02/09/2020, 08.38
CAMBOGIA
Invia ad un amico

È morto il compagno Duch, l’unico Khmer Rosso ad aver chiesto perdono

Duch, il cui vero nome è Kaing Guek Eav, si era convertito al cristianesimo alla fine degli anni ’90. Sotto i Khmer Rossi è stato il direttore della prigione di Tuol Sleng, dove sono stati uccisi per tortura, stenti o esecuzione sommaria almeno 17mila persone. Nel 2012 era stato condannato all’ergastolo da un tribunale Onu internazionale.

Phnom Penh (AsiaNews) – Il compagno Duch, un leader dei Khmer Rossi, accusato di crimini contro l’umanità, è morto stamattina alle 5, allo Khmer Soviet Friendship Hospital. Era malato da diversi anni. Duch (suo nome di battaglia; il suo vero nome era Kaing Guek Eav), stava scontando l’ergastolo dopo la condanna inflittagli nel 2012 da un tribunale Onu internazionale. Egli è anche l’unico fra i Khmer Rossi ad aver chiesto perdono per i suoi crimini, dopo essere divenuto cristiano.

Il compagno Duch è stato il capo della prigione di Tuol Sleng (nome in codice: S-21), dove durante il regime dei Khmer Rossi (1975-1979) sono morte di tortura, di stenti o per esecuzione sommaria almeno 17mila persone. Si calcola che in nome della “rivoluzione zero” voluta da Pol Pot, il leader supremo dell’organizzazione maoista, siano morti in Cambogia quasi 2 milioni di persone.

Militari del vecchio regime, oppositori, intellettuali e gente comune sono stati costretti a lasciare le città e andare a lavorare nelle risaie, divenute dei veri “killing fields” (campi di esecuzione) in nome della costruzione di una “nuova” società comunista.

Duch è morto a 77 anni. Da adulto, insegnante di matematica, è entrato nel Partito comunista e poi si è unito ai Khmer Rossi. Nel 1975, quando l’organizzazione prese Phnom Penh, egli è divenuto il direttore di Tuol Sleng, trasformato oggi in un museo degli orrori dei Khmer Rossi (foto 2). Nel 1979, un’invasione vietnamita ha cacciato i Khmer Rossi e Duch e la leadership sono fuggiti ai confini con la Thailandia. Ha vissuto sotto falso nome finché nel 1999 non è stato riconosciuto. Dieci anni dopo un tribunale Onu lo ha condannato a 30 anni. Nel 2012, dopo essere ricorso in appello, è stato condannato all’ergastolo.

Nel 2010 sono stati processarti altri 4 leader Khmer Rossi: Khieu Samphan, ex capo di Stato; Ieng Sary, Ministro degli esteri; Ieng Thirith, moglie di Sary e Ministro per gli affari sociali; Nuon Chea, ideologo del regime e soprannominato “fratello numero 2”. Pol Pot, il sanguinario dittatore conosciuto come “fratello numero 1” è morto il 15 aprile del 1998, senza aver mai risposto delle atrocità commesse. Fra tutti questi, solo il compagno Duch ha ammesso le proprie colpe e chiesto perdono ai familiari degli uccisi.

Per Duch la presa di coscienza dei crimini commessi e la richiesta di perdono sono il frutto di un lungo cammino iniziato nel 1996, quando egli ha abbracciato il cristianesimo avendo come amico un pastore protestante in un villaggio vicino a Battambang. Dopo aver ascoltato i sermoni del reverendo Christopher Lapel, l’ex capo della prigione S-21 – che aveva tenuto nascosta la sua vera identità, facendosi chiamare Hang Pin – ha chiesto di essere battezzato. “È cambiato totalmente dopo aver abbracciato Cristo – racconta il rev. Christopher in una intervista rilasciata al Time nel 1999 – passando dall’odio profondo all’amore. Diceva di non aver mai ricevuto amore da bambino e negli anni giovanili. Convertendosi a Cristo, l’amore ha riempito il suo cuore”.

A suo tempo, il pastore Lapel, che ha perso diversi amici e parenti nella prigione S-21, aveva confidato di non nutrire sentimenti di odio “per l’unica persona che ha confessato di aver avuto un ruolo nella macchina della morte” ideata dai fanatici rivoluzionari maoisti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Prima udienza nel processo contro un leader khmer rosso
30/03/2009
Processo ai Khmer rossi: la testimonianza di un sopravvissuto
29/06/2009
Phnom Penh, si avvia a conclusione “l’inutile processo” al compagno Duch
23/11/2009
Leader dei Khmer Rossi condannati all’ergastolo per genocidio
16/11/2018 08:37
Khmer Rossi, si aprono gli uffici per "preparare" i processi
12/12/2005