  •    - Jordan
  •    - Kuwait
  •    - Lebanon
  •    - Oman
  •    - Palestine
  •    - Qatar
  •    - Saudi Arabia
  •    - Syria
  •    - Turkey
  •    - United Arab Emirates
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > North Asia
  • > South Asia
  • > South East Asia
  • > South West Asia
  • > Sud America
  • > East Asia


  • » 03/14/2017, 10.09

    土耳其 – 欧盟

    埃尔多安已经不再做欧洲梦

    Luca Galantini

    继德国、荷兰、奥地利、丹麦等欧洲国家先后拒绝土耳其政府官员入境举行支持公投集会后,紧张关系进一步升级。禁止荷兰驻安卡拉大使返回土耳其。五十年的等待后,土耳其已经不屑于加入欧洲了。奥斯曼之梦和集权主义是同一条路

    米兰(亚洲新闻)—昨晚,安卡拉宣布了一系列措施,回应荷兰禁止其政府部长入境参加支持公投集会活动。土耳其即将举行的公投是埃尔多安力主的,将议会共和国制过渡到总统制,也就是增加埃尔多安的权力。安卡拉政府副总理表示,将不会允许荷兰大使返回安卡拉、与荷兰政府的所有高级别政治对话都将中止。北约两个成员国荷兰和土耳其面临一场外交争端。但是,安卡拉与其它欧盟国家的关系也同样紧张。土耳其部长们被德国、奥地利、瑞士、荷兰、瑞典禁止入境。以下是学者就土耳其与欧洲紧张关系原因的深度分析。

    La crisi diplomatica tra la Turchia ed i Paesi dell’Unione europea (UE) non accenna a placarsi, anzi, giorni dopo giorno arruola tra le sue file nuovi Stati.

    Nell’arco di poco più di due settimane il governo di Recep Tayyp Erdogan è stato in grado di scatenare a catena una serie successiva di tempeste diplomatiche: prima con la Germania, poi con l’Olanda. Ieri la Danimarca a sua volta ha chiesto alla Turchia il rinvio sine die della visita ufficiale del Ministro degli Esteri turco Yildrim, mentre l’Austria ha chiesto alla UE l’assunzione di una posizione comune contro i comizi pro-Erdogan in Europa, preoccupata da minacce all’ordine pubblico.

    La ragione ufficiale alla base di queste forti pericolose tensioni è sempre la stessa: il divieto, imposto da vari governi europei per ragioni di opportunità politica, ai ministri del partito AKP del presidente Erdogan  di partecipare ai comizi organizzati dagli immigrati turchi nei Paesi UE in favore del referendum che il prossimo aprile dovrà sancire l’approvazione della riforma costituzionale presidenzialista voluta da Erdogan in Turchia.

    Buon senso vorrebbe che le campagne elettorali e referendarie si svolgano in Turchia, ove si vota, e non già nei Paesi europei ove risiedono gli immigrati turchi. Ma l’invadenza della politica muscolare di Erdogan non sente ragioni, e pretende di poter imporre all’estero la propria propaganda politica, senza fare i conti con le esigenze di politica interna di Stati come l’Olanda, ove domani si svolgeranno le elezioni politiche: con elegante understatement Erdogan ha qualificato come naziste le scelte adottate dai governi tedesco e olandese.

    Capire le ragioni vere

    Le iniziative di Erdogan si intrecciano con il clima politico europeo, attraversato da una ventata di populismo che richiede il ritorno alle sovranità nazionali di fronte alla drammatica crisi economica e finanziaria ed al massiccio esodo di migranti e richiedenti asilo, così malgestito dalle cancellerie europee.

    Il problema tuttavia è assai più complesso e delicato, se lo si analizza con la lente d’ingrandimento dall’interno della società politica turca e non secondo una chiave di lettura eurocentrica.

    Da anni la politica estera della Turchia di Erdogan si muove in assenza di un centro di gravità permanente. Abbandonato il modello laico kemalista, basato su una strettissima partnership con la NATO  e con l’Europa a livello militare e politico; recuperato il mito nazionalista ottomano del panturanesimo tra Medio Oriente ed Asia; rilanciata la leadership islamista sui Paesi dell’area araba, Erdogan ha fatto e disfatto trame di alleanze, senza però essere mai in grado di mantenere il tessuto dell’ordito di un preciso progetto strategico politico in grado di mantenere la Turchia all’interno di un sistema stabile di cooperazione. E soprattutto sta via via smantellando all’interno il sistema delle garanzie democratiche e dello stato di diritto nel Paese.

    L’aspirazione più che legittima della Turchia di divenire una potenza regionale si scontra con l’assenza totale di un piano di alleanze a lungo termine; con la scelta a favore di disinvolti accordi con la Russia piuttosto che con l’Iran o con movimenti insorti e terroristici in Siria; e soprattutto con la sempre più palese deriva autoritaria ed autocratica che Erdogan sta imprimendo al Paese pur di mantenere le redini del potere.

    In questo quadro si spiegano due aspetti particolarmente “pesanti” che sottendono alla crisi coi Paesi europei. Il primo è il fatto che alla Turchia in verità non interessi più l’ingresso nella UE o comunque il proseguio delle trattative che oramai si prolungano con stanchezza da oltre 50 anni (pochi rammentano che la Turchia già negli anni ’60 avviò le prime trattative per l’ingresso nella allora Comunità Economica Europea). Il secondo è la scelta, attraverso la riforma costituzionale di impronta presidenzialista oggetto del prossimo referendum, di navigare verso una forma di governo di impronta autocratica e sempre meno rispettosa dei pilastri giuridici della democrazia, ovvero separazione dei poteri e garanzia inalienabile dei diritti del cittadino secondo la rule of law.

    Fine del sogno europeo

    Quanto al primo punto, con lo sfilacciamento dei legami con la UE, ogni ipotesi di rilancio in chiave di allargamento e/o di unificazione politico-federale dell’Europa viene definitivamente riposta nel cassetto della storia. In Turchia, tra gli esperti di affari europei del “partito del velo e panturanista” di Erdogan, l’AKP, si vede svanire il sogno, utopico forse ma assai accarezzato, di divenire Paese leader dell’Europa. Il sogno era che in virtù del proprio peso demografico (80 milioni di abitanti), la Turchia potesse determinare le scelte e le elezioni dei vertici istituzionali della UE e orientare addirittura il baricentro delle politiche europee verso il Caucaso e l’Asia Minore. Con cinico pragmatismo Erdogan guarda ormai all’Europa come ad un complesso di Stati da considerare individualmente, di volta in volta in virtù del proprio interesse nazionale.

    Quanto al referendum sulla riforma costituzionale, va detto che già dal fallito golpe di luglio 2016 sono partite le “prove” ufficiali di un autentico “controgolpe” istituzionale, con il quale il presidente Erdogan ha via via asservito l’autonomia della magistratura al potere esecutivo; in virtù dello “stato di eccezione”, ha imposto una draconiana semipermanente sospensione dei diritti fondamentali civili e politici dei cittadini. Così, semplici provvedimenti amministrativi hanno portato all’epurazione – licenziamento – di oltre 100mila dipendenti statali rei presunti di connivenza con le forze armate golpiste, ed all’incarcerazione di quasi 50mila cittadini.

    In questo quadro Erdogan e l’AKP  hanno assoluta necessità di poter contare sul maggior numero possibile di voti onde ottenere l’approvazione della riforma costituzionale che in modo del tutto legale consegnerebbe nelle mani del premier un potere quasi assoluto, in grado di imprimere una svolta ancora più autoritaria ed avventuriera al potere di Erdoga. I voti della cosidetta diaspora turca, i più di sei milioni di cittadini turchi emigrati nei Paesi UE sono una necessità irrinunciabile, in nome dei quali il premier turco non ha certo tempo da perdere per rispettare gli standard democratici previsti dai parametri di Copenaghen della UE.

     

    e-mail this to a friend Printable version










    另见

    17/05/2017 10:18:00 土耳其 – 美国
    埃尔多安和特朗普努力修复美土友谊、在库尔德族问题上分歧依旧

    土耳其领导人充分表明对库尔德族民兵的敌视,指其是“恐怖组织”。华盛顿则将其视为打击伊斯兰国斗争中的关键盟友。安卡拉领导人再次要求引渡被视为去年七月未遂政变幕后指使的伊斯兰教士居伦



    30/05/2016 13:59:00 土耳其
    穆斯林聚集圣索非亚“清真寺”前庆祝攻陷君士坦丁堡、埃尔多安新奥斯曼帝国的光荣

    当年的圣索非亚大殿已经成为博物馆。沙特麦加教长主持祈祷,征集百万签名强迫政府将其恢复成清真寺。从上个世纪五十年代开始,阿德南·曼德烈斯总理期间开始庆祝攻陷君士坦丁堡。曼德烈斯本人则于六十年代被政变军人赶下台并被绞死。埃尔多安恢复这一庆典,意在为其新奥斯曼帝国梦想加冕



    03/11/2015 土耳其
    埃尔多安获胜第二天对其作出批评的周刊遭到搜查
    土耳其杂志《Nokta》在封面上刊登了总统照片,标题是《十一月二日星期一土耳其内战正式打响了》。不到两个月前,这家期刊曾经遭到了类似的待遇,也是因为在封面上发表了埃尔多安照片并进行批评。昨天,白宫表示对土耳其批评政府的媒体和记者遭到“威胁”感到“十分担心”

    04/06/2013 土耳其
    罢工示威继续、埃尔多安否认上演土耳其之春
    死亡人数增至三名。连日来的冲突中,伊斯坦布尔一千多人、安卡拉七百多人受伤。首都的警民冲突仍在继续,并向示威者投掷催泪弹。埃尔多安强调其政府所做的才是"土耳其之春";示威者要求其辞职

    31/12/2011 土耳其 - 塞浦路斯 - 埃及
    塞浦路斯发现海洋天然气;土耳其和埃及推进
    美国公司「诺贝尔能源」发现在塞浦路斯岛的东南面,有50000到80000亿立方米的天然气蕴藏。希腊塞人总统称之为「历史性」事件。与此同时,土耳其开了绿灯给俄罗斯至意大利管道,把俄罗斯天然气输送到欧洲。



    Editor's choices

    梵蒂冈 - 日本
    教宗致日本主教函件:要当社会的盐和光,甚至逆潮流而行



    在梵蒂冈万民福音部部长斐洛尼枢机探访日本时,教宗方济各敦促主教们和日本教会更新他们对社会的承诺。现今社会充斥着自杀、离婚、宗教形式主义、物质和精神上的贫穷。要求与教会运动合作,也许是对新慕道团争议的回应。


    日本 - 梵蒂冈
    菊地功总主教:赞同教宗的讯息,并欢迎斐洛尼枢机访问日本

    Tarcisio Isao Kikuchi

    日本明爱主席新潟教区主教对昨天教宗给日本主教的信发表看法。斐洛尼枢机此行也将访问福岛核电站。此外还有日本教会与新慕道团之间的关系“还没有解决。”


    AsiaNews IS ALSO A MONTHLY!

    AsiaNews monthly magazine (in Italian) is free.
     

    SUBSCRIBE NOW

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®