21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/12/2016, 12.12

    PAKISTAN

    È morto p. Joseph Louis, “l’attivista dei poveri di Lahore” (Foto)

    Kamran Chaudhry

    Il sacerdote era malato da tempo. È stato per due volte segretario esecutivo della Caritas. Nel 1997 ha creato un fondo che si occupa di educazione per adulti e bambini, sviluppo sanitario e delle competenze professionali nelle zone rurali dell’arcidiocesi. Ha fondato una colonia per i cristiani poveri e un centro per non vedenti.

    Lahore (AsiaNews) – P. Joseph Louis, considerato dai cristiani di Lahore l’attivista dei poveri, si è spento all’età di 66 anni. Lo scorso 27 dicembre il sacerdote è stato stroncato da un infarto e da tempo soffriva di diabete e di complicazioni cardiache. Ieri al suo funerale, celebrato da 60 sacerdoti, hanno partecipato oltre 2mila fedeli. Ad AsiaNews mons. Joseph Arshad, arcivescovo di Faisalabad, afferma: “P. Louis aveva una vasta esperienza pastorale nei villaggi. Anche io ho imparato da lui, trascorrendo due mesi in sua compagnia. Egli era un sacerdote zelante, conosceva il contesto della società civile e si è speso tutta la vita come attivista”.

    L’estremo saluto si è svolto nella cattedrale del Sacro Cuore di Lahore. Rivolgendosi alla folla, p. Emmanuel Asi, segretario esecutivo della Catholic Bible Commission del Pakistan, ha detto: “Abbiamo perso un sacerdote genuino, che ha trascorso l’intera vita lavorando per il benessere dell’umanità, sia nel privato che attraverso le istituzioni ecclesiastiche”.

    In 40 anni di sacerdozio, p. Louis è stato per due volte il segretario esecutivo della Caritas di Lahore. Nel 1997 ha creato l’Umeed Trust (Fondo di mobilitazione urbana per lo sviluppo educativo ed ambientale), che offre prestiti, istruzione non ufficiale per i bambini, corsi di alfabetizzazione per gli adulti, di educazione sanitaria, per lo sviluppo dell’igiene e delle competenze professionali nelle aree rurali dell’arcidiocesi.

    Il sacerdote ha anche fondato la “Louis Town”, una colonia per i cristiani poveri di Lahore alla periferia della città, e un centro di riabilitazione per non vedenti.

    Nadeem Yousaf, coordinatore nazionale del Disaster Risk Reduction and Emergencies di Caritas Lahore, aggiunge che p. Joseph ha promosso la leadership dei giovani all’interno del braccio sociale della Chiesa cattolica in Pakistan. “Molte delle persone che egli ha nominato – ricorda – ora ricoprono ruoli di rilievo”.

    Egli ha anche finanziato lo studio di molti studenti, la cui formazione dipendeva totalmente da lui. “È triste – ammette Yousaf – ma i 10 centri per l’alfabetizzazione degli adulti che egli aveva aperto nelle baraccopoli di Lahore, hanno sospeso le attività dopo che lo scorso anno p. Louis si è ritirato dall’amministrazione della Caritas”.

    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-1


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-2


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-3


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-4


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-5


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-6


    E' morto p. Joseph Louis,
    E' morto p. Joseph Louis, "l'attivista dei poveri di Lahore"-7


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/04/2016 12:31:00 PAKISTAN
    Religioso di Lahore: Alla “bomba di Pasqua” i musulmani piangono con noi

    P. James Channan OP, direttore del Peace Center di Lahore, ricorda l’angoscia per la notizia degli attentati avvenuti a Pasqua. Gli estremisti islamici volevano colpire in particolare i cristiani, ma hanno ucciso anche molti musulmani. Diversi di loro si sono uniti nel lutto, hanno consolato e incoraggiato i cristiani. Il sacerdote organizza una preghiera interreligiosa, la leadership della Chiesa visita i feriti e i parenti delle vittime.



    21/12/2016 12:38:00 PAKISTAN
    Lahore, fondazione cattolica offre doni di Natale agli studenti poveri (Foto)

    La Cecil&Iris Chaudhry Foundation accoglie bambini poveri e fornisce loro un’istruzione di qualità. Youhanabad è la colonia cristiana più popolosa del Pakistan, ma non esistono scuole statali. I regali sono stati raccolti con un’iniziativa di beneficienza locale.



    08/06/2016 15:10:00 PAKISTAN
    Lahore, la Caritas insegna a leggere e scrivere alle donne cristiane

    L’istruzione è del tutto gratuita. Il programma di alfabetizzazione è stato creato nel 2014. Da allora almeno 175 giovani hanno terminato il corso semestrale, che si svolge in cinque centri sparsi delle baraccopoli della città. Fornire un’istruzione significa “accrescere la consapevolezza del proprio ruolo nella società tra le leader femminili”.



    30/01/2017 12:25:00 PAKISTAN
    Caritas Lahore: Profonda delusione per l’assoluzione dei responsabili del rogo di un quartiere cristiano

    Nel 2013 la Joseph Colony è stata data alle fiamme. Una folla di 3mila musulmani voleva vendicare una presunta accusa di blasfemia. Legali dei cristiani rischiano ritorsioni nel patrocinare casi di persecuzione religiosa. Leader del Punjab hanno “grandi alleanze con gruppi jihadisti”.



    24/10/2005 Pakistan
    Pakistan, l'aiuto dei più poveri per le vittime del terremoto

    I cattolici delle zone più disagiate della diocesi di Faisalabad hanno portato oggi "cibo, trapunte ed un poco di denaro" a mons. Coutts, vescovo e direttore nazionale della Caritas. Per il presule "un esempio magnifico di come si possa essere generosi".





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®