22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2012, 00.00

    TIBET

    È morto Norbu Damdul: tre mesi fa si era dato fuoco per la libertà del Tibet



    Nessuno sapeva che fine avesse fatto il giovane monaco tibetano. In fin di vita, era stato portato via dalla polizia. Le autorità cinesi hanno cremato il corpo e consegnato le ceneri alla famiglia, impedendo così gli ultimi rituali religiosi. Norbu aveva 19 anni.
    Dharamsala (AsiaNews) – È morto Norbu Damdul, il giovano monaco tibetano di Kirti che si era dato fuoco il 15 ottobre 2011. Il decesso è avvenuto il 5 gennaio scorso in un ospedale di Barkham, nella regione autonoma tibetana di Ngaba. Norbu aveva solo 19 anni. Quando si è dato fuoco, aveva urlato “Libertà per il Tibet” e “Lasciate tornare il Dalai Lama”.

    Dal giorno della sua autoimmolazione, la polizia aveva fatto scomparire il monaco in fin di vita e per circa tre mesi nessuno ha saputo nulla delle sue condizioni. Alla morte, le autorità cinesi si sono rifiutate di restituire il corpo del giovane alla famiglia, per celebrare gli ultimi rituali religiosi. Dopo aver cremato la salma, ufficiali di Pechino hanno consegnato ai familiari le sue ceneri.

    Dal marzo 2011, sono in tutto 15 i casi di autoimmolazione. Solo in questi primi giorni del 2012, già tre monaci hanno cercato di suicidarsi dandosi fuoco chiedendo la libertà per il Tibet e il ritorno del Dalai Lama. Di questi, due sono morti mentre il terzo è ferito in modo grave. (NC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2012 TIBET – CINA
    Tibet, ancora proteste: monaco 18enne si dà fuoco per ricordare la fuga del Dalai Lama
    Gepey apparteneva al monastero di Kirti, nella provincia del Sichuan. Egli si è auto-immolato in concomitanza con il 59mo anniversario della fuga del Dalai Lama dalla regione himalayana. Le autorità cinesi hanno sequestrato il cadavere e fermato la madre per interrogatori. La scorsa settimana altri sei monaci arrestati per “attività anti-cinesi”.

    28/08/2012 TIBET – CINA
    Due adolescenti tibetani si danno fuoco nel Sichuan
    Damchoe, 17 anni, e Lobsang, 18, si sono auto-immolati a Ngaba e chiedevano l’indipendenza del Tibet. Con loro salgono a 51 le autoimmolazioni. Il 25 agosto, una monaca tibetana ha attuato una protesta solitaria per il ritorno del Dalai Lama. La polizia l’ha sequestrata, perse tutte le tracce.

    18/07/2012 TIBET
    Ngaba, si dà fuoco e muore il 44mo monaco tibetano. Aveva 18 anni
    Lobsang Lozin apparteneva al monastero di Kirti, dal quale a marzo scorso due monaci si erano autoimmolati. Tensioni tra la polizia cinese e la popolazione locale. Altri religiosi sono riusciti a prendere il corpo e a celebrare i riti funebri.

    25/04/2013 TIBET-CINA
    Due monaci tibetani e una donna si danno fuoco: 119 autoimmolazioni
    I due giovani monaci appartenevano al monastero di Ngaba (Sichuan). Poche notizie sulla donna 23enne. Pechino accresce i controlli sui monasteri, taglia le comunicazioni con l'esterno e imprigiona i promotori delle proteste disperate.

    24/01/2013 TIBET
    Leader tibetano: Xi Jinping non può ignorare la tragedia del Tibet
    È l'appello di Tempa Tsering, rappresentante del Dalai Lama a New Delhi, al nuovo presidente. Finora Xi non si è espresso sul Tibet, dove i giovani continuano a darsi fuoco contro la repressione di Pechino. Da sempre il Partito comunista cinese ha fame di terra e potere e ha paura del Dalai Lama, amato anche da milioni di cinesi.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®