22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/09/2017, 13.24

    FRANCIA - VATICANO

    È morto p. René Laurentin, lo storico delle apparizioni a Lourdes

    Fady Noun

    Il rettore del santuario di Lourdes ricorda “la solidità del teologo, la serietà dello storico, l’agilità del giornalista”, ma anche “il fervore del credente, testimone della felicità dell’altro mondo promessa da Maria a Bernadette”. Ha studiato le apparizioni di Maria in Libano e in Siria. Ha anche studiato le apparizioni di Medjugorje. I funerali previsti per il 15 settembre

     

    Beirut (AsiaNews) – Teologo ed esegeta, grande storico delle apparizioni di Lourdes, esperto al concilio Vaticano II, il p. René Laurentin è morto il 10 settembre a Évry, nella periferia di Parigi, qualche settimana prima del suo centesimo compleanno (19 ottobre). Fino alla fine ha mantenuto la lucidità e la vivace curiosità per tutto ciò che riguarda la vita della Chiesa, senza dimenticare i cristiani d’Oriente. In uno dei nostri incontri al convento della Solitudine di Sion a Évry aveva rifiutato l’intervista – cosa che faceva spesso – e moltiplicato le domande sulla guerra in Libano, che stava seguendo da vicino. Egli aveva con gentilezza accettato di scrivere la prefazione al mio lavoro Devastazione e redenzione (Facoltà di scienze religiose – Usj), sulle apparizioni della Vergine in Libano prima e dopo la guerra (in ristampa). È così che le spettacolari apparizioni di Mousseitbé (1970), oggi dimenticate, sono figurate ne “Il Grande Dizionario delle apparizioni” che egli riuscì a creare con Patrick Sbalchiero (Fayard), e in cui uno spazio è riservato a Soufanieh (Damasco). Più tardi, la sua vista era diminuita in modo considerevole senza che questo alterasse la sua curiosità scientifica insaziabile. In particolare, egli ha continuato a compiere il suo viaggio annuale a Lourdes per l’11 febbraio, giorno della festa delle apparizioni, la cui credibilità è stata accertata in modo definitivo grazie ai suoi lavori.

    Nel corso degli anni, la moltiplicazione delle apparizioni della Vergine nel mondo lo aveva naturalmente incuriosito e spinto a scrivere una delle sue opere più famose (ne ha scritte 150!) “Moltiplicazione delle apparizioni della Vergine oggi. È lei? Che cosa vuole dire?” Quando possibile, egli si è recato nei luoghi di alcune apparizioni per sottoporle meglio ai suoi criteri di discernimento e per avere un contatto personale con i presunti veggenti.

    Le apparizioni di Medjugorje, va da sé, gli erano del tutto familiari. Egli pubblicava tutti gli anni un lavoro di aggiornamento su quello che il santuario offriva di nuovo, fino a quando le autorità ecclesiali ostili alle apparizioni non hanno ottenuto che egli cessasse di parlarne. Non aveva smesso di pensarci. La sua esperienza, in effetti, gli ha permesso di mettere tutto in prospettiva, di effettuare i necessari controlli incrociati, per evidenziare la coerenza (o l’incoerenza) delle presunte apparizioni e di rilevare l’essenziale. “Io dubito in modo sistematico – aveva l’abitudine di dire – ma non come un magistrato inquirente, con simpatia, che altera il mio dubbio”.

    Rendendo omaggio a p. Laurentin, il rettore del santuario di Lourdes, René Cabes, ha scritto ieri: “Quello che noi conserviamo e ammiriamo di René Laurentin è la solidità del teologo, la serietà dello storico, l’agilità del giornalista, in grado di trasmettere ciò su cui aveva lavorato con tanta profondità. Vorrei sottolineare il fervore del credente, testimone della felicità dell’altro mondo promessa da Maria a Bernadette. Molti hanno goduto dell’infinita cortesia dell’ospite.

    Il suo funerale sarà celebrato venerdì 15 settembre alle ore 10.30 nella Cattedrale di Évry.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2010 VATICANO
    Card. Shönborn: Medjugorje, come Lourdes, una scuola della fede quotidiana
    Dal 28 al 31 dicembre l’arcivescovo di Vienna ha compiuto un viaggio nel luogo dove appare la Madonna dal 1981. In un’intervista al Tagesblatt, spiega il senso delle apparizioni. Senza voler anticipare il giudizio definitivo della Chiesa, domanda a tutti di guardare ai frutti positivi di preghiera e carità che scorrono da Medjugorje.

    14/09/2008 VATICANO
    Papa: a Lourdes, Maria ci mostra la Croce, segno dell’amore di Dio più forte della morte
    Alla messa per il Giubileo delle apparizioni, Benedetto svolge la “catechesi” di Lourdes: scoprire “un cammino di fede e di conversione” che porta dalla scoperta della Croce come segno di salvezza, alla chiamata di Dio, alla missione. Appello ai giovani per la loro vocazione al matrimonio o alla vita religiosa. Il ricordo della persecuzione in India e nel mondo arabo. Il testo completo dell’omelia del papa.

    14/09/2008 VATICANO
    Papa: Con l’Angelus, Maria l’Immacolata è vicina a noi peccatori
    Continuando la “catechesi” di Lourdes, Benedetto XVI spiega il valore della preghiera quotidiana dell’Angelus e spinge tutti “peccatori e deboli” alla fiducia sincera, “senza orpelli e nella verità”, verso Maria, “di speranza fontana vivace”.

    11/02/2017 12:28:00 VATICANO
    L’arcivescovo di Varsavia inviato di Papa Francesco per Medjugorje: solo per motivi pastorali

    Il papa vuole comprendere di più le esigenze dei fedeli che giungono in pellegrinaggio in Bosnia Erzegovina. Il lavoro della commissione d'inchiesta sulla veridicità delle apparizioni è finito da tempo. Francesco ha speso fatto battute sulla "Madonna postina" o sulle apparizioni a comando, o sulla "madonna superstar", ma non le ha mai riferite espressamente a Medjugorje.



    16/09/2008 VATICANO
    Lourdes, le apparizioni della Vergine, un intervento di Dio nel cammino della Chiesa e del mondo
    Per i 150 anni di Lourdes, un congresso mariano ha tentato una lettura ecclesiale delle apparizioni ed un esame dell’influenza che esse hanno sulla storia, insieme al sorgere di santi e di nuove forme di vita religiosa.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®